Isaac Newton: L’uomo che definì la scienza scommettendo con la vita

Matematico, fisico, astronomo, filosofo naturale, teologo, storico e alchimista: tutte queste definizioni si applicano a una sola persona – Sir Isaac Newton (1643-1727). Lo scienziato inglese è universalmente noto come uno dei più grandi di tutti i tempi. La sua opera rivoluzionaria “Philosophiae Naturalis Principia Mathematica“, pubblicata per la prima volta nel 1687, presenta le celebri leggi di Newton sul moto e sulla gravità universale. Questo lavoro è pioneristico per quanto riguarda la fisica moderna ed è considerato uno dei libri più importanti nella storia della scienza.

Ma i “Principia” non furono l’unico contributo di Newton. Ha anche dato un apporto fondamentale all’ottica e al calcolo. Tuttavia, ciò che può sorprendere sono le sue strane e affascinanti avventure. Infatti, esiste un altro lato di Newton, più misterioso, che è conosciuto in modo imperfetto, un ambito di attività che ha attraversato circa trent’anni della sua vita (sebbene lui stesso lo tenesse in gran parte nascosto ai suoi contemporanei e colleghi). Si dedicò all’alchimia, ad esempio. I documenti superstiti rivelano che Newton aveva persino una ricetta per la creazione della pietra filosofale. Provò a farsi una lobotomia. Era in lotta contro i contraffattori dell’epoca. La sua eredità è pervasa dalle sue leggi fisiche fondamentali e dalla sua mente brillante, che continua ad ispirare e guidare gli scienziati fino ai giorni nostri, ma cerchiamo di scoprire qualcosa di più sul suo lato più misterioso.

Newton cercò di trasformare il piombo in oro

La mente instancabile di Newton non si limitava alla scienza. Studiò ed eseguì anche esperimenti approfonditi nel campo dell’alchimia, una branca della pseudoscienza i cui praticanti cercavano, tra le altre cose, di trasmutare i metalli comuni in oro o argento preziosi. I documenti sopravvissuti indicano che Newton aveva persino una ricetta per la pietra filosofale, il Santo Graal dell’alchimia. La pietra era ritenuta essenziale per trasformare il piombo in oro, curare ogni tipo di malattia e svelare i segreti dell’immortalità. Purtroppo, nonostante i suoi sforzi, Newton non riuscì a realizzare queste ambizioni alchemiche.

Scrisse e trascrisse circa un milione di parole sul tema dell’alchimia. I manoscritti alchemici di Newton comprendono una serie ricca e diversificata di tipi di documenti, tra cui quaderni di laboratorio, indici di sostanze alchemiche e trascrizioni di Newton da altre fonti. In passato l’alchimia non era considerata pseudoscienza fuorviante. Piuttosto, fu una fase preziosa e necessaria nello sviluppo della chimica moderna. Tra i risultati più significativi dell’alchimia: la creazione di nuove leghe, la produzione di acidi e pigmenti, l’invenzione di apparecchiature per la distillazione, il processo utilizzato per la produzione di profumi e whisky, la concezione degli atomi secoli prima della moderna teoria atomica e la creazione di un modello per il metodo scientifico attraverso esperimenti controllati e ripetuti.

Si è quasi fatto una lobotomia

Come molti scienziati nel corso della storia, Newton dimostrò di avere una vivace curiosità che lo portava sempre a sperimentare e non esitò a mettere alla prova le sue idee su sé stesso. Da giovane, durante i suoi studi sull’ottica, decise di indagare su come la forma dell’occhio umano influenzasse la percezione dei colori. Pertanto, intraprese un esperimento insolito inserendo un punteruolo, un tipo di ago smussato di grandi dimensioni, tra la palpebra e il bulbo oculare. Successivamente, spostò il punteruolo e lo utilizzò per esercitare una leggera pressione sul bulbo. Sebbene possa sembrare un dettaglio macabro, è interessante notare che l’esperimento non causò danni permanenti a Newton.

Al contrario, l’esercizio produsse visioni di cerchi colorati, fornendo ulteriori prove sulla relazione tra la forma dell’occhio e la percezione dei colori.  Tuttavia, se un semplice starnuto inopportuno fosse intervenuto durante l’esperimento, la storia della scienza potrebbe essere stata completamente diversa. Fortunatamente, Newton riuscì a condurre l’esperimento senza incidenti significativi e le sue scoperte sull’ottica, comprese le sue osservazioni sui colori, hanno avuto un impatto duraturo nello sviluppo della scienza.

Rendersi quasi cieco per studiare il sole

La determinazione di Newton nel condurre esperimenti audaci sull’ottica raggiunse un punto estremo quando si rese quasi cieco fissando il sole. Quando non aveva a disposizione un punteruolo smussato, Newton si sottoponeva a un abuso visivo fissando direttamente il sole, utilizzando uno specchio posizionato in modo tale da riflettere la luce solare su di lui all’interno di una stanza buia, al fine di dilatare completamente le sue pupille. Come ormai tutti sappiamo, guardare il sole a occhio nudo comporta il rischio di danni permanenti, persino di cecità. Tuttavia, ebbe nuovamente fortuna.

Nonostante abbia ripetuto l’esperimento più volte, subì solo un disagio a breve termine, durante il quale sperimentò diversi giorni di visione di punti luminosi, rifugiandosi in una stanza buia fino al completo recupero. Sta di fatto che queste esperienze, insieme ad altre osservazioni, fornirono preziose informazioni per la ricerca di Newton sull’ottica e la sua teoria della luce. Nel 1704 infatti, pubblicò un’altra grande e influente opera, opportunamente intitolata “Optiks“. Questo lavoro rappresentò il culmine dei suoi studi in materia, basata sulle sue osservazioni e le sue sperimentazioni pionieristiche. L'”Opticks” divenne un testo fondamentale per la comprensione della luce, dei colori e delle leggi che governano la loro interazione.

L’eroe della Zecca Reale: la Crociata di Newton contro le contraffazioni

Dopo la straordinaria pubblicazione dei Principia e il consolidamento della sua eredità come una delle menti scientifiche più grandi di tutti i tempi, nel 1696 Newton prese una svolta inaspettata nella sua carriera accettando l’incarico di direttore (e successivamente di sovrintendente) presso la Zecca Reale, l’istituzione responsabile della produzione della moneta inglese. Newton si dedicò con grande serietà al suo ruolo presso la Zecca fino alla sua morte, mettendo particolare impegno nella lotta contro le contraffazioni. Nonostante l’avanzare dell’età, Newton dimostrò un’enorme determinazione personale nel portare i criminali davanti alla giustizia.

Si infiltrò nella malavita, interrogò personalmente centinaia di sospetti e testimoni e, quasi da solo, riuscì a far condannare più di venti di falsari. All’epoca, la contraffazione di moneta era considerata un grave reato punibile con la pena di morte, e Newton si dimostrò spietato nel perseguire i colpevoli fino all’estremo delle leggi vigenti. Sembrerebbe che non tutti gli eroi indossino un mantello (al contrario, Newton sembrava prediligere lunghi cappotti lunghi fino al pavimento). La determinazione di Newton nel contrastare le attività criminali alla Zecca Reale rimane un aspetto affascinante della sua vita, che dimostra ancora una diversa sfaccettatura di questo genio scientifico e la sua dedizione nel mantenere l’integrità del sistema monetario.

A proposito della ” famosa mela”…

Se c’è una cosa che spesso rimane impressa dalle lezioni scolastiche su Newton, è il suo famoso momento “Eureka!” riguardo alla gravità, che avvenne mentre era seduto sotto un albero di mele. La leggenda narra che una mela caduta lo colpì alla testa, suscitando in lui la domanda su perché la mela cadesse verso la Terra anziché in un’altra direzione. Questo evento, in un certo senso, portò infine alle idee rivoluzionarie esposte nei Principia di Newton sulla gravità. Sebbene talvolta venga considerato come una storia mitica, potrebbe esserci un fondo di verità. Nella sua biografia del 1752 intitolata “Memoirs of Sir Isaac Newton’s Life“, William Stukeley racconta la storia come raccontata direttamente da Newton stesso.

Secondo questa versione, la mela non colpì necessariamente Newton, ma lui la osservò semplicemente cadere a terra. Tuttavia, sia Newton che il suo biografo compresero l’importanza fondamentale di quel momento e decisero di non lasciare ai posteri della scienza quello che viene definito come il momento in cui venne scoperta la gravità. La leggenda della mela è diventata un simbolo iconico dell’ingegno e della scoperta scientifica, rappresentando il momento in cui Newton colse l’essenza della forza gravitazionale. Questo episodio testimonia l’importanza dell’osservazione attenta e della curiosità intellettuale nel processo di scoperta scientifica. Anche se la veridicità esatta dell’evento rimane oggetto di dibattito, la storia della mela continua a ispirare e incantare, trasmettendo il messaggio che le grandi idee possono nascere anche da momenti apparentemente casuali.

Un’ umanità affascinante

Sir Isaac Newton, con la sua straordinaria genialità e la sua dedizione senza pari, rimane una delle figure più influenti e celebrate della storia. I suoi contributi hanno lasciato un’impronta indelebile in molteplici campi, dalla fisica all’ottica, dalla matematica alla meccanica celeste.  Ma oltre alle sue scoperte rivoluzionarie, è l’umanità di Newton che lo rende ancora più affascinante. I suoi stravaganti esperimenti, come il test dell’occhio con il punteruolo e il suo coraggioso ingresso nel mondo della lotta contro le contraffazioni, rivelano un uomo intraprendente e coraggioso, sempre alla ricerca di nuove frontiere da esplorare. La sua determinazione, la sua sete di conoscenza e la sua capacità di affrontare ostacoli con tenacia sono testimonianze del suo carattere straordinario.

Newton ci insegna l’importanza di perseguire la verità, di esplorare le profondità dell’universo e di non accontentarsi mai delle risposte facili. La sua insaziabile curiosità e il suo spirito pionieristico sono un esempio per le future generazioni di scienziati, stimolandoli a superare i limiti delle conoscenze attuali e a esplorare nuovi orizzonti. Isaac Newton rimane un faro di intelligenza e ispirazione, un gigante la cui eredità si estende ben oltre la sua epoca.  Rimane per sempre una figura pop e iconica, un simbolo dell’intrinseco desiderio dell’umanità di comprendere i segreti del cosmo e di spingersi sempre più avanti verso nuove scoperte.

Neuralink, un paziente sottoposto all'impianto del chip, può controllare il mouse del PC con il pensiero. Lo riferisce Elon Musk
Neuralink, un paziente sottoposto all'impianto del chip, può controllare il mouse del PC con il pensiero. Lo riferisce Elon Musk
Animali a rischio di estinzione: l'intelligenza artificiale studia i cambiamenti climatici
Animali a rischio di estinzione: l'intelligenza artificiale studia i cambiamenti climatici
Un articolo scientifico, con immagini insensate generate dall'AI, passa la revisione indisturbato
Un articolo scientifico, con immagini insensate generate dall'AI, passa la revisione indisturbato
Esplorare le frontiere dell'Universo: il nuovo progetto interstellare di Harold White tra motori a curvatura e propulsori quantistici
Esplorare le frontiere dell'Universo: il nuovo progetto interstellare di Harold White tra motori a curvatura e propulsori quantistici
Lupi di Chernobyl: grazie ad una mutazione genetica sviluppano la resistenza al cancro
Lupi di Chernobyl: grazie ad una mutazione genetica sviluppano la resistenza al cancro
Il cervello di un maiale è stato mantenuto attivo, fuori dal suo corpo, per cinque ore
Il cervello di un maiale è stato mantenuto attivo, fuori dal suo corpo, per cinque ore
Telescopio James Webb: arrivano le immagini di 19 galassie a spirale
Telescopio James Webb: arrivano le immagini di 19 galassie a spirale