Donne soldato
14

Studiando a Modena a poca distanza da una delle Accademie Militari più famose d’Italia mi capita spesso di passarci davanti e rimanere affascinata dal mondo che nasconde e dal tipo di vita così differente che chi la frequenta sceglie di vivere. Utilizzando le conoscenze e le curiosità che mi sono procurata nel tempo ho deciso di scrivere qualcosa riguardo soprattutto al molto discusso ingresso delle donne nell’esercito.

Donne soldato

Prima di cominciare scacciate quella fantasia erotica di donna in divisa militare con minigonna inguinale che vi è venuta in mente appena avete letto “Donne soldato”. Fatto? Toglietevi dalla testa anche quella della donna soldato nuda che imbraccia un AK-47. Fatto? Bene possiamo cominciare.

L’entrata in servizio di personale femminile nelle Forze Armate italiane è un argomento di cui si discute dal 1963. Le donne sono state ammesse sin dal 1919 all’esercizio di tutte le professioni ed impieghi pubblici con l’esclusione della difesa militare dello stato. Progressivamente l’opinione pubblica ha sviluppato una cultura ed una sensibilità tale sulla questione che ha condotto all’istituzione del servizio militare volontario femminile. Il concetto di “donna soldato” nasce quindi esclusivamente per richiesta della società civile. L’approvazione della legge che consente l’ingresso delle donne nelle Forze Armate e nella Guardia di Finanza risponde al nuovo modello di Difesa inerente ai nuovi compiti e scenari operativi previsto per le Forze Armate (incremento delle missioni e carattere internazionale, attività di peace keeping), per assolvere ai quali è necessario uno strumento integrato con quelli dei Paesi europei e NATO che includono personale femminile da molto più tempo.

Nel 1992 l’Esercito Italiano ha realizzato il primo esperimento di “donne soldato”, presso la caserma dei “Lancieri di Montebello” in Roma.
Vennero prese 29 ragazze italiane cui fu data la possibilità di vivere per 36 ore in caserma, svolgendo normali attività militari di addestramento. Entusiaste dell’esperienza fondarono insieme ad altre ragazze l’A.N.A.D.O.S. (Associazione Nazionale Aspiranti Donne Soldato).
La legge con cui il Parlamento incaricava il Governo di approntare una normativa per l’istituzione del servizio militare volontario femminile fu approvata nel 1999. I primi bandi di concorso relativi al reclutamento nelle Accademie Militari dell’Esercito, Marina ed Aeronautica sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale del del 4 gennaio 2000. L’Accademia Militare di Modena ha ricevuto 22.692 domande di cui il 54,91% da parte di donne (posti a disposizione 295), l’Accademia Navale di Livorno ha ricevuto 7.444 domande, di cui il 57,04% da donne (per 155 posti), l’Accademia Aeronautica di Pozzuoli 12.546 domande di cui 50,84% da donne (per 136 posti).

Al di là dei problemi di tipo logistico, che sono già stati affrontati, il “mondo militare” è chiamato ad un adeguamento culturale che ponga le donne in condizioni di assoluta parità.
Dal 2001 sono operative le prime “donne soldato” che sono state impegnate in Bosnia, Kosovo ed Afghanistan.
Attualmente alle donne rimangono interdetti alcuni dei più famosi corpi speciali come i Col Moschin e la Legione straniera ed altri reparti elitari.

Questa è solo una parte del materiale che ho raccolto. Per chi ha voglia e tempo ci sono un paio di approfondimenti di tipo storico e sociologico.

Le vecchie e le nuove amazzoni
Mostra Approfondimento ∨

La donna scende in campo
Mostra Approfondimento ∨

La guerra oggi
Mostra Approfondimento ∨

Fonti:
Ministero della Difesa, in particolare qui e qui.
“Le donne e la guerra. Ieri, oggi, domani.” di Martin van Creveld
Wikipedia
Documentario “Io Giuro. Appunti di donne soldato” di Maria Martinelli: prima parte su youtube

TheBlondiest

Bella stronza. Ho sempre subito il fascino perverso del mondo NERD ma sfortunatamente sono nata del sesso sbagliato per la tendenza culturale del movimento, quindi recupero come posso!
Aree Tematiche
Real Life Storia
Tag
domenica 22 maggio 2011 - 12:41
Edit

Lega Nerd Podcast

Lega Nerd Live

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd