Recensione Final Fantasy XIII-2

9 anni fa

Molti dei fan della saga si erano lamentati dopo l’uscita di Final Fantasy XIII. Square Enix ha deciso di raccogliere tutte le critiche e di inserirle nel nuovo capitolo, Final Fantasy XIII-2.
E’ la seconda volta che Square Enix esce con un sequel di un precedente episodio, ma dopo essere stati alla presentazione ufficiale del gioco possiamo rassicurarvi che questa non diventerà un’abitudine.
Final Fantasy XIII-2 è semplicemente un ritorno alle origini! L’uscita del gioco in Italia è prevista per domani (3 febbraio 2012).
Ovviamente ci è stata consegnata una lista di contenuti che non possiamo spoilerarvi, non vogliamo essere picchiati a sangue da quelli brutti e cattivi di Square Enix!

Vi scrivo due righe introduttive, per la recensione completa vi consiglio di guardare il video dei vostri amichevoli Topic Hunter di quartiere.

Trama
La trama di FF XIII-2 è ambientata 3 anni dopo gli avvenimenti del XIII (che vi andate a rivedere qui; questa volta ad essere scomparsa è la povera Lightning, trascinata in un’altra dimensione. Il destino di Lightning e del destino del mondo questa volta è nelle mani della sorellina Serah e di Noel, un giovane arrivato da un futuro post-apocalittico.

Modalità di gioco
Come già accennato, in questo nuovo capitolo della saga, sono stati inseriti tutti i suggerimenti dei fan precendentemente delusi. Il free-roaming è stato notevolmente potenziato, non solo nello spazio ma anche nel tempo. I protagonisti infatti dovranno affrontare la missione viaggiando continuamente nel tempo. Oltre alla missione principale sono state aggiunte diverse quest secondarie, per un totale di circa 60 ore di gioco.
Ci sono alcuni graditi ritorni come quella del moguri (la piccola e utile mascotte di Serah) e dei chocobo.

Il sistema di gioco è rimasto pressoché invariato; la novità è che ora si possono catturare i mostri che si incontrano, potenziarli e sfruttarli come membri del proprio team durante le battaglie.
Altra novità interessante riguarda le scenette: in questo capitolo non dovrete semplicemente aspettare di poter giocare, ma potrete interagire con i personaggi e con l’ambiente tramite i tasti del controller; potete addirittura cambiare l’esito della storia scegliendo tra le quattro risposte che vi verranno proposte nelle conversazioni.

Conclusione
Come detto sopra non possiamo dirvi di più, ne va della nostra vita! Per ora è presto per trarre conclusioni, abbiamo appena iniziato a giocarci e non vogliamo dare un giudizio prima di aver concluso l’opera. Sicuramente possiamo dirvi che come gioco è decisamente più godibile rispetto al XIII e che i puristi della saga dovrebbero ritenersi soddisfatti per le modifiche apportate. L’unica “pecca” forse sta nella trama, che per ora ci sembra meno di spessore rispetto ai precedenti capitoli della saga.
In ogni caso, se lo comprate, fateci sapere cosa ne pensate. Rimarrete soddisfatti o bestemmierete come se non ci fosse un domani?

Square Enix porta in campo le mascherine ufficiali di Final Fantasy XIV
Square Enix porta in campo le mascherine ufficiali di Final Fantasy XIV
Mailtime 73: Speciale Natale
Mailtime 73: Speciale Natale
Mailtime 72
Mailtime 72
Assassin’s Creed Valhalla, la recensione
Assassin’s Creed Valhalla, la recensione
PlayStation 5, la recensione
PlayStation 5, la recensione
Xbox Series S Unboxing Italiano
Xbox Series S Unboxing Italiano
Ghost of Tsushima, la recensione: Sucker Punch sbaglia l'affondo finale
Ghost of Tsushima, la recensione: Sucker Punch sbaglia l'affondo finale