Integratori multivitaminici: buoni effetti per i malati di Alzheimer

4 mesi fa

integratori multivitaminici

Una ricerca attuale ha rivelato che l’assunzione di un integratore multivitaminico al giorno può migliorare la funzione cognitiva negli anziani. Ulteriori approfondimenti verranno svolti per dare conferma di tali risultati. Si ha necessità di strumenti sicuri per proteggere gli anziani dal declino cognitivo. Ecco che infatti 1 anziano su 3 muore a causa di una forma di demenza. Assumere un integratore al giorno di estratto di cacao o un integratore multivitaminico-minerale diminuisce lo sviluppo di malattie cardiache, tumori e altri tipi di patologie.

Il cacao è ricco di flavonoidi che hanno un grande beneficio sulla funzione cognitiva. Lo studio scientifico ha quindi testato se l’assunzione quotidiana di estratto di cacao e di multivitaminico-minerale, a confronto del placebo, funzionasse. In effetti ha migliorato la cognizione degli anziani. Analizzati oltre 2.200 partecipanti di 65 anni o di età superiore, sono stati seguiti per tre anni. I risultati hanno dimostrato che l’estratto di cacao non influisce sulla funzione cognitiva, mentre il multivitaminico-minerale ha portato a un miglioramento importante della cognizione.

In pratica, assumere per tre anni un’integrazione multivitaminica ha rallentato del 60% il declino della funzione cognitiva. Benefici significativi in persone con malattie cardiache e più a rischio di demenza e declino cognitivo. Ulteriori studi daranno conferma sulla validità completa dell’assunzione quotidiana di multivitaminici per rallentare il deterioramento della funzione cognitiva.

 

 

Stile di vita sano si traduce in un declino della memoria più lento
Stile di vita sano si traduce in un declino della memoria più lento
Alzheimer: nuovo sensore per il rilevamento precoce
Alzheimer: nuovo sensore per il rilevamento precoce
Alzheimer: autorizzato negli Usa farmaco che contrasta il declino
Alzheimer: autorizzato negli Usa farmaco che contrasta il declino
La FDA approva il farmaco per l'Alzheimer lecanemab
La FDA approva il farmaco per l'Alzheimer lecanemab
Alzheimer: le donne sono più colpite, una proteina spiega perché
Alzheimer: le donne sono più colpite, una proteina spiega perché
Alzheimer: come riconoscere i sintomi
Alzheimer: come riconoscere i sintomi
Alzheimer, la causa potrebbe essere nella bocca
Alzheimer, la causa potrebbe essere nella bocca