Obi-Wan Kenobi, la recensione del quarto episodio: un richiamo all’epoca d’oro di Star Wars

2 mesi fa

7 minuti

Obi-Wan Kenobi, la recensione del quarto episodio

Ho l’impressione che questo episodio dividere i fan i due fazioni: i nostalgici dell’era d’oro di Star Wars e, sostanzialmente, chi non sarà molto contento di questo episodio. Iniziamo così la recensione del quarto episodio di Obi-wan Kenobi con questa mini introduzione un po’ “cerchiobottista” (passatemi il termine). Obi-Wan Kenobi è tornato con il suo quarto episodio, intitolato Parte IV, su Disney+, riprendendo dalla situazione bruciacchiata ed elettrizzante della settimana precedente.

Questo episodio è riuscito ancora una volta a dimostrare come questa serie potrebbe benissimo essere il miglior spin-off di Star Wars uscito nel corso degli anni dopo molteplici tentativi promettenti e vaghi di ricreare il genio originale di George Lucas.

Naturalmente sottolineo il potrebbe della frase precedente soprattutto per chi non la penserà allo stesso modo. Il quarto episodio riprende dal rapimento della Principessa Leia (la ormai piccola di casa Vivien Lyra Blair) e fortemente incentrato sull’avventura di Obi-Wan Kenobi nei territori nemici in una rischiosa missione di salvataggio, aiutato da un eccezionale Tala (Indira Verma) e altri alleati ribelli. L’episodio ha reso un degno tributo alla trilogia originale di Star Wars con la sua estetica visiva, ma si è anche rivelato uno degli episodi più emozionanti fino ad ora.

Obi-Wan Kenobi non è nei radar all’inizio dell’episodio ma non disperate. Fresco di un pestaggio e di un incendio per mano di Darth Vader, il Jedi sconfitto viene messo “a mollo” nella vasca di Bacta e si rimette in piedi in men che non si dica. Con solo sei episodi della serie, è una mossa che potrebbe essere vista come chirurgica: un taglio rapido che elimina qualsiasi gonfiore. Invece, prepara in fretta la scena per un episodio che per molti sarà una vera piccola delusione della serie ma che, ripeto. da buon bastian contrario, non condivido.

Leia è stata portata via alla Fortezza dell’Inquisitorio, un luogo che sarà familiare ai fan di Jedi: Fallen Order. Anche la premessa – essenzialmente un’evasione dalla prigione, aiutata da una spia imperiale – si rivela familiare. È qui che l’episodio cade, perché ricorda troppo da vicino due episodi di The Mandalorian: The Prisoner e The Believer.

Ricreare il genio

Obi-Wan Kenobi, la recensione del quarto episodio

Continuiamo la recensione del quarto episodio di Obi-Wan Kenobi riprendendo un po’ le fila del discorso… Dopo che l’episodio precedente è servito a una contorta giustizia poetica, in cui Darth Vader (Hayden Christensen) ha gettato Obi-Wan su un terreno in fiamme e lo ha lasciato abbrustolire, questo episodio è iniziato con Obi-Wan che è stato messo in una vasca simile in cui è stato messo Darth Vader alla fine di Star Wars: La vendetta dei Sith (Episodio III).

La storia è presto passata a Reva (Moses Ingram) e al suo saggio tentativo di estrarre informazioni dalla giovane Leia. Mentre questa sequenza è continuata a intermittenza per più di un terzo dell’episodio, la giovane Blair ha dimostrato di essere all’altezza della brillante Reva di Ingram, sia all’interno della trama che come attrice.

Obi-Wan e Tala che pianificano un percorso verso la base sicura dell’impero ricordano le vecchie sequenze di Star Wars, incentrate principalmente sull’alleanza ribelle. Dopo che Tala ha deciso di correre un rischio ed entrare nel territorio nemico usando il suo nulla osta di sicurezza come lavoratrice per l’Impero, le cose si sono fatte interessanti.

La seconda metà della puntata è stata ricca di azione, a partire da una scena meravigliosamente girata di Obi-Wan che nuota nella base in una sequenza sott’acqua colorata di verde. Tutto ciò che è successo da lì in poi è stato un diretto ritorno ai giorni d’oro del franchise.

Obi-Wan Kenobi ha ricreato lo stesso brivido di Luke e Obi-Wan che irrompono nella base dell’Impero in Star Wars: Una nuova speranza (Episodio IV). Le sequenze di combattimento con riprese simili hanno anche visto Obi-Wan tornare a usare la forza e la spada laser come armi primarie (era anche l’ora!).

Con i progressi tecnologici, il quarto episodio ha creato una sequenza ancora più bella, con colori fantastici e un paesaggio sonoro altrettanto riverberante. Tala ha giocato un ruolo importante nel far uscire Leia e, in quasi un altro modo nostalgico e di ritorno al passato, le navi ribelli sono riuscite ad arrivare giusto in tempo per un salvataggio dell’ultimo minuto.

Considerazioni finali

Obi-Wan Kenobi, la recensione del quarto episodio

Bene, cerchiamo di  chiudere il cerchio della recensione del quarto episodio di Obi-Wan Kenobi dicendo che l’episodio dal ritmo serrato non ha perso un secondo di tempo ad accumulare nuove cose, anche nei momenti finali dell’episodio. Reva ha rivelato a un agitato Darth Vader di aver messo un localizzatore nella nave di Obi-Wan. Questo ha anche posto le basi per il prossimo episodio…

C’è ancora molto da apprezzare però, ci sono alcuni momenti salienti in cui Obi-Wan e Tala si intrufolano nella Fortezza, specialmente quando attirando l’attenzione degli Stormtrooper. Più tardi, anche, quando Obi-Wan salva Leia, i suoi attacchi nell’oscurità mostrano che i Jedi stanno lentamente ritrovando il loro posto in una scena visivamente accattivante che funge da specchio deformato della furia di Vader.

Insieme alla lotta nel tunnel più avanti nell’episodio, l’episodio mostra quanto sia capace Deborah Chow nel gestire ogni tipo di scena d’azione in una galassia molto, molto lontana.

L’episodio è anche una delizia per i fan di Jedi: Fallen Order, con la posizione, i soldati e persino l’allagamento dell’atto finale e la sequenza di fuga che sembrano divertenti cenni al videogioco del 2019. La scoperta da parte di Obi-Wan della tomba Jedi, un monumento contorto all’Ordine 66, mostra anche un personaggio di Guerre dei Cloni… Se non altro, dimostra che Lucasfilm è diventata più abile nel lanciare una rete più ampia attorno alla legione di storie secondarie e spin-off di Star Wars ed è ora in grado di intrecciarle in una narrativa “principale” senza farle diventare fan service usa e getta.

A parte gli splendidi interni della Fortezza – il retrofuturismo di Star Wars non è mai stato così bello – l’assalto e la fuga dalla base imperiale sono un po’ frettolose. Si vede meglio in una sequenza imbarazzante che coinvolge Reva che devia i colpi di blaster mentre chiaramente non è in linea con la nave ribelle. Quando si guarda The Mandalorian e persino la qualità cinematografica del trailer di Andor, è doloroso vedere questo tipo di errori.

Vader, tuttavia, si precipita e fornisce all’episodio una scossa di energia tanto necessaria. Il suo confronto con Reva è terrificante come tutto ciò che abbiamo visto finora nella serie, anche se la sua debole scusa per tenerla in vita lo è meno. Reva, presumibilmente, sta ancora respirando ai fini della trama, ma Vader non è mai stato uno che accetta volentieri gli sciocchi.

L’incapacità di conciliare la storia immediata con il canone stabilito, quindi, è qualcosa che potrebbe ostacolare il suo avanzamento mentre continua a colmare più lacune.

Obi-Wan, Tala e Leia alla fine scappano ma, con il tracker di Reva saldamente in posizione su Lola, è chiaro che non sono ancora in salvo. L’Impero, sostenuto dalla furia di Vader, promette una risposta più feroce la prossima volta e dovrebbe creare un episodio più forte. Quando la stagione sarà finita, è probabile che questo episodio sembrerà un’anomalia, un episodio che non corrisponde esattamente a ciò che è accaduto prima. Però sicuramente non si può non mettere tra gli episodi dell’universo di Star Wars più riusciti (o vi siete già scordati Boba Fett?), e sicuramente viene da chiedersi cosa abbiano in serbo gli ultimi due episodi di Obi-Wan Kenobi.

 

Il quarto episodio di Obi-Wan Kenobi è ora in streaming su Disney+.

 

73
Obi-Wan Kenobi
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione del quarto episodio di Obi-Wan Kenobi dicendo che dopo una forte corsa iniziale, Obi-Wan Kenobi inciampa con la sua Part IV. Privo della profondità emotiva dei personaggi che sono i punti di forza dello show, l'episodio quattro è una storia di evasione che fa eco ai brividi di Una nuova speranza. A risollevare le sorti i piani di Reva e la tomba dei Jedi che gettano le basi per capitoli futuri interessanti.

ME GUSTA
  • Voler ricreare il genio originale di George Lucas, una scommessa e un rischio.
  • La seconda metà della puntata è stata ricca di azione, un ritorno ai giorni d'oro del franchise.
  • La scoperta da parte di Obi-Wan della tomba Jedi, un monumento contorto all'Ordine 66.
FAIL
  • L'incapacità di conciliare la storia immediata con il canone stabilito.
Light & Magic, la recensione: tecnica e magia al servizio di Star Wars
Light & Magic, la recensione: tecnica e magia al servizio di Star Wars
Atlanta 3, la recensione: ci siamo persi, il viaggio è iniziato
Atlanta 3, la recensione: ci siamo persi, il viaggio è iniziato
Obi-Wan Kenobi, la recensione dell'episodio finale: "Questa è la fine per te, mio maestro"
Obi-Wan Kenobi, la recensione dell'episodio finale: "Questa è la fine per te, mio maestro"
Obi Wan-Kenobi, la recensione del quinto episodio: il passato e le ferite aperte
Obi Wan-Kenobi, la recensione del quinto episodio: il passato e le ferite aperte
Ms. Marvel, la recensione: il sogno di ogni amante dei fumetti che prende vita
Ms. Marvel, la recensione: il sogno di ogni amante dei fumetti che prende vita
Obi-Wan Kenobi, la recensione del terzo episodio: una prima resa dei conti
Obi-Wan Kenobi, la recensione del terzo episodio: una prima resa dei conti
Pam & Tommy, la recensione: un tuffo negli anni Novanta agli albori del web
Pam & Tommy, la recensione: un tuffo negli anni Novanta agli albori del web