Le situazioni più frustranti dei videogiochi – seconda parte

11 anni fa

9 minuti


Che gli dei ti maledicano!

Nell’articolo precedente, ho parlato di alcune cause che portano il giocatore-dipendente medio ad avere una “vita sociale” frustrata e a trovare conforto nel rendersi conto di non essere l’unico a subire “violenze” psicologiche da gioco.

Questa parte raccoglie alcune delle disavventure dei miei affezionati lettori :cookie: :cookie: :cookie:

Salvataggi inopportuni

Da quanto emerso nell’articolo precedente, non salvare può causare l’eterna dannazione della tua anima, ma anche il salvataggio si è rivelato essere un arma a doppio taglio, infatti dopo avere capito l’importanza di salvare spesso il gioco, si potrebbe salvare inavvertitamente pochi attimi prima della propria morte causando infiniti ri-caricamenti della partite nel disperato tentativo di evitare il fato, oppure il tanto amato salvataggio automatico potrebbe farsi sentire in un momento simile se non peggiore compromettendo l’integrità mentale del giocatore.

In ogni caso può provocare un lungo soggiorno all’inferno.

@Flea:
[more]

Mi è successa una cosa simile. Livello 8-9 (insomma una cacca).
Entro in un fortino e ammazzo i primi tre banditi e resto con poca vita. Decido di salvare per evitare di doverli ammazzare di nuovo e appena finito di salvare, PAM! Il capo dei banditi mi spunta dietro e mi uccide con un colpo :rofl: Avendo (intelligentemente) sovrascritto il salvataggio precedente, provo ogni volta a caricare, tentando invano di scappare. Dopo una trentina di tentativi riesco finalmente a scappare, ma il nemico non si arrende e continua ad inseguirmi per un bel po’, fin quando non nuoto fino ad un isolotto e lui resta bloccato per non so quale motivo in mezzo all’acqua :rofl: .
Morale della favola: ho perso circa 20 minuti sparandogli frecce pur di ucciderlo, dato che la mia abilità arciere faceva proprio schifo :D
[/more]

@Dez:
[more]

Parlando di Skyrim mi vengono in mente due episodi significativi. Il primo è un salvataggio veloce quando, con pochissima vita, stavo per ricevere una bel dardo di ghiaccio. Ho dovuto continuare a ricaricare e tentare un salto per schivare la magia. Dopo Nmila caricamenti ci sono riuscito. Fortunatamente direi, perchè da pirla era l’unico salvataggio utile dopo ore di gioco.
Un altro momento bestemmioso invece è stato quando un NPC che dovevo scortare fuori da un dungeon si bloccò dietro una porta APERTA :D ma cazzo, c’è la porta aperta e tu ci vai proprio dietro? Al che l’ho massacrato di botte e ripreso un salvataggio precedente :D
[/more]

@lovaj:
[more]


:fav: +1 ho lollato durissimo! Scusa ma ancora peggio di “Morire quando non si è salvato il gioco” c’ è “Morire subito dopo aver salvato e sovrascritto!” :D :rofl:

Ho dovuto riniziare il livello di un gioco (se non sbaglio Tomb Raider) perchè usavo un unico salvataggio e ho salvato per sbaglio mentre facevo un volo incredibile (con successivo spiattellamento)

[/more]

Questo tipo di frustrazione è una delle peggiori perchè non ci consente di inquarzarci con terzi, o meglio non consentirebbe, infatti solitamente quando succedono queste cose ci sono altri giocatori o “testimoni” (dio preghi per le loro anime) della tragedia in atto: ottimi per scaricare la rabbia e testare le tue abilità di lancio del joystik alla xena.

Combattimenti inutili

Alcuni giochi lasciano a intendere al giocatore cose impossibili, e naturalmente il giocatore medio, appena vede qualcosa che si muove spara/uccide/morde/sbava e non spreca nemmeno un ciclo di clock per soffermarsi a controllare la situazione, questo è un vero peccato per tutte le persone religiose che si ritroveranno a consumare caricatori interi, realizzando troppo tardi di sparare a uno sfondo innocuo.

Non è finita qui, infatti silenzioso come un fottuto ninja, il salvataggio automatico attende pazientemente che tu ti accorga di cosa sta accadendo:

Vuttana ho finito le cartucce contro il nulla, vabbè ricar…

Non fai in tempo a finire di parlare che…”Plin”, un icona lampeggiante ti informa che il salvataggio automatico ha appena sovrascritto i dati.

Le persone che vivono con te sono il tuo nemico numero 1

Gli eventi interni al gioco non sono i soli a provocare manie omicide, anche il mondo esterno da il suo contributo come può.

Ricordate: non ci si può fidare di nessuno a questo mondo, nemmeno dei parenti che infatti si sono rivelati essere creature “cattiverrime”:

@nani:
[more]

Un po’ come quando scopri che tua madre ha prestato il Game Boy Color al figlio di una sua amica, e così hai perso irrimediabilmente il tuo amato et unico salvataggio? Quel bambino e, soprattutto, mia madre sono vivi per miracolo.


[/more]

@ziolenny:
[more]

mio padre ha staccato la corrente mentre stavo salvando una partita di FFVII nonostante gli avessi detto di aspettare.L’ho odiato a morte e insultato come non mai.
[/more]

@ilsologheo00:
[more]

Aggiungo ancora, mano a mano che mi vengono in mente.
Avere tuo cugino piccolo in casa, il quale decide di giocare con la tua PS3. Lui la accende,avvia il giuoco e tu ti distrai 5 minuti. SOLO 5 FOTTUTI minuti per rispondere ad un semplice ed innocente SMS.
Lui nel frattempo ha fatto “Nuova partita” e alla voce “Se selezioni questa opzione tutti i tuoi dati precedentemente salvati saranno sovrascritti” ha risposto “Si”.
Quando te ne rendi conto è troppo tardi. Guardi tuo cugino che si diverte giocando. Tu tenti l’impiccagione. Poi esci dalla stanza, corri lontano, verso l’orizzonte, e urli improperi che fanno volare via gli uccelli dai rami.
[/more]

@lucamrblonde
[more]

A proposito di cugini…
Porting di Kula World (ve lo ricordate? Bellissimo rompicapo per PS1, uno dei primi giochi usciti per quella console) giocato su PSP, tutta l’estate che ci sto dietro, me lo son portato persino a Barcellona :rofl:
Un pomeriggio, quando sono al livello 92 su 100, mio cugino mi chiede di fare una partita. 8 anni. Ha avuto l’accortezza di chiedermi spiegazioni quando è comparsa la scritta di salvataggio (gli avevo ovviamente fatto iniziare una nuova partita)…peccato che l’abbia fatto al secondo savepoint, e quindi dopo aver sovrascritto tutto il mio lavoro.
[/more]

@brian:
[more]


cugini che ti erasano memory card piene
cugini di merda
[/more]

Ebbene si il giocatore è un lupo solitario, gli altri esseri viventi non possono giovare alla sua situazione anzi, ne compromettono la psiche.

L’esaurimento degli slot inventario

Il mio tessorooooo

I giocatori sono accaparratori per natura, gazze ladre virtuali ossessive, attratti da qualunque cosa “brilluccichi” sul suolo e valga qualche moneta d’oro: cucchiai ,pentole, scarafaggi e tutte le peggio cose trasportabili.

Purtroppo ci sono giochi insensibili come skyrim, dove l’inventario è condizionato dal peso degli oggetti, questo ci porta a fare scelte su cosa trasportare e cosa lasciare per terra in balia del nulla (mi si spezza il cuore al pensiero), naturalmente, quando si deve scegliere quale oggetto abbandonare, si sceglie sempre quello sbagliato, infatti la missione principale richiederà sicuramente l’oggetto lasciato a terra, che per dispetto non si farà mai più trovare -> caricamento della partita precedente indispensabile (naturalmente il salvataggio è di mesi prima).

Senza contare le improbabili conoscenze fisiche della Bethesda


una faretra di 100 frecce di ferro pesa 0

un sasso inutile a caso pesa 25

Bitch, please, ma nessuno pensa alle manie ossessivo-compulsive?

Glitch: a tuo rischio e rischio e pericolo e morte

Nei videogiochi un glitch è un involontario errore di programmazione che può portare ad un effetto o comportamento originariamente non voluto. In questa categoria rientrano errori di visualizzazione grafica per fondali o personaggi, errori nei punti di contatto tra oggetti, freeze o blocchi del programma, irregolarità o sfalsamento dell’audio ed altri.

Il “glitching” consiste nella ricerca da parte del videogiocatore di un glitch da sfruttare a proprio vantaggio.

Durante la certificazione di qualità, come quella eseguita dai tester, i glitch devono essere individuati ed elencati in una relazione da rispedire ai programmatori.

A vederlo così sembrano quasi innocui, anzi viene voglia di provarli.

Ma solo chi ha perso un “amico” pokemon/salvataggio può capire la sofferenza a cui può portare questa droga fasulla.

Realizzare che il tuo salvataggio non esiste più porta il giocatore nello sconforto più totale, anche distruggere perde di significato, ci vorrà diverso tempo per elaborare il lutto, ma quando ci riuscirà, si prometterà di non fare mai più una cosa del genere..

@jimmyceline:
[more]


Pokémon Cristallo.

Come ben sapete la secoda generazione di Pkmn è famosa per un glitch che ha fatto la Storia : la CLONAZIONE.
Bene, il bel ragazzino che un tempo fui pensò che, dopo l’ennesima sconfitta da parte di schiere di Mewtwo e Lugia, fosse arrivato il momento di apprendere questo massonico segreto.
Convocato il concistoro degli amichetti, (Oro e Argento, loro, io ero lo scemo con Cristallo ndr.) ci si mette tutti in cerchio con i GameBoy. Mi illustrano l’infingardo metodo. Io apprendo.

Ci provo

..
.

Il glitch non va.
Gli amichetti sono perplessi.

Ci si riprova

..
.

Ed è la fine.
[Con annessa derisione di chiunque fosse nel raggio di qualche metro]

__________
>NEW GAME
OPTION
__________

[/more]

@Supergiovane:
[more]


Pokemon Blu.
Andavo ancora alle Elementari e le punte di diamante della mia squadra di Pokèmon erano un Persian e un Blastoise, entrambi al livello 100. Li amavo come fossero miei fratelli.
La sfiga volle che sperimentassi la Clonazione pure io… :(
Il metodo utilizzava un bug nel processo di scambio tramite cavo e consisteva nello spegnere il Game Boy nel momento in cui lo scambio stava avvenendo, all’ apparizione della scritta “Salvataggio in corso, non spegnere” (contro ogni regola di buon senso). Una volta riaccesa la console, teoricamente, sarebbe dovuta apparire la scritta “scambio fallito”, nel team avresti trovato il pokemon che avevi deciso di dare via e nel box, per magia, il pokemon che il tuo amico ti voleva mandare. Così in tutti e due i Game Boy, doppio Pokèmon per entrambi!
Morale della favola:
Scambio Blastoise-Mew.
Spengo. Riaccendo. Mew in squadra, sia nella mia che in quella del mio amico. Blastoise scomparso, sia da me che dal mio amico.
Depressione per giorni e giuramento di odio eterno verso quei trucchetti.
2 Mesi dopo sto giocando a Pokemon Giallo, nel quale ho trasferito il mio caro e amato Persian. Un pomeriggio lo prestai a un cugino che all’epoca andava ancora all’asilo.
Vi lascio indovinare il finale.
[/more]

Pokémon e Casio, un amore rinnovato nel nuovo orologio Baby-G
Pokémon e Casio, un amore rinnovato nel nuovo orologio Baby-G
Crea messaggi personalizzati tratti da vecchi videogames con Death Generator
Crea messaggi personalizzati tratti da vecchi videogames con Death Generator
Pokémon Go potrebbe non arrivare in Cina
Pokémon Go potrebbe non arrivare in Cina
Netflix Original Game, l'endless runner di Netflix
Netflix Original Game, l'endless runner di Netflix
Pokémon Go, la vendetta dei Pokémon a Basilea
Pokémon Go, la vendetta dei Pokémon a Basilea
E se famosi brand producessero preservativi?
E se famosi brand producessero preservativi?
I Pokéumani di Hitec
I Pokéumani di Hitec