Terapia genica: due fratellini recuperano la vista

2 mesi fa

visita oculistica

Un progetto del Bambino Gesù e del Policlinico di Roma è riuscito a ridare la vista a due fratellini. Entrambi erano affetti da distrofia retinica ereditaria. Tutto è stato possibile grazie a una terapia genica innovativa che ha consentito loro di vedere il mondo circostante e tornare alla vita.

In precedenza avevano una scarsissima visione notturna e un campo visivo davvero ristretto, poi alla fine non sono più riusciti a scorgere nulla. Adesso possono vedere i visi dei genitori e a muoversi anche negli ambienti con poca luce senza farsi male. Il fratellino e la sorellina hanno avuto due interventi chirurgici con terapia genica riuscendo così a riacquistare completamente la vista. I due bambini avevano la stessa malattia progressiva e invalidante che li aveva resi ciechi.

Il primo a essere operato è stato il maschietto di 8 anni. La sorellina di soli 3 anni, invece, è stata la paziente più giovane in Italia ad aver ricevuto la terapia genica. Questa è mirata per curare proprio rare forme di distrofia ereditaria della retina causata da mutazione delle copie del gene RPE65. Un gene coinvolto nella produzione della proteina fondamentale nella riconversione della luce in segnale elettrico nella retina. In pratica, è il gene che spegne o accende la vista. I due bambini avevano una nota forma di distrofia retinica a trasmissione ereditaria, la retinite pigmentosa in forma precoce. Quest’ultima può essere causata dalla mutazione di 100 geni implicati nei meccanismi della vista e fra questi c’è anche l’RPE65.

La terapia genica è una singola iniezione di una copia funzionante del gene RPE65 nella sottoretina degli occhi. Il gene sano, portato dentro alle cellule da un adenovirus associato, può permettere il ripristino della vista in modo duraturo. I due fratellini ora stanno bene e hanno avuto un netto miglioramento dei parametri visivi. Questi ultimi relativi alla capacità di discriminare un dettaglio spaziale, poi quella di vedere a livello periferico, oltre alla visione crepuscolare. I due piccoli alla fine sono tornati a vedere finalmente il mondo e a vivere!

 

 

Lacrime artificiali: composizione e utilizzo
Lacrime artificiali: composizione e utilizzo
Vista: arriva la Fondazione OneSight EssilorLuxottica Italia
Vista: arriva la Fondazione OneSight EssilorLuxottica Italia
Talassemia: gli Stati Uniti approvano la terapia genica
Talassemia: gli Stati Uniti approvano la terapia genica
La buona vista dipende da una parte del cervello
La buona vista dipende da una parte del cervello
Terapia genica: possibile recupero della vista di una bambina
Terapia genica: possibile recupero della vista di una bambina
Topi ciechi tornano a vedere: il "miracolo" della riprogrammazione cellulare
Topi ciechi tornano a vedere: il "miracolo" della riprogrammazione cellulare
Tornare a vedere dopo 10 anni grazie ad un occhio bionico
Tornare a vedere dopo 10 anni grazie ad un occhio bionico

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.