Primo buco nero dormiente sulla soglia della Via Lattea

4 mesi fa

buco nero dormiente

Si tratta del primo buco nero di massa stellare fuori dalla Via Lattea. Nell’universo ne esistono solo due tipi: i buchi neri super massicci al centro delle galassie e quelli di massa stellare, nati da stelle giganti collassate. Il merito della scoperta va a un team di ricerca internazionale costituito da numerosi centri di ricerca e atenei. Al vertice del gruppo di scienziati c’è il professor Tomer Shenar. Il buco è stato rinvenuto dopo anni di monitoraggio su un migliaio di stelle massicce in una galassia nana alle porte della Via Lattea. Esattamente le stelle della Nebulosa Tarantola.

Ecco trovato il primo buco nero di 9 masse solari, è dormiente, cioè che emette radi raggi x. Così è molto difficile da rilevare. Scoprirlo è stato possibile grazie all’interazione gravitazionale con una stella gigante blu di una massa superiore 25 volte quella del Sole. A 160mila anni luce dal pianeta Terra. Erano più di due anni che gli studiosi andavano alla ricerca di buchi neri. Poi dopo averlo trovato finalmente, hanno cercato la causa della sua presenza e della sua natura dormiente. Il perché della sua inattività è relativo alla vicinanza di una stella blu. Altra curiosità in merito è che il buco nero sarebbe nato senza l’esplosione della supernova, sua stella madre.

 

La stella che ha formato il buco nero sembra essere completamente collassata, senza alcun segno di una precedente esplosione. Le prove di questo scenario di ‘collasso diretto’ sono emerse di recente, ma il nostro studio fornisce probabilmente una delle indicazioni più dirette. Ciò ha enormi implicazioni per l’origine delle fusioni di buchi neri nel cosmo.

Tomer Shenar

 

 

 

Sistema solare: i resti del più antico hanno 10 miliardi di anni
Sistema solare: i resti del più antico hanno 10 miliardi di anni
Buchi neri: il più vicino alla Terra è gaia BH1
Buchi neri: il più vicino alla Terra è gaia BH1
Buco nero digerisce stella 3 anni dopo averla divorata
Buco nero digerisce stella 3 anni dopo averla divorata
Via Lattea: due nuovi pianeti nella sua galassia
Via Lattea: due nuovi pianeti nella sua galassia
Gaia: la missione dell’Esa diffonde le novità sulla Via Lattea
Gaia: la missione dell’Esa diffonde le novità sulla Via Lattea
Via Lattea: trovate le prove di un buco nero solitario
Via Lattea: trovate le prove di un buco nero solitario
Via Lattea: almeno 300 milioni di pianeti abitabili
Via Lattea: almeno 300 milioni di pianeti abitabili

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.