La UE sanziona con una multa da 649 milioni di euro il cartello asiatico degli schermi Lcd

12 anni fa

La Commissione europea ha inflitto una multa totale da 649 milioni di euro a un gruppo di costruttori asiatici di schermi LCD per televisori e computer, accusati di aver costituito un vero e proprio cartello che alterava la concorrenza.
Lo ha annunciato il commissario per la concorrenza, Joaquin Almunia. Sono sei le società asiatiche coinvolte e per le quali la Commissione Europea ha rilevato la costituzione di un cartello e comminato una sanzione complessiva di 648,925 milioni di euro.
Si tratta delle coreane Samsung Electronics e Lg Display e le taiwanesi AU Optronics, Chimei Innolux Corp., Chunghwa Picture Tubes e HannStar Display Corp.
Samsung, pur essendo la prima nella lista delle infrazioni, se la cava senza dover pagare nulla perchè è stata la prima a fornire informazioni e a collaborare con le autorità europee e in base alle regole previste dalla Comunicazione sulla cooperazione della Commissione europea del 2002, l’azienda coreana è stata esentata al 100% dal pagamento della multa.
LG, invece, che ha solo parzialmente collaborato, ha avuto una esenzione del 50% e dovrà comunque pagare 215 milioni di euro. La taiwanese AU Optonics (20% di sconto) dovrà invece versare 116,8 milioni. La Chimei, alla quale non è stata riconosciuta alcuna riduzione, dovrà pagare 300 milioni di euro. Per Chunhwa l’ammenda ammonta a poco più di 9 milioni di euro (con il 5% di sconto) e per HannStar è poco più di 8 milioni di euro.
“Le aziende straniere, come quelle europee, devono capire che se vogliono fare affari in Europa devono giocare pulito”, ha sentenziato Joaquim Almunia, il quale ha anche aggiunto: “Le aziende colpite oggi erano consapevoli di infrangere le regole della concorrenza, ma andavano avanti nel pianificare la loro condotta illegale e l’unica comprensione che abbiamo mostrato è stata per le aziende che hanno fornito le prove della sua esistenza”.
Il riferimento è dedicato a Samsung che ha fornito le prove sul malaffare che andava avanti da ben quattro anni. Nei coseddetti ‘Crystal meetings’ le aziende in questione si scambiavano anche i piani di produzione futura, informazioni sull’utilizzo della capacità produttiva, sui prezzi e relative politiche commerciali.

Tutto il mondo è paese :P

Fonte

Kiev sotto i missili, colpito anche il centro di ricerca e sviluppo di Samsung
Kiev sotto i missili, colpito anche il centro di ricerca e sviluppo di Samsung
Le azioni di GameStop stanno crollando e Reddit si infiamma
Le azioni di GameStop stanno crollando e Reddit si infiamma
Google, devi smetterla di viziare i tuoi utenti
Google, devi smetterla di viziare i tuoi utenti
Sistema bancario e debito pubblico
Sistema bancario e debito pubblico
Apple accusata di aver creato un cartello sugli e-book
Apple accusata di aver creato un cartello sugli e-book
The Facebook's IPO
The Facebook's IPO
iPhone 4s? Non in Italia
iPhone 4s? Non in Italia

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.