L’Universo a specchio risolverebbe i problemi della cosmologia

2 mesi fa

universo a specchio

La costante di Hubble, o parametro di Hubble, è una misura della velocità con cui il nostro Universo si espande. Questa espansione è stata dimostrata per la prima volta da Edwin Hubble, utilizzando i dati di Henrietta Leavitt, Vesto Slipher e altri. Nei decenni successivi, le misurazioni di questa espansione si stabilirono su una velocità di circa 73 km/sec/Mpc. Dai o prendi un bel po’. Gli astronomi hanno pensato che quando le nostre misurazioni fossero diventate precise, i vari metodi si sarebbero stabiliti su un valore comune, ma ciò non è accaduto. In effetti, negli ultimi anni le misurazioni sono diventate così precise da non essere assolutamente d’accordo. Questo è talvolta noto come il problema della tensione cosmica.

A questo punto i valori osservati della costante di Hubble si raggruppano in due gruppi. Le misurazioni delle fluttuazioni nel fondo cosmico a microonde puntano verso un valore più basso, circa 67 km/sec/Mpc, mentre le osservazioni di oggetti come supernove distanti producono un valore più alto intorno a 73 km/sec/Mpc. Qualcosa chiaramente non torna e i fisici teorici stanno cercando di capire perché. È qui che potrebbe entrare in gioco l’Universo a specchio.

Possiamo creare particelle di materia in laboratorio, ma quando lo facciamo, creiamo anche particelle di antimateria. Vengono sempre in coppia. Quindi, quando le particelle si sono formate nell’Universo primordiale, dove sono finite tutte le loro sorelle di antimateria? Un’idea era che l’Universo stesso si formasse come una coppia. Il nostro Universo di materia e un Universo di antimateria simile. Problema risolto. L’idea è caduta in disgrazia per vari motivi, ma questo nuovo studio esamina come potrebbe risolvere il problema di Hubble.

Il team ha scoperto un’invarianza in quelli che sono noti come parametri senza unità. La più famosa di queste è la costante di struttura fine, che ha un valore di circa 1/137. Fondamentalmente, puoi combinare i parametri misurati in modo tale che tutte le unità si annullino, dandoti lo stesso numero indipendentemente dalle unità che usi. I ricercatori hanno scoperto che quando modifichi i modelli cosmologici in modo che corrispondano ai tassi di espansione osservati, diversi parametri senza unità rimangono gli stessi, il che suggerisce una simmetria cosmica sottostante.

Se si impone questa simmetria in modo più ampio, è possibile scalare il tasso di caduta libera gravitazionale e il tasso di dispersione fotone-elettroni in modo che i diversi metodi di misurazione di Hubble possano combaciare. E se questa invarianza è reale, implica l’esistenza di un Universo a specchio che influenzerebbe il nostro Universo attraverso una debole attrazione gravitazionale.

 

 

Stelle appena nate: le osservazioni di Alma
Stelle appena nate: le osservazioni di Alma
Hermes, aliante stratosferico italiano: primo successo
Hermes, aliante stratosferico italiano: primo successo
Materia oscura di 12 miliardi di anni fa, osservata nell’Universo
Materia oscura di 12 miliardi di anni fa, osservata nell’Universo
Universo: individuate le cose più sfuggenti
Universo: individuate le cose più sfuggenti
Campo magnetico: scoperto il più forte esistente nell'Universo
Campo magnetico: scoperto il più forte esistente nell'Universo
Neutrini, per la prima volta si svela l’origine
Neutrini, per la prima volta si svela l’origine
Missione Euclide: un telescopio spaziale alla scoperta del dark universe
Missione Euclide: un telescopio spaziale alla scoperta del dark universe