Eolico: turbine più piccole per la produzione urbana

4 mesi fa

L’aspetto estetico e l’occupazione di spazio sono sempre state le motivazioni principali per i detrattori delle fonti energetiche rinnovabili. Impianti fotovoltaici ed eolici possono infatti occupare molti metri cubi di terreno e aria che hanno un notevole impatto sul terreno coltivabile e sulla vista.

Per un impianto eolico le soluzioni al problema dell’occupazione dello spazio aereo può essere rappresentato dalle turbine sferiche che possono essere installate su balconi ed edifici, ma un progetto più recente riguarda le pareti eoliche, progetto firmato da Joe Doucet, designer e imprenditore statunitense, allo scopo di avere produzione di energia pulita e rinnovabile efficiente e, allo stesso tempo, esteticamente accattivante.

Si tratta di un grande pannello costituito da moduli di turbine con una griglia di assi che ne permettono la rotazione, un muro verticale e piatto che non richiede grosse metrature per essere installato. Questo pannello è pensato per gli spazi urbani dove non è possibile sfruttare l’energia eolica prodotta dalle tradizionali pale e permette di soddisfare il bisogno energetico di una casa privata che non richieda più di 10’000 kW all’anno.

Inoltre l’energia può essere, all’occorrenza, immagazzinata installando un sistema di accumulo collegato alla Wind Wall. Il muro può essere anche adattato alle esigenze di spazio e presenta un aspetto estetico accattivante. Per ora si tratta solo di un progetto su carta ma sul quale si stanno effettuando i test di efficienza.

 

Parco eolico offshore: il più grande al mondo è nel Regno Unito
Parco eolico offshore: il più grande al mondo è nel Regno Unito
Parco eolico offshore: il più grande al mondo è nel Regno Unito
Parco eolico offshore: il più grande al mondo è nel Regno Unito