Ciro, il figlio di Target

Zed
16 Luglio 2011


Incubi ricorrenti, alluci valghi, dissesti finanziari, pane stantio…

Ciro, il figlio di Target, è una trasmissione Mediaset condotta (inizialmente) da Gaia de Laurentiis e andata in onda dal 1997 al 1999 (diventata poi Ciro presenta Visitors e SuperCiro fino al 2004) che IMO rappresenta la vetta della comicità televisiva dei canali del Biscione e ha contribuito al successo di talenti ancora oggi in attività.

Parliamo di Luciana Littizzetto, Neri Marcoré, Enrico Bertolino e, sopratutto, il gruppo dei Cavalli Marci.

I Cavalli Marci erano un gruppo di comici e cabarettisti genovesi fondato dal compianto Claudio “Rufus” Nocera (che vedete sopra in una delle gag di “Pessimismo e Fastidio”) e nelle cui fila hanno militato Luca Bizzarri, Paolo Kessisoglu, Alessandro Bianchi, Michelangelo Pulci e, negli ultimi tempi, Enrique Balbontin e Fabrizio Casalino.

Eredi della caustica comicità genovese (Paolo Villaggio, Beppe Grillo), i Cavalli Marci davano vita alla maggior parte delle micidiali gag di Ciro.

Alcuni esempi, la mitica CiroBox con “Fede” (Luca Bizzarri) lasciato dalla fidanzata:
Mostra Approfondimento ∨

Oppure Ciro Camere, con Luca e Paolo live dal Parlamento:
Mostra Approfondimento ∨

Ma una delle gag più Nerd sicuramente la Lara Croft di Sabrina Impacciatore, mitica:
Mostra Approfondimento ∨

Vogliamo dimenticarci di Selen, la pornostar, testimorial dei prodotti Meneghetti?
Mostra Approfondimento ∨

Tra le mie preferite poi la Littizzetto-Lolita e la Littizzetto-Paola & Chiara:
Mostra Approfondimento ∨

Ci sarebbe poi Neri Marcorè che nei panni di Hannibal Lecter… e tanti altri.

Ora girano le repliche su Mediaset Extra, se vi capita…

Il nome del programma, ovviamente, deriva da uno dei più epic fake della TV italiana:
Mostra Approfondimento ∨

Aree Tematiche
Televisione
Tag
sabato 16 Luglio 2011 - 19:10
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd