American Born Chinese, la recensione: una favola per accettare se stessi

4 mesi fa

7 minuti

American Born Chinese, la recensione:

Iniziamo la recensione di American Born Chinese dicendo che questa Graphic Novel edita da Tunué (che è sempre un passo avanti nel trattare temi rilevanti) sarà presto adattata per diventare una serie tv su Disney Plus. Ma torniamo a noi, tutto ciò che Jin Wang vuole è adattarsi. Quando la sua famiglia si trasferisce in un nuovo quartiere, scopre all’improvviso di essere l’unico studente cinese americano della sua scuola. Atleti e bulli lo prendono costantemente in giro e non ha quasi nessun amico. Poi, come se non bastasse, si innamora di una ragazza tutta americana…

Mentre i bambini emarginati cercano di trovare un loro posto nel mondo, Jin Wang è piuttosto banale: pranza da solo in un angolo del cortile della scuola, viene preso di mira da bulli e atleti e si innamora di una bella compagna di classe. E, oh, sì, i suoi genitori sono di Taiwan.

Questa storia tanto attesa e toccante sul crescere in modo diverso è più della semplice storia di un’infanzia cinese-americana; è una favola per ogni bambino nato in un corpo e in una vita a cui avrebbero voluto sfuggire.

La favola è filtrata attraverso alcune icone culturali molto specifiche: il tanto amato Re Scimmiotto (leggete Dragonball tra le righe…), una figura familiare ai bambini cinesi di tutto il mondo, e una genuina fusione di stereotipi razzisti chiamata Chin-Kee. Le speranze e le umiliazioni di Jin potrebbero rispecchiarsi nella gioia distruttiva di Chin-Kee o nella lotta del Re Scimmiotto per venire a patti con se stesso, ma le espressioni e le azioni di ogni personaggio sono sempre perfettamente familiari.

Fedele alla sua origine come fumetto Web, le linee chiare e concise di questa storia e la colorazione esperta sono ingannevolmente semplici ma espressive. Anche quando Yang si infila in un ideogramma o in un mito cinese occasionale, i sentimenti che sta raffigurando non hanno bisogno di traduzione.

Yang compie la straordinaria impresa di mettere in pratica ciò che predica con questo libro: accetta chi sei e avrai già raggiunto “gli altri”. Di seguito un video di presentazione pubblicato su YouTube:

Il Re Scimmiotto

American Born Chinese, la recensione:

Continuiamo la recensione di American Born Chinese facendo una piccola digressione sulla storia con cui inizia. Nata per governare tutte le scimmie del mondo, la storia del Re Scimmiotto è una delle più antiche e grandiose favole cinesi. Adorato dai suoi sudditi, maestro delle arti del kung-fu, è la scimmia più potente della terra. Ma il Re Scimmiotto non vuole essere una scimmia. Vuole essere salutato come un dio…

Ci sono tre storie apparentemente separate in questa graphic novel. Verremo presentati al Re Scimmiotto per primi, e ne sarete innaturalmente affascinati. Ecco una scimmia immortale che cammina e parla, che tecnicamente è una divinità con padronanza delle arti marziali. Ma non è accettata dagli dei perché alla fine è ancora solo una scimmia.

Per un ragazzo che non vedeva altri che gli somigliavano nelle cose che guardava, ascoltava o leggeva, questa è stata una trama avvincente. Poi veniamo a Chin-Kee che è il più grande stereotipo negativo cinese e sta rovinando la vita di suo cugino Danny. Danny è un ragazzo popolare a scuola, ma ogni anno Chin-Kee viene a trovarlo e ogni anno Danny deve trasferirsi in una nuova scuola per sfuggire alla vergogna. Quest’anno, però, le cose vanno di male in peggio…

Il racconto principale chiaramente è quello dedicato a Jin Wang. Questi tre racconti apparentemente non correlati si uniscono con una svolta inaspettata, in una favola moderna che è esilarante, commovente e ricca di azione.

American Born Chinese è un’ascesa incredibile, fino al climax sorprendente e conferma ciò che un numero crescente di lettori già sa: Gene Yang è un grande talento.

Questo è ciò che amerete di American Born Chinese, perché descrive le diverse sfaccettature della crescita asiatico-americana, la politica identitaria dell’essere nazionalmente americano ma culturalmente cinese, il sentimento di pressione familiare, gli oneri sociali di volersi adattare così tanto.

La cosa più grande di cui fa rendere conto al college è la strana tensione tra gli studenti asiatici americani (quelli nati negli Stati Uniti) e gli studenti asiatici internazionali. Da una parte uno non era “abbastanza asiatico” e l’altro non sarebbe mai stato “abbastanza americano”. Un occidentale non avrebbe mai pensato che questa polarità esistesse tra lo “spettro asiatico”, perdonate la grossolanità, e American Born Chinese lo esplora davvero in profondità.

Considerazioni finali

American Born Chinese, la recensione:

Concludiamo la recensione di American Born Chinese cercando di rispondere a una domanda: è così brutto essere asiatico in America? American Born Chinese è una graphic novel che, con la sua oscura esplorazione dell’adolescenza asiatico-americana, ha vinto l’anno scorso il Michael L. Printz Award per la letteratura per giovani adulti ed è stato anche finalista nel suo genere per un Premio Nazionale del Libro.

Dopotutto, gli asiatici sono ampiamente percepiti come se avessero vita più facile rispetto ad altre minoranze negli Stati Uniti, in particolare gli afroamericani, le cui lotte per il raggiungimento della maggiore età sono state raccontate per decenni da scrittori come Walter Dean Myers, Jacqueline Woodson e Sharon G. Flake . Ma in American Born Chinese, Gene Luen Yang fa sembrare davvero terrificante essere cinese in California.

Come abbiamo accennato, la narrazione è divisa in tre parti: il racconto di formazione dell’asiatico-americano Jin Wang, incentrato sulla sua relazione con il suo migliore amico, Wei-Chen Sun; la favola fantastica del Re Scimmiotto che non vuole essere una scimmia; e la storia profondamente inquietante di Chin-Kee, un grottesco personaggio che prende ogni stereotipo cinese e lo avvolge in un pacchetto malizioso.

Yang sembra usare Chin-Kee per esprimere le sue paure più profonde su come gli altri percepiscono gli asiatici-americani.

Più inquietante dello stesso Chin-Kee è la reazione dei suoi coetanei americani. Lo accettano con una “correttezza politica” vuota e idealizzata. Solo quando inizia a comportarsi in modo veramente irragionevole, si rivolgono a lui. È come se Chin-Kee stesse cercando di farsi disprezzare dagli altri.

Pubblicato nel 2000, questa graphic novel sembra essere in anticipo sui tempi. Affronta gli stereotipi scomodi costringendo i lettori a fare i conti con Chin-Kee, un immigrato cinese socialmente all’oscuro che sembra quasi rafforzare di proposito ogni stereotipo sugli uomini cinesi (fino al caratteristico accento cinese).

Insieme alle illustrazioni espressive dello straordinario Gene Luen Yang, il cui lavoro potresti riconoscere dalle graphic novel Avatar: The Last Airbender o Superman #41-50, American Born Chinese è assolutamente geniale.

Arriviamo a definirlo tale perché i libri sull’identità di questo tipo non solo sono difficili da trovare, ma possono essere difficili da leggere. O sono testi etnografici con una ricerca approfondita, o sono difficili per persone che non sono di quell’appartenenza culturale.

Usando la graphic novel come mezzo, qualsiasi tipo di lettore può facilmente prenderlo e apprezzarne l’arte e la storia. Rendere questo tipo di storie più accessibili a tutti i lettori è così importante per rendere le persone consapevoli di questi stigmi sociali.

American Born Chinese fonde le culture cinese e americana in modi fantasiosi e inaspettati. Strutturalmente, le sue storie intrecciate formano una trilogia – una costruzione occidentale familiare – ma la storia del Re Scimmiotto è dominata da gruppi di quattro: quattro Discipline Celestiali Principali di kung fu; quattro emissari di Tze-Yo-Tzuh, creatore di tutta l’esistenza (un’invenzione di Yang). Così quattro, un numero maledetto nella numerologia cinese, insegue il Re Scimmiotto fino a quando non fa i conti con la sua identità. Alla fine del suo racconto, nella più intelligente sintesi etnica del libro, ne rivolge quattro a suo favore, diventando uno dei quattro emissari in Occidente che sostituiscono i Re Magi nel loro pellegrinaggio per vedere Gesù.

Preso da queste complesse domande, è facile dimenticare che American Born Chinese funziona bene anche come un fumetto. L’arte fonde le linee pulite degli anime con una tavolozza americana audace. Yang è ugualmente abile nel rappresentare una mensa del liceo e il regno fantastico del Re Scimmiotto. Gene Luen Yang ha creato quel raro connubio: una storia giovanile con qualcosa di nuovo da dire sulla gioventù americana.

Potete trovare American Born Chinese sul sito Tunué.

 

92
American Born Chinese
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di American Born Chinese dicendo che l'immagine della fusione delle culture asiatico-americana sarà messa alla prova nei prossimi anni. Poiché la popolazione bianca (in America in particolare) scenderà al di sotto del 50 per cento, intorno al 2060, la definizione di "bianco" è destinata ad espandersi ancora una volta come è successo per gli italiani e gli irlandesi americani. Chi entrerà a far parte del club? O il club cadrà finalmente a pezzi?

ME GUSTA
  • Questa storia tanto attesa e toccante sul crescere in modo diverso è più della semplice storia di un'infanzia cinese-americana; è una favola per ogni bambino nato in un corpo e in una vita a cui avrebbero voluto sfuggire.
  • Fedele alla sua origine come fumetto Web, le linee chiare e concise di questa storia e la colorazione esperta sono ingannevolmente semplici ma espressive. Anche quando Yang si infila in un ideogramma o in un mito cinese occasionale, i sentimenti che sta raffigurando non hanno bisogno di traduzione.
  • Insieme alle illustrazioni espressive dello straordinario Gene Luen Yang, il cui lavoro potresti riconoscere dalle graphic novel Avatar: The Last Airbender o Superman #41-50, American Born Chinese è assolutamente geniale.
  • Usando la graphic novel come mezzo, qualsiasi tipo di lettore può facilmente prenderlo e apprezzarne l'arte e la storia. Rendere questo tipo di storie più accessibili a tutti i lettori è così importante per rendere le persone consapevoli di questi stigmi sociali.
FAIL
  • Yang sembra usare Chin-Kee per esprimere le sue paure più profonde su come gli altri percepiscono gli asiatici-americani.
Christian Galli, l'intervista all'autore Tunué che racconta Menta
Christian Galli, l'intervista all'autore Tunué che racconta Menta
7CRIMINI - L'Estorsione, la recensione della serie di fumetti Tunué
7CRIMINI - L'Estorsione, la recensione della serie di fumetti Tunué
Nei Boschi, la recensione del Graphic Novel di Emily Carroll
Nei Boschi, la recensione del Graphic Novel di Emily Carroll
Magic Fish, la recensione del graphic novel edito da Tunué
Magic Fish, la recensione del graphic novel edito da Tunué
The Legend of Korra - Mondi Contesi, la recensione del fumetto di Tunué
The Legend of Korra - Mondi Contesi, la recensione del fumetto di Tunué
Once Our Land: la graphic novel diventa un film d’animazione
Once Our Land: la graphic novel diventa un film d’animazione
Il Trono Del Re: Teresa Radice e Stefano Turconi presentano La Terra, Il Cielo, I Corvi
Il Trono Del Re: Teresa Radice e Stefano Turconi presentano La Terra, Il Cielo, I Corvi