Google celebra Jurij Gagarin, il primo uomo nello spazio

12 anni fa

Il 12 aprile 1961, il russo Jurij Gagarin compie l’impresa che lo porterà nella storia: è il primo esemplare della razza umana che vola nello spazio (e torna indietro…)

Per celebrare l’anniversario, Google gli dedica uno dei suoi doodle (passate col mouse sopra l’immagine e vedrete il razzo partire!)

Da Wikipedia:

Il volo dell’allora maggiore Jurij Gagarin iniziò il 12 aprile 1961, alle ore 9.07 di Mosca, all’interno della navicella Vostok 1 (Oriente 1), del peso di 4,7 t: egli pronunciò la celebre espressione – поехали! (pojechali – “siamo partiti”) al decollo per il volo spaziale. Compì un’intera orbita ellittica attorno alla Terra, raggiungendo un’altitudine massima (apogeo) di 302 km e una minima (perigeo) di 175 km, viaggiando a una velocità di 27.400 km/h. Per tale missione Gagarin aveva scelto il soprannome Кедр “Kedr” (“cedro”), usato durante il collegamento via radio.
Durante il volo, guardando dalla navicella ciò che nessuno aveva mai visto prima, comunicò alla base che “la Terra è blu […] Che meraviglia. È incredibile”.

Qui un approfondimento sulle celebrazioni e qua il link al bazinga sul film a proposito.

ESA, l'agenzia spaziale europea cerca nuovi astronauti per la prima volta dal 2008
ESA, l'agenzia spaziale europea cerca nuovi astronauti per la prima volta dal 2008
Jeff Bezos si è dimesso da Amazon per concentrarsi su Blue Origin e lo Spazio?
Jeff Bezos si è dimesso da Amazon per concentrarsi su Blue Origin e lo Spazio?
Tribunale spaziale: come gestire le controversie fuori dal pianeta
Tribunale spaziale: come gestire le controversie fuori dal pianeta
Project Loon chiude, internet worldwide addio: per Google X non è più sostenibile
Project Loon chiude, internet worldwide addio: per Google X non è più sostenibile
Artemis team: annunciati i primi membri della missione per la Luna e oltre
Artemis team: annunciati i primi membri della missione per la Luna e oltre
ISS: la Stazione Spaziale Internazionale è più vicina di quanto si pensi
ISS: la Stazione Spaziale Internazionale è più vicina di quanto si pensi
Boeing CST-100 Starliner, l'abitacolo è quanto di più diverso possa esserci da quello del Crew Dragon
Boeing CST-100 Starliner, l'abitacolo è quanto di più diverso possa esserci da quello del Crew Dragon

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.