I 10 migliori Anime LGBTQIA+

1 settimana fa

14 minuti

I 15 migliori Anime LGBTQIA+

L’universo degli anime è sempre stato molto vario, poiché il mezzo offre tante storie profonde, socialmente rilevanti e significative quanto un intrattenimento spensierato o ricco di azione. Molte persone che non hanno familiarità con gli anime potrebbero essere sorprese dall’abbondanza di serie anime a tema LGBTQIA+ disponibili, vi suggeriamo i 10 migliori. Certo, molte di loro contengono anche rappresentazioni non sempre corrette piene di cliché comuni, ma ci sono anche tante storie autentiche là fuori con un focus significativo, se non esclusivo, sui personaggi LGBTQIA+.

Dai fantastici prodotti come Doukyuusei ai manga come The Bride Was A Boy, il Giappone non è estraneo alla straordinaria rappresentazione queer nei media e nelle storie. Ciò si estende anche alle serie anime con serie come Yuri on Ice e Revolutionary Girl Utena che sono estremamente popolari tra i fan.

Durante il Pride o in qualsiasi altro periodo dell’anno, può essere significativo entrare in contatto con personaggi e storie queer per coloro che fanno parte della comunità LGBTQIA+.

Mentre ci sono molte serie là fuori che si qualificano, alcuni si distinguono dagli altri per la loro impressionante rappresentazione del genere e delle minoranze sessuali.

Non c’è mai un momento migliore di quando il Pride Month inizia a dare di nuovo uno sguardo nuovo al mondo incredibilmente vario delle storie di anime. Mentre molti cartoni animati occidentali combattono ancora per includere personaggi queer a qualsiasi titolo, gli anime hanno continuato a pubblicare serie sorprendenti con loro in prima linea. Con questo in mente, vi proponiamo una scelta variegata con prodotti sia nuovi che vecchi, in modo che i fan degli anime possano trovare un anime che li rappresenti sullo schermo.

Paradise Kiss

I 15 migliori Anime LGBTQIA+

Ai Yazawa è famosa per il suo stile di scrittura realistico e “adulto”. Probabilmente è diventata famosa soprattutto per il suo manga  —  “Paradise Kiss” (ParaKiss in abbreviazione dal giapponese Paradaisu Kisu) che le ha portato popolarità. ParaKiss è un fumetto composto da una serie di 5 volumi. È stato anche trasformato in un anime e un lungometraggio.

All’inizio del fumetto, vediamo la complessità della storia in cui gli adolescenti lottano per trovare la loro identità e il loro scopo nella vita. Yukari Hayasaka che in seguito si chiamerà Caroline è il personaggio principale della storia. Un ragazzo di nome Arashi la segue e Yukari pensa che voglia farle del male, quindi inizia a scappare e si imbatte nel primo personaggio queer, Isabella.

Come si scopre in seguito, sia Arashi che Isabella appartengono a un atelier di moda con il nome del marchio — ”Paradise Kiss” (ParaKiss) insieme al misterioso George Koizumi e alla ragazza dai capelli rosa Miwako Sakurada. Tutti questi ragazzi vanno in una scuola d’arte e offrono a Yukari di diventare il loro modello per il concorso di moda annuale dell’accademia.

Paradise Kiss presenta diversi personaggi apertamente queer che vanno da George apertamente bisessuale a Isabella che è transgender.

Questo anime si tuffa in profondità nei temi della scoperta di sé e della trasformazione delle apparenze attraverso la moda e presenta alcuni dei personaggi più credibili di tutti gli anime.

Paradise Kiss è un buon dramma che permette al pubblico di vivere alcuni momenti intensamente emotivi.

Antique Bakery

I 15 migliori Anime LGBTQIA+

Quanto è dolce Antique Bakery? Tanto, il suo creatore Fumi Yoshinaga ha detto che voleva fare una storia shonen con personaggi gay piuttosto che un manga che piace ai ragazzi e quindi ha creato una storia con un’atmosfera estremamente diversa rispetto alla maggior parte degli altri media queer, per non parlare degli anime.

Antique Bakery è una serie anime su un negozio di panetteria appena aperto. Il protagonista assume un pasticcere talentuoso e apertamente gay, nonostante condividano entrambi una storia travagliata. A loro si uniscono altri dipendenti con personalità colorate, mentre i personaggi lavorano insieme per aiutare questa attività a fiorire.

Adattato dal manga, Antique Bakery vi farà divertire con i suoi personaggi accattivanti e le sue trame affascinanti. Certo, il contenuto di effusioni è minimo e non soddisferà coloro che si aspettano una vera e propria storia d’amore gay. Tuttavia, questo anime mescola una commedia spensierata con una malinconia agrodolce per creare una serie costantemente divertente.

La serie mette in evidenza i temi LGBT e ritrae candidamente la sessualità gay, cosa rara negli anime.

Tuttavia, è incerta riguardo alla promiscuità, alle relazioni tossiche e alla paura irrazionale delle donne nella caratterizzazione di Ono. Fa un passo avanti con una certa inclusività, ma poi due passi indietro perpetuando stereotipi cliché. Tuttavia, Antique Bakery è ancora un orologio utile. La storia intrigante, i personaggi memorabili e l’umorismo divertente creano un’esperienza deliziosamente divertente.

Bloom Into You

I 15 migliori Anime LGBTQIA+

Bloom Into You è un anime speciale e merita più attenzione di quanta ne abbia ed è a ragion veduta tra i 10 migliori Anime LGBTQIA+. L’ambizioso progetto di Studio Troyca adatta un’omonima serie manga acclamata dalla critica. È uno dei migliori anime Yuri degli ultimi tempi ed è in realtà rispettoso e solidale con la comunità LGBT+. A parte questo, è anche un bel dramma romantico e commovente.

L’anime Yuri di Studio Troyca è incentrato su una matricola del liceo, Yuu Koito, che non si è mai innamorata prima. Dopo aver rifiutato un ragazzo, cerca aiuto dalla bellissima presidente del consiglio studentesco Touko Nanami, che aveva anche rifiutato qualcuno. Mentre le due si avvicinano, Touko inizia a provare dei sentimenti per Yuu. Non essendo sicura di come si sente, Yuu rifiuta anche lei. Tuttavia, questo è l’inizio della loro storia d’amore shoujo.

Nel 2015, Bloom Into You o Yagate Kimi ni Naru è nato come una serie manga. La scrittrice-illustratrice Nio Nakatani è stata apprezzata per il suo lavoro da milioni di lettori dal Giappone e anche a livello internazionale. Il manga acclamato dalla critica è stato poi adattato in una serie anime nell’ottobre 2018, che è durata fino a dicembre dello stesso anno.

L’anime costruisce una narrativa sana in un mondo che sembra reale. I personaggi sembrano persone reali e i loro problemi sono  profondi. Yuu e Touko sono caratterizzate magnificamente e le loro personalità crescono nel corso della serie. A differenza della maggior parte dei drammi romantici, Bloom Into You non riguarda solo il romanticismo.

Invece, si concentra sulla ricerca di se stessi e sul bisogno di comprensione nella relazione.

Doukyuusei

I 15 migliori Anime LGBTQIA+

Doukyuusei è sicuramente una tradizionale storia d’amore del liceo piena di stupidi litigi e molte ipotesi, tocca un aspetto molto importante che è difficilmente trattato negli anime popolari e di alto livello.

L’omosessualità è ancora piuttosto un tabù nella cultura giapponese, qualcosa che secondo uno studio è dovuto principalmente all’invisibilità LGBT nella società.

Un recente sondaggio online internazionale di Ipsos, ad esempio, ha rivelato che solo il 5% dei giapponesi, rispetto al 46% di tutti i partecipanti in tutto il mondo, ha affermato di avere un collega, un amico intimo o un parente lesbico, gay, bisessuale o transgender, che è il secondo più basso tra i 16 paesi partecipanti.

Doukyuusei ha portato una relazione tra adolescenti gay anche sul grande schermo, e non era una storia esagerata o una rappresentazione ridicola. Il film ha incassato 200 milioni di yen al botteghino, un numero impressionante considerando l’argomento e il paese in cui andava in onda.

Doukyuusei è una boccata d’aria fresca in molti modi. È una semplice storia d’amore che non ha bisogno di inutili colpi di scena o complicati poligoni amorosi per far andare avanti la storia. I piccoli litigi e gli stupidi errori sono cose a cui chiunque abbia mai avuto una relazione può relazionarsi, il che rende la storia un po’ nostalgica.

Kakegurui

I 15 migliori Anime LGBTQIA+

Basato sull’omonimo manga, Kakegurui è un anime che attualmente ha due stagioni disponibili per la visione su Netflix. La serie segue Yumeko Jabami, una studentessa trasferita alla Hyakkaou Private Academy, una prestigiosa scuola giapponese in cui la gerarchia sociale è, stranamente, determinata dal gioco d’azzardo.

Jabami, dolce e innocente all’esterno, nasconde una vorace e incontrollabile dipendenza dal gioco d’azzardo e, usando il suo intelletto e la sua conoscenza delle situazioni ad alto rischio, si propone di distruggere definitivamente le scale sociali della scuola, se non altro per quello lei può.

Alcuni dei personaggi di Kakegurui sono esplicitamente queer o suggeriscono di esserlo e, sebbene la serie a volte descriva la malattia mentale in un modo poco comprensibile, la rappresentazione queer nella serie è nuova e interessante.

Suzui e Saotome, gli amici intimi di Jambai e due degli altri personaggi principali hanno entrambi un codice queer e le relazioni delle tre donne sono piene di tensione sessuale e romantica. Ci sono anche un certo numero di personaggi canonicamente gay in Kakegurui, come Sayaka Igarashi e Kirari Momobami, il presidente del corpo studentesco.

Le donne di Kakegurui sono ferme nelle loro decisioni e nella loro sessualità. C’è molto da vedere e, sebbene non tutto sia perfetto o fatto con tatto, i personaggi e le relazioni gay in mostra nella serie lo rendono uno degli anime queer più accattivanti in circolazione.

La serie è appariscente ed eccitante, e con alcuni affascinanti personaggi queer inseriti, è sicuramente una serie di anime su Netflix che vale la pena guardare e tra i 10 migliori Anime LGBTQIA+.

The Legend of Korra

I 10 migliori Anime LGBTQIA+

The Legend of Korra, una serie spin-off e sequel del popolarissimo anime nordamericano Avatar: The Last Airbender, non è l’anime più esplicitamente queer in circolazione, ma merita un posto in questa lista dei 10 migliori Anime LGBTQIA+ per il modo in cui è stato ha aperto la strada ai personaggi queer a brillare nell’animazione per bambini, specialmente negli Stati Uniti e nei media occidentali.

La scena finale di The Legend of Korra presenta Korra, il personaggio principale, e Asami, il suo nemico di una volta ma ora intima amica personale, che si tengono per mano e si guardano negli occhi. Non succede più nulla sullo schermo, ma i fan hanno subito capito cosa era implicito e si sono rivolti ai creatori in cerca di risposte.

“Puoi celebrarlo, abbracciarlo, accettarlo, superarlo o qualunque cosa tu senta il bisogno di fare”, ha detto il co-creatore Bryan Konietzko, confermando che c’era una relazione strana e romantica tra i due personaggi. “Non si può negarlo. Questa è la storia ufficiale”.

La relazione tra Korra e Asami si svolge come tante prime cotte queer: una relazione romantica nata dall’amicizia e dalla connessione. È qualcosa che sarà familiare a molti spettatori queer, e mentre tenersi per mano può sembrare una scarsa rappresentazione attraverso l’obiettivo di questo decennio moderno, lo status di The Legend of Korra come anime queer non dovrebbe essere sottovalutato affatto.

Per anni è stato difficile per gli studi di animazione e gli scrittori negli Stati Uniti creare storie d’amore queer nel loro lavoro, e non è un eufemismo dire che Korrsami, come i fan hanno soprannominato la coppia iconica, ha aperto la strada a una maggiore rappresentazione non solo negli anime ma anche nell’animazione più in generale.

The Legend of Korra è uno anime brillante in cui il romanticismo è raramente al centro, ma, quando lo è, le relazioni sono fatte bene e la rappresentazione queer è ed è stata pionieristica. Per questo, si guadagna un posto nella nostra lista sui 10 migliori Anime LGBTQIA+.

She-Ra and the Princesses of Power

I 10 migliori Anime LGBTQIA+

She-Ra and the Princesses of Power è un’altra serie animata nordamericana che, a seconda di chi lo chiedi, potrebbe non essere “ufficialmente” un anime, ma saremmo negligenti se non includessimo la serie in questo elenco. Questo perché She-Ra non è solo uno dei migliori anime queer in circolazione, ma uno dei migliori anime queer in generale.

Tutte e cinque le stagioni di She-Ra sono attualmente disponibili su Netflix, e tutti questi quasi 100 episodi sono storie di legami gay e storie d’amore.

La serie affronta molto più che semplici problemi queer – affronta depressione, traumi, ansia e molto altro – ma le relazioni queer al centro sono indispensabili per la storia e, probabilmente, per il successo dello show.

La serie anime ha un cast deliberatamente inclusivo e diversificato che lavora per evidenziare diversi mezzi per esprimere il potere.

È probabile che la serie affronti problemi a cui molti spettatori – bambini o altro – potrebbero non aver avuto molta esposizione, e lo fa solo in modi premurosi e coinvolgenti. She-Ra migliora solo con il passare del tempo, ma anche dalla prima stagione dovresti essere in grado di dire che la serie è qualcosa di speciale.

Oltre alle relazioni LGBTQ+ esplicite, però, She-Ra and the Princesses of Power presenta anche una serie di personaggi al di fuori del binario di genere, qualcos’altro di cui la serie è anche un pioniere, specialmente su Netflix e soprattutto nei contenuti per bambini.

Ci sono pochi anime là fuori che presentano una rappresentazione queer così impressionante e quindi, mentre She-Ra potrebbe non adattarsi alla definizione perfetta di un anime giapponese, è una serie assolutamente da non perdere su Netflix in questo momento.

Ouran High School Host Club

I 10 migliori Anime LGBTQIA+

Ouran High School Host Club è una serie animata giapponese basata su un manga con lo stesso nome. La serie è una sorta di commedia romantica e segue Haruhi Fujioka, una studentessa della Ouran Academy, e gli altri membri del club ospitante, un popolare locale simile a una discoteca della zona. Fondamentalmente Shinjuku a Tokyo.

La serie è piena di spunti interessanti sui problemi e l’identità LGBTQ+ e presenta drag queen, oltre a un protagonista che non sembra affatto preoccupato per il proprio genere.

Un punto centrale della trama dipende dal fatto che Haruhi viene scambiata per uno studente maschio invece che per una femmina, e mentre ci sono sicuramente alcune scene che tendono più alla satira o alla commedia che alla rappresentazione reale, l’anime dovrebbe essere elogiato per il suo unico approccio alle questioni queer.

Ouran High School Host Club non richiama l’attenzione sui suoi temi o personaggi queer, optando invece solo per lasciarli vivere e respirare in quello che sembra un ambiente molto naturale. Non si muove troppo velocemente, rimane interessante per tutto il tempo ed è una delle serie anime LGBTQ+ più classiche e iconiche in circolazione.

Q-Force

Uscito a settembre del 2021, Q-Force è una commedia animata per adulti creata per Netflix da Gabe Liedman (il cui lavoro precedente include Brooklyn Nine-Nine, Inside Amy Schumer e PEN15). La serie è incentrata sul titolare Q-Force, un gruppo di agenti segreti che ricorda l’M16 di James Bond.

Anche la star, una superspia di nome Sam Merriweather, è familiare a 007, anche se con alcuni cambiamenti distinti. Vedete, la Q-Force è composta interamente da gente gay e queer, un fatto che sfortunatamente, nella loro linea di lavoro, impedisce loro di essere potenti quanto potrebbero essere.

Per dimostrare il loro valore ai loro superiori, la Q-Force porta un uomo etero nella squadra, ed è da qui che deriva gran parte della commedia dello show. La serie ha il suo cuore nel posto giusto, anche se alcune delle sue battute non atterrano.

Inoltre, anche se l’anime è stato scritto e prodotto da vere persone queer (qualcosa che è ancora fin troppo raro quando si tratta di storie queer nei principali media), Q-Force basa molte delle sue battute su aspetti della comunità gay che sarebbero essere considerato un colpo basso nella migliore delle ipotesi e stereotipi insensibili nella peggiore.

Detto questo, se Q-Force suona come un anime che potrebbe piacervi (a corto di sfumature ma facile e divertente da guardare), allora quasi sicuramente sarà qualcosa che vi piacerà.

Super Drags

Creato per Netflix da Anderson Mahanski, Fernando Mendonça e Paulo Lescaut, Super Drags è un anime in cui i temi e i personaggi queer non sono in alcun modo sottili o non espliciti. In effetti, i tre amici al centro della serie, Donizete, Patrick e Ralph (che hanno alter ego come supereroi drag queen: Scarlet Carmesim, Lemon Chiffon e Safira Cyan) hanno una sola missione in mente: proteggere la comunità LGBTQIA+.

Super Drags è audace e esagerato in tutti i modi migliori, e vedere una serie che non ha paura di essere un campione per la comunità queer è sicuramente qualcosa di speciale.

Sfortunatamente la serie è stato cancellato dopo una breve stagione di cinque episodi, ma se stai cercando un modo per massimizzare la quantità di contenuti di Super Drags nella tua vita, ecco una raccomandazione: guarda prima la versione brasiliana originale con i sottotitoli e poi guarda di nuovo il doppiaggio in italiano. E poi, in inglese, puoi goderti le voci delle star delle gare di resistenza di Ru Paul come Trixie Mattel, Ginger Minj, Willam e Shangela.

 

 

Parliamone: un episodio speciale su Netflix per celebrare il Pride Month
Parliamone: un episodio speciale su Netflix per celebrare il Pride Month
Kotaro abita da solo, la recensione: una visione del mondo schietta e senza filtri
Kotaro abita da solo, la recensione: una visione del mondo schietta e senza filtri
Thermae Romae Novae, la recensione: un viaggio nel tempo tra Antica Roma e Giappone
Thermae Romae Novae, la recensione: un viaggio nel tempo tra Antica Roma e Giappone
Heartstopper: perché è una storia che avevamo bisogno di vedere
Heartstopper: perché è una storia che avevamo bisogno di vedere
I 15 anime da vedere assolutamente su Netflix, da L'attacco dei giganti a Cowboy Bebop
I 15 anime da vedere assolutamente su Netflix, da L'attacco dei giganti a Cowboy Bebop
The Orbital Children: trailer della miniserie anime Netflix in arrivo il 28 gennaio
The Orbital Children: trailer della miniserie anime Netflix in arrivo il 28 gennaio
Pride: il 25 giugno su Disney+ la docuserie sui diritti LGBTQ+
Pride: il 25 giugno su Disney+ la docuserie sui diritti LGBTQ+