Tetsuo Hara e il suo amore per i manga, il padre di Ken ma non solo

1 settimana fa

7 minuti

Tetsuo Hara e il suo amore per i manga, il padre di Ken ma non solo

Una delle più grandi serie manga di tutti i tempi è sicuramente quella di Ken il Guerriero. Scritto da Buronson e illustrato da Tetsuo Hara, per scoprire che il processo creativo è stato molto più collaborativo di quanto si possa pensare. L’estratto della conferenza stampa (ci scusiamo per l’errata versione precedente) è preso dall’evento Japan Expo in occasione del trentennale.

Sono nato a Tokyo. I miei primi ricordi sono di vivere in un complesso residenziale chiamato Matsubara-danchi a Soka-shi, Saitama, ero quello che chiamano un ragazzo “danchi”. Mi piaceva disegnare, leggere manga e guardare anime. Quando ero in prima e seconda elementare, guardavo Astro Boy e Jungle Emperor Leo di Osamu Tezuka, così come Tiger Mask di Ikki Kajiwara, e disegnavo i personaggi sul retro dei volantini. All’epoca non si potevano registrare programmi TV, quindi dovevo memorizzarli e disegnarli a memoria.

Sono stato particolarmente affascinato dall’azione realistica e dai fisici dettagliati dei personaggi di Tiger Mask. Più tardi, quando ero in terza e quarta elementare, mi sono innamorato dello show tokusatsu Kamen Rider 2. Ho preso in prestito il manga Kamen Rider di Shotaro Ishinomori da un amico a scuola e perdevo la cognizione del tempo a leggerlo più e più volte. È stato allora che ho letto anche il manga di Fujio Akatsuka, che mi ha portato a capire quanto sia meraviglioso il manga come mezzo, come infiniti universi possano prendere vita in due dimensioni. Oltre a copiare i personaggi degli altri, immaginavo che tipo di mostri volevo apparire e ne inventavo uno mio.

È chiaro che Hara aveva già un profondo amore per i manga a questo punto, ma il modo in cui ha iniziato a creare manga è tutta un’altra storia.

Quando ero in seconda e terza elementare, avevo deciso che volevo diventare un mangaka professionista. Quando ero alle medie, leggevo manga su come diventare un mangaka, così come manga autobiografici, e studiavo fumetti a quattro vignette per cercare di migliorare la mia arte sequenziale. Dopodiché, sono entrato nel programma di design del mio liceo, mi sono iscritto al manga gekiga club e ho inviato le iscrizioni ai concorsi organizzati dalle riviste di manga dell’epoca. Sono andato anche a visitare il posto di lavoro di Osamu Akimoto, che era un ex allievo del mio liceo. Ricordo di essere stato così ispirato nel vedere il posto di lavoro di qualcuno che lavorava in prima linea nell’industria dei manga professionali.

Ad essere onesto, fin dall’inizio, non sono mai stato molto bravo a inventare trame e volevo davvero concentrarmi sul mostrare le mie abilità nella direzione artistica e nella creazione di personaggi. Nobuhiko Horie, il mio primo editore, ha lavorato in tandem con me sin dal mio debutto, aiutandomi a colmare le mie debolezze e sviluppare ulteriormente i miei punti di forza. Anche ora, il processo di produzione per me è sempre lo stesso: Horie proporrà una trama e io mi concentrerò sui personaggi e sulla direzione artistica mentre creo uno storyboard. Insegno quindi al mio staff di aiutare a creare il prodotto finale.

Gli esordi di Tetsuo Hara, però, non sono dei migliori. Spinto dalla passione, ancora giovanissimo manda alcuni suoi lavori a Takao Yaguchi, autore del manga arrivato come anime da noi col titolo di Sampei, il ragazzo pescatore. Yaguchi decide di prenderlo come collaboratore, ma il rapporto professionale dura quanto uno starnuto e Tetsuo Hara è velocemente allontanato in quanto ancora troppo acerbo nello stile e nella tecnica.

Poco male, perché il giovane, pur deluso, si rimbocca le maniche e continua nel perseguimento dei suoi obiettivi.

La scuola di Hara

Tetsuo Hara e il suo amore per i manga, il padre di Ken ma non solo

Hokuto no Ken è chiaramente il sogno che si avvera e raggiunge un successo memorabile, bissato anche dalla sua controparte animata, che arriva da noi all’inizio con perplessità per l’eccessiva violenza e la crudezza del racconto.

Ci sono anche poetica, eroismo, abnegazione e tutto quanto ben si addica a un eroe giapponese. C’è pure molta tristezza, ma passa inosservata in secondo piano per i genitori.

Kenshiro è, infatti, un personaggio che raramente sorride. Il suo viso duro e squadrato parla poco e, quando lo fa, è spesso per annunciare al nemico che sta per morire. È un archetipo, quasi, e Tetsuo Hara continua ad occuparsene, ben oltre il finale del manga.

Nel 2001 disegna un prequel, Ken il Guerriero: le Origini del Mito, con protagonista lo zio di Kenshiro che vive le sue avventure nella Shangai degli anni ’30 e che conclude la sua storia editoriale nel 2010. Dal 2006, inoltre, la sua casa di produzione realizza una serie di lungometraggi animati di Hokuto no Ken. Le influenze che hanno ispirato il maestro chiaramente sono varie e costellano il suo percorso di artista:

Amo Bruce Lee e Yusaku Matsuda e volevo creare un personaggio basato sulle parti più belle di entrambi. Bruce Lee è diventato popolare in Giappone dopo la sua morte, quindi volevo davvero disegnare una “continuazione” di Bruce Lee, e la performance di Yusaku Matsuda nel film La resurrezione del lupo d’oro incarnava il tipo di uomo che gli uomini cadono a capofitto per, per così dire. Ho parlato con Horie di come sono stato ispirato da questi due uomini e di come volevo creare qualcosa che includesse in particolare le arti marziali cinesi, e ha fatto delle ricerche nelle librerie dell’usato a Jimbocho, arrivando con le idee per i punti di pressione che causano gente ad esplodere, e anche l’idea di battute come “sei già morto”, così è nato il Pugno della Stella Polare.

Buronson e io non ci siamo visti molto durante la serializzazione e non abbiamo mai avuto riunioni per discutere direttamente del lavoro. Horie, il mio editore, ha lavorato come intermediario e ha tirato fuori il meglio di entrambi. Tuttavia, non era una relazione in cui stavamo trattenendo qualcosa, ma uno scambio reciproco di pensieri e idee che volevamo fornire ai lettori attraverso la nostra arte e il nostro dialogo, e credo che sia stato un lavoro migliore per questo. In particolare, ci sono così tanti casi in cui sono rimasto incredibilmente colpito dalle battute di Buronson e mi ha ispirato a dirigere quelle scene in un modo in cui i lettori sarebbero rimasti ancora più colpiti di quanto non fossi inizialmente. Per quanto riguarda il conto alla rovescia, è ispirato alle antiche tecniche di omicidio giapponesi, così come a tecniche di omicidio con un intervallo di tempo integrato, come “Seven Year Kill” di Toilet Hakase, una delle prime serie di Shonen Jump.

Considerando l’esperienza artistica di Hara, ci sono stati molti punti che hanno guidato la sua ispirazione:

Tante persone mi hanno ispirato, ma in particolare ho imparato molto da Fujio Akatsuka, Shotaro Ishinomori, Tetsuya Chiba e Ryoichi Ikegami. Le gag di Akatsuka mi hanno fatto ridere così tanto da piangere, ed è stato allora che ho imparato il potere del manga e quanto può essere divertente. Il lavoro di Ishinomori si stava diffondendo in tutto il Giappone e catturava il cuore dei bambini dell’epoca, e io ero uno di loro. I suoi design per eroi e mostri erano fantastici e mi ha ispirato a non diventare mai pigro con i design dei personaggi, anche per quelli che sono morti rapidamente. Il lavoro di Chiba mi ha insegnato il potere dei personaggi e la profondità del dramma umano. Se i personaggi sono interessanti, è come se potessero muoversi e far progredire la storia da soli. Ikegami mi ha insegnato il potere della gekiga. La sua capacità di ritrarre ogni personaggio con realismo e lucentezza è davvero mozzafiato. È stato la più grande influenza su di me in termini di arte. Penso davvero che sia il più grande in Giappone quando si tratta di disegnare uomini di bell’aspetto.

Alla fine, mi sono chiesto quali piani avesse Hara per il futuro e sembra che sia molto desideroso di restituire e aiutare la prossima generazione di mangaka.

Invece di inventare le cose da solo, sono più interessato a lavorare con i mangaka più giovani per creare nuovi lavori come una squadra. Creare manga come professione è spesso un lavoro da parte di una sola persona, quindi è difficile trasmettere queste abilità ad altri. Ho più di quarant’anni di esperienza in questo settore, quindi spero che trasmettendo quella conoscenza alla prossima generazione, continuerà ad essere trasmessa anche alle generazioni future.

Ken il Guerriero: in arrivo lo spin-off sui Cinque Astri in Cerchio di Nanto
Ken il Guerriero: in arrivo lo spin-off sui Cinque Astri in Cerchio di Nanto
Detective Conan incontra Ken il Guerriero per promuovere il nuovo film dell'investigatore
Detective Conan incontra Ken il Guerriero per promuovere il nuovo film dell'investigatore
Ken il Guerriero: La Leggenda di Hokuto - La resistenza guidata da Shu
Ken il Guerriero: La Leggenda di Hokuto - La resistenza guidata da Shu
Ken il guerriero arriva al cinema: ecco il poster in esclusiva
Ken il guerriero arriva al cinema: ecco il poster in esclusiva
Hokuto No Ken: il viaggio solitario di un guerriero
Hokuto No Ken: il viaggio solitario di un guerriero
Maison Ikkoku, o perché non fanno più i manga di una volta
Maison Ikkoku, o perché non fanno più i manga di una volta
Maison Ikkoku, o perché non fanno più i manga di una volta
Maison Ikkoku, o perché non fanno più i manga di una volta