G7 a Hiroshima: alla ricerca di “un’intelligenza artificiale affidabile e standard internazionali”

I leader del Gruppo dei Sette (G7) hanno chiesto lo sviluppo e l’adozione di standard tecnici per mantenere l’intelligenza artificiale (IA) “affidabile”, affermando che la governance della tecnologia non ha tenuto il passo con la sua crescita. Sebbene i leader del G7, riuniti a Hiroshima, in Giappone, abbiano riconosciuto che gli approcci per raggiungere “la visione e l’obiettivo comune di un’IA affidabile possono variare“, in una dichiarazione hanno affermato che le regole per le tecnologie digitali come l’IA dovrebbero essere “in linea con i nostri valori democratici condivisi“.

L’accordo è stato raggiunto dopo che l’Unione europea, che partecipa al G7, si è avvicinata questo mese all’approvazione di una legislazione per regolamentare la tecnologia dell’IA, potenzialmente la prima legge completa sull’IA al mondo che potrebbe costituire un precedente tra le economie avanzate. “Vogliamo che i sistemi di IA siano accurati, affidabili, sicuri e non discriminatori, indipendentemente dalla loro origine“, ha dichiarato venerdì la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. I leader del G7 hanno dichiarato di “dover fare immediatamente il punto sulle opportunità e le sfide dell’IA generativa”, un sottoinsieme della tecnologia resa popolare dall’app ChatGPT. ChatGPT di OpenAI ha spinto Elon Musk e un gruppo di esperti di IA a lanciare un allarme a marzo, chiedendo una pausa di sei mesi nello sviluppo di sistemi più potenti, citando potenziali rischi per la società. Un mese dopo, i legislatori dell’UE hanno esortato i leader mondiali a trovare il modo di controllare le tecnologie di IA, affermando che si stavano sviluppando più velocemente del previsto.

L’Opinione delle potenze mondiali: processo di Hiroshima sull’IA

Gli Stati Uniti hanno finora adottato un approccio cauto nel governare l’IA, con il presidente Joe Biden che il mese scorso ha dichiarato che resta da vedere se l’IA sia pericolosa.  Il Giappone, che quest’anno presiede il G7, è stato ancora più accomodante, impegnandosi a sostenere l’adozione pubblica e industriale dell’IA, pur monitorandone i rischi. “È importante affrontare adeguatamente sia i potenziali che i rischi“, ha dichiarato il primo ministro Fumio Kishida al consiglio governativo sull’IA.

Pur riconoscendo le diverse modalità di regolamentazione dell’IA, venerdì i leader del G7 hanno deciso di creare un forum ministeriale, denominato “processo di Hiroshima sull’IA“, per discutere le questioni relative all’IA generativa, come i diritti d’autore e la disinformazione, entro la fine dell’anno. I leader hanno anche esortato organizzazioni internazionali come l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico a prendere in considerazione analisi sull’impatto degli sviluppi politici.

Il vertice ha fatto seguito alla riunione dei ministri digitali del G7 del mese scorso, in cui i suoi membri – Stati Uniti, Giappone, Germania, Gran Bretagna, Francia, Italia, Canada e Unione Europea – hanno dichiarato di dover adottare regole sull’IA “basate sul rischio”. L’UE e gli Stati Uniti dovrebbero inoltre scambiarsi opinioni sulle tecnologie emergenti in occasione del Consiglio per il commercio e la tecnologia che si terrà in Svezia il 30-31 maggio.

Apple Vision Pro: ecco quanto potrebbero costare le lenti 'magnetiche' per chi porta gli occhiali
Apple Vision Pro: ecco quanto potrebbero costare le lenti 'magnetiche' per chi porta gli occhiali
Un team di hacker ha rubato i dati sui compensi di oltre 100mila dipendenti della BBC e numerose altre aziende
Un team di hacker ha rubato i dati sui compensi di oltre 100mila dipendenti della BBC e numerose altre aziende
Google Bard ha ricevuto un nuovo importante aggiornamento
Google Bard ha ricevuto un nuovo importante aggiornamento
"Così TikTok ha aiutato la Cina a spiare i manifestanti pro-democrazia di Hong Kong", le accuse di un ex dirigente
"Così TikTok ha aiutato la Cina a spiare i manifestanti pro-democrazia di Hong Kong", le accuse di un ex dirigente
Twitch ha fatto molto arrabbiare i suoi streamer, che ora annunciano di voler abbandonare la piattaforma
Twitch ha fatto molto arrabbiare i suoi streamer, che ora annunciano di voler abbandonare la piattaforma
Apple ha acquisito una startup che produce visori per la realtà aumentata
Apple ha acquisito una startup che produce visori per la realtà aumentata
Anche Instagram avrà presto un chatbot basato su intelligenza artificiale
Anche Instagram avrà presto un chatbot basato su intelligenza artificiale