Maigret, la recensione: questo è il ruolo per Gerard Depardieu

4 mesi fa

7 minuti

Maigret, la recensione: questo è il ruolo per Gerard Depardieu

Iniziamo la recensione di Maigret puntualizzando il fatto che Patrice Leconte è uno dei registi più laboriosi e rispettati del suo paese d’origine, la Francia. Ed è prolifico, con almeno un lungometraggio all’anno, una manciata dei quali rimane tra i titoli più belli e meglio ricordati del cinema francese moderno. Questi includono il malinconico The Hairdresser’s Husband (1990) e il thriller Monsieur Hire (1989).

In Maigret, Patrice Leconte offre un ritratto meravigliosamente suggestivo e deliziosamente malinconico dell’ispettore di polizia mentre tenta di identificare una giovane vittima di omicidio nella Parigi degli anni ’50.

Alla ricerca di un possibile motivo, Maigret cerca di dare un nome a un orfano di provincia “appena” ventenne trovato morto con un abito firmato che cinque ferite da coltello hanno trasformato da luccichii argentati a rosso intriso di sangue.

Il cast dell’ensemble è eccellente su tutta la linea, con Gerard Depardieu che agisce da centro di gravità metodico e sempre attento in un caso tentacolare che sembra significare per l’ispettore capo più di quanto non sia consuetudine per un uomo nella sua linea di lavoro.

Quella che c’è sullo schermo è una narrazione vecchio stile nella migliore tradizione possibile. Depardieu si unisce a un impressionante elenco di star francesi e britanniche nell’assumere il ruolo, a cominciare dal primo anno di film del personaggio nel 1932, dove Pierre Renoir ha recitato nel Jean’s Night At The Crossroads, lo stesso anno in cui Abel Tarride ha recitato ne Il cane giallo. Albert Préjean, Jean Gabin, Heinz Rühmann, Charles Laughton come il primo Maigret in lingua inglese in The Man On The Eiffel Tower (1950), Michael Gambon negli anni ’90 e Rowan Atkinson, nella serie televisiva britannica del 2016, hanno anche indossato l’iconico cappello e trench.

Il Maigret di Depardieu è solido in tutti i sensi. Arriva in fondo alle cose, anche quando il fondo è abbastanza in basso.

Di seguito il trailer pubblicato su YouTube:

Jules Maigret

Leconte interpreta un iconico personaggio francese per il suo 31esimo lungometraggio. Il commissario Jules Maigret è l’invenzione immaginaria di Georges Simenon, presente in 75 romanzi pubblicati tra il 1931 e il 1972.

Georges Simenon è nato in Belgio, anche se si è trasferito a Parigi nel 1922, all’età di 19 anni. Era diventato giornalista a 15 anni, documentando il lato più squallido della vita a Liegi. Fece lo stesso a Parigi, dove c’era altro da esplorare. Dopo aver imparato a scrivere per il mercato della cellulosa, ha lavorato a un ritmo sorprendente, fino a 80 pagine al giorno. Quando ha inventato Jules Maigret, aveva centinaia di romanzi e storie in stampa.

Maigret è un personaggio famoso nel suo paese immaginario come lo è Hercule Poirot di Agatha Christie nel nostro. Charles Laughton lo ha interpretato in The Man on the Eiffel Tower nel 1950, e sia Michael Gambon che Rowan Atkinson hanno interpretato versioni televisive di lui.

Patrice Leconte ha scelto un’icona per interpretare un’icona, con nientemeno che Gerard Depardieu nel ruolo del protagonista.

Leconte fa indossare a Depardieu cappello e mantello e lo pone in controluce in vicoli e corridoi come la copertina di un romanzo, divertendosi a giocare con l’iconografia. Leconte e lo scrittore Jerome Tonnerre hanno adattato il romanzo di Simenon, Maigret e la ragazza morta, in modo molto lineare e confortevole.

Il commissario Maigret (Depardieu) ha molte cose per la testa, e non solo l’ombra nei polmoni che lo ha visto rinunciare alla sua amata pipa. Il corpo di una giovane donna bruna (Clara Antoons) è apparso all’obitorio. È vestita con un abito da ballo scandalosamente costoso, ma tutto il resto indica che è povera. Ed è stata accoltellata più volte.

Lavorando il caso alla vecchia maniera, Maigret va di porta in porta, chiedendo della ragazza con l’abito da ballo, finché non iniziano a emergere indizi sulla sua identità. Quello che trova è il nome della ragazza, Louise Louviere, e la sua ex coinquilina, Jeanine (Melanie Bernier).

Il primo romanzo su Maigret apparve nel 1931. Quell’anno ce n’erano altri nove. Maigret è stato in parte concepito come l‘esatto opposto di Sherlock Holmes. Era un uomo dalle spalle larghe con bombetta, pipa permanente e soprabito pesante. Diceva poco e osservava molto. Maigret è compassionevole verso gli afflitti, comprende la natura umana, la mente criminale ed è comprensivo verso i peccatori.

Non ha un’arroganza naturale, a differenza di Daniel Auteuil (che ha abbandonato i suoi piani per interpretare il ruolo del detective dopo aver chiesto la regia all’esperta Patrice Leconte). Depardieu ha inoltre messo dell’impegno fisico visto che sembra essere dimagrito per il ruolo, dopo il suo periodo di proporzioni simili a Brando.

Quanto allo stile di Leconte su questo Maigret, si nota subito che ha ben poco interesse a creare suspense (anche se è abbastanza capace di farlo come visto in Monsieur Hire, del 1989, tratto da un altro romanzo di Simenon, film superbamente teso). Questo Maigret è uno studio sul personaggio, basato sul 45° romanzo dell’investigatore. Fu pubblicato nel 1954 come Maigret e la ragazza morta, durante l’autoimposto esilio di Simenon dalla Francia: era stato infatti condannato in segreto per aver collaborato con i nazisti, quindi portò la sua famiglia in America per 10 anni.

Piove sul bagnato…

Maigret, la recensione: questo è il ruolo per Gerard Depardieu

A parte la mancanza di suspense, Leconte lo filma nel buio disponibile piuttosto che nella luce reale. Il film è decisamente crepuscolare. Il grande detective siede alla sua scrivania illuminata da una lampada da cinque watt. La maggior parte del film si svolge in un’oscurità simile, anche la grande festa del mondo dello spettacolo in cui incontriamo per la prima volta la ragazza (Clara Antoons) che verrà ritrovata morta in un parco la mattina successiva.

Maigret collega presto la ragazza morta a un’attrice di spicco (Melanie Bernier). Mentre osserva e scopre, Maigret aiuta una giovane donna senzatetto, Betty (Jade Labelle), a trovare la sua strada. Betty si offre al detective dalla voce pacata, ma lui è un gentiluomo. Si addolora per la sua giovinezza perduta, piuttosto che voler possedere la sua. Questa è più o meno la trama. Questo è un Maigret più che minimale. È Maigret scollegato, sicuramente quando si tratta di elettricità. Se sei pronto per Depardieu in modalità silenziosa, potrebbe essere sufficiente, altrimenti, c’è una fine: Patrice Leconte ha infatti affermato che farà solo questo film dedicato a Maigret.

Otteniamo stanze in soffitta vintage, l’obitorio e un’autopsia, un vivido resoconto di come la crudeltà verso le anatre le renda molto più gustose da mangiare, una portineria che controlla il suo dominio sapendo che le giovani donne ingenue che arrivano senza amici a Parigi sono intercambiabili. Alcuni trovano lavoro o mariti; altri trovano che venire nella capitale sia stato un errore letale.

Gran parte della storia dipende dal fatto che c’è stato un tempo in cui il modo in cui un individuo si vestiva poteva essere rivelatore quanto i moderni campioni di DNA. Aurore Clement è perfetta come vedova aristocratica che stravede per suo figlio, Laurent (Pierre Moure), che è fidanzato con Jeanine (Mélanie Bernier), una giovane e vivace attrice che si trova in diverse posizioni sociali sotto di lui. Il diritto concreto di alcuni probabili sospetti è senza tempo. Le sfumature sessuali vanno dal clandestino al semi-sfacciato.

Leconte, che ha iniziato come fumettista e illustratore, ama i primi piani stretti ma offre inquadrature più ampie con una sicurezza silenziosa ed emozionante.

Il maestro della fotografia Yves Angelo scolpisce la luce e Bruno Coulais ha evocato una partitura leggermente snervante. Ci saranno sicuramente spettatori che sbadiglieranno di fronte all’artigianato vecchio stile color ambra in mostra a Maigret. Ma quello che c’è sullo schermo è una narrazione ispirata alla migliore tradizione possibile, resa rilevante da temi di privilegio, classe, potere, aspirazione e tenace lealtà che non spariranno presto.

77
Maigret
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di Maigret dicendo che l'autore belga Georges Simenon ha una fenomenale produzione letteraria, che totalizza centinaia di volumi, comprende 75 romanzi e 28 racconti con Maigret. Speriamo che questo sia l'inizio di un Maigret Cinematic Universe per spettatori in cerca di motivazioni umane che ribollono in un mondo riconoscibile.

ME GUSTA
  • In Maigret, Patrice Leconte offre un ritratto meravigliosamente suggestivo e deliziosamente malinconico dell'ispettore di polizia.
  • Il cast dell'ensemble è eccellente su tutta la linea con Gerard Depardieu il centro di gravità metodico e sempre attento in un caso tentacolare che sembra significare per l'ispettore capo più di quanto non sia consuetudine per un uomo nella sua linea di lavoro.
  • Leconte, che ha iniziato come fumettista e illustratore, ama i primi piani stretti ma offre inquadrature più ampie con una sicurezza silenziosa ed emozionante.
FAIL
  • Il fascino di un personaggio del genere forse non risulta idoneo alle nuove generazioni.
Pamela, a love story: la recensione del documentario dedicato a Pamela Anderson
Pamela, a love story: la recensione del documentario dedicato a Pamela Anderson
Decision to Leave: l'importanza del thriller psicologico di Park Chan-wook
Decision to Leave: l'importanza del thriller psicologico di Park Chan-wook
You People, la recensione: tra risate e questione razziale
You People, la recensione: tra risate e questione razziale
Babylon, la recensione: diventare pazzi per arrivare Dio
Babylon, la recensione: diventare pazzi per arrivare Dio
The Pale Blue Eye, la recensione del nuovo film Netflix
The Pale Blue Eye, la recensione del nuovo film Netflix
Fairytale - Una fiaba, la recensione: cosa rimane del potere
Fairytale - Una fiaba, la recensione: cosa rimane del potere
Sr., la recensione: quante cose può essere un documentario?
Sr., la recensione: quante cose può essere un documentario?