Un tesoro storico: la Spagna svela il più antico genoma umano mai scoperto

Un team internazionale di ricercatori ha analizzato l’antico DNA umano proveniente da diversi siti archeologici dell’Andalusia, nella Spagna meridionale. Lo studio analizza il genoma proveniente dalla Cueva del Malalmuerzo, nel sud della Spagna, nonché i genomi dei primi agricoltori provenienti da altri siti noti come la Cueva de Ardales, risalenti a 7.000-5.000 anni fa.

La penisola iberica: rifugio durante l’era glaciale e centro di scambi culturali nella storia umana

La penisola iberica ha una lunga storia di insediamenti umani, che risale a molti millenni fa. Durante l’era glaciale, è stata uno dei pochi luoghi in Europa a rimanere abitabile grazie al suo clima più mite e alla presenza di rifugi naturali. Studi genetici hanno dimostrato che i cacciatori-raccoglitori della penisola iberica sono sopravvissuti a lungo dopo la loro scomparsa in altre parti d’Europa, e questo ha portato alla formazione di un lignaggio paleolitico unico nella penisola. Questo lignaggio è stato poi sostituito da nuovi gruppi di popolazioni che si sono insediate nell’area, ma l’impatto genetico di quest’ultime è stato relativamente limitato. Inoltre, la penisola è stata un importante centro di scambi culturali e commerciali durante l’antichità, grazie alla sua posizione strategica tra l’Africa e l’Europa. Questo ha portato alla formazione di una cultura iberica distintiva, caratterizzata dall’uso di lingue e scritture uniche. Per tutte queste ragioni, questo lembo di terra ha avuto un ruolo fondamentale nella storia dell’insediamento umano in Europa, fornendo rifugio durante l’era glaciale e conservando un lignaggio paleolitico unico. Resta il fatto che l’estrazione del DNA, da resti antichi provenienti da climi caldi e secchi, rappresenta una grande sfida per i ricercatori. Dopo la morte di un organismo, il suo DNA si conserva solo per un certo periodo di tempo e in condizioni climatiche favorevoli. Il caldo e la siccità possono accelerare la degradazione del DNA e renderlo più difficile da recuperare. Tuttavia, con le tecnologie moderne, i ricercatori sono in grado di recuperare e analizzare il DNA antico anche da resti provenienti da ambienti aridi. In Andalusia, nel sud della Spagna, le condizioni climatiche sono simili a quelle del Nord Africa, eppure il DNA di individui umani di 14.000 anni fa è stato recuperato con successo da un sito in Marocco. Anche in questo nuovo studio gli scienziati sono riusciti nell’impresa, colmando un vuoto temporale e spaziale cruciale. I ricercatori possono ora indagare direttamente sul ruolo dell’Iberia meridionale come rifugio per le popolazioni dell’era glaciale ma anche sugli scambi tra popolazioni attraverso lo Stretto di Gibilterra, quando il livello del mare era molto più basso di oggi.

Nel posto giusto al momento giusto

Il nuovo studio ha identificato un legame genetico diretto tra un individuo di 35.000 anni fa proveniente dal Belgio e un individuo di 23.000 anni fa proveniente dalla Cueva del Malalmuerzo, vicino a Granada, in Spagna. Ciò suggerisce che l’ascendenza genetica degli individui che vissero in Europa durante il periodo pre-glaciale era presente anche nei cacciatori-raccoglitori dell’Europa meridionale e occidentale che vissero molto tempo dopo l’ultima era glaciale. Inoltre, il fatto che questa ascendenza genetica sia stata preservata nella Penisola Iberica durante l’era glaciale suggerisce che la penisola abbia svolto un importante ruolo come rifugio per le popolazioni umane durante questo periodo.
L’ascendenza genetica degli individui dell’Europa centrale e meridionale vissuti prima dell’Ultimo Massimo Glaciale (da 24.000 a 18.000 anni fa) è diversa da quella degli individui che hanno ricolonizzato l’Europa successivamente. Tuttavia, la situazione dell’Europa occidentale non è stata finora chiara a causa della mancanza di dati genomici relativi a periodi critici. L’individuo proveniente dalla Cueva del Malalmuerzo, aggiunge finalmente dati relativi a un periodo in cui gran parte dell’Europa era coperta da enormi lastre di ghiaccio. Lo studio descrive un legame genetico diretto:

“Grazie all’alta qualità dei nostri dati, siamo riusciti a identificare le tracce di uno dei primi lignaggi genetici che hanno colonizzato l’Eurasia 45.000 anni fa. È importante notare che abbiamo trovato somiglianze con un individuo di 35.000 anni fa proveniente dal Belgio, la cui ascendenza può ora essere ulteriormente ricondotta all’individuo proveniente dall’Iberia meridionale 23.000 anni fa”, spiega la prima autrice Vanessa Villalba-Mouco del Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology.

Gli autori commentano che con Malalmuerzo sono riusciti a trovare il posto giusto e il momento giusto per far risalire un gruppo umano paleolitico a uno dei rifugi proposti per l’era glaciale. È notevole trovare un’eredità genetica così duratura nella Penisola Iberica, soprattutto perché questa ascendenza preglaciale era scomparsa da tempo in altre parti d’Europa”, aggiunge l’autore Wolfgang Ha.

Oldest human genome from southern Spain

(Nella foto, dente umano recuperato dalla Cueva de Malalmuerzo, credit: Pedro Cantalejo)

 

Nessun legame genetico tra la penisola iberica meridionale e il Nord Africa

È interessante notare che gli autori non hanno trovato alcun legame genetico tra la penisola iberica meridionale e il Nord Africa, nonostante la distanza di soli 13 chilometri attraverso il Mar Mediterraneo e i paralleli nella documentazione archeologica. “A Malalmuerzo non abbiamo trovato alcuna prova di un contributo genetico da parte dei lignaggi nordafricani e, viceversa, non c’è alcuna prova di un contributo genetico dalla Spagna meridionale nei genomi degli individui di 14.000 anni fa della grotta di Taforalt, in Marocco”, aggiunge Gerd-Christian Weniger dell’Università di Colonia. “Perché lo Stretto di Gibilterra fosse una barriera alla fine dell’ultima era glaciale è ancora una delle questioni irrisolte della ricerca archeologica nella regione del Mediterraneo occidentale”. Lo studio riguarda anche un certo numero di individui più giovani del Neolitico, periodo in cui i primi agricoltori arrivarono in Europa dal Vicino Oriente. L’ascendenza genetica caratteristica dei gruppi neolitici anatolici è effettivamente rilevabile negli individui dell’Andalusia, il che suggerisce che questi primi agricoltori si sono diffusi su grandi distanze geografiche. “Le popolazioni neolitiche dell’Iberia meridionale, tuttavia, mostrano una maggiore proporzione di lignaggi di cacciatori-raccoglitori. Pertanto, l’interazione tra gli ultimi cacciatori e i primi agricoltori potrebbe essere stata molto più stretta che in altre regioni”, afferma il coautore Jose Ramos-Muñoz dell ‘Università de Cádiz.

 

Neuralink, un paziente sottoposto all'impianto del chip, può controllare il mouse del PC con il pensiero. Lo riferisce Elon Musk
Neuralink, un paziente sottoposto all'impianto del chip, può controllare il mouse del PC con il pensiero. Lo riferisce Elon Musk
Animali a rischio di estinzione: l'intelligenza artificiale studia i cambiamenti climatici
Animali a rischio di estinzione: l'intelligenza artificiale studia i cambiamenti climatici
Un articolo scientifico, con immagini insensate generate dall'AI, passa la revisione indisturbato
Un articolo scientifico, con immagini insensate generate dall'AI, passa la revisione indisturbato
Esplorare le frontiere dell'Universo: il nuovo progetto interstellare di Harold White tra motori a curvatura e propulsori quantistici
Esplorare le frontiere dell'Universo: il nuovo progetto interstellare di Harold White tra motori a curvatura e propulsori quantistici
Lupi di Chernobyl: grazie ad una mutazione genetica sviluppano la resistenza al cancro
Lupi di Chernobyl: grazie ad una mutazione genetica sviluppano la resistenza al cancro
Il cervello di un maiale è stato mantenuto attivo, fuori dal suo corpo, per cinque ore
Il cervello di un maiale è stato mantenuto attivo, fuori dal suo corpo, per cinque ore
Telescopio James Webb: arrivano le immagini di 19 galassie a spirale
Telescopio James Webb: arrivano le immagini di 19 galassie a spirale