Halo, la recensione: valeva la pena aspettare!

3 mesi fa

7 minuti

Halo la recensione

“Qui Spartan-117, c’è qualcuno in ascolto? Passo!” Chi di voi non ha speso ore a giocare ai vari capitoli di Halo alzi la mano. Iniziamo la recensione di Halo così, ricordandovi che abbiamo aspettato la sua uscita per tanto tanto tempo: La serie live-action, basata sul franchise di videogiochi Bungie, infatti è stata ferma per oltre due decenni nell’inferno della pre-produzione.

Creata da Steven Kane e Kyle Killen e prodotta da Steven Spielberg, la serie è basato su un enorme franchise con legioni di fan che include più romanzi, diverse serie di fumetti, un anime e due serie web live-action. In poche parole, Halo non ha carenza di storie da cui attingere.

Halo è finalmente arrivata sullo schermo, prima di diventare un enigma irrisolvibile quasi quanto l’affollato mito del videogioco sparatutto in prima persona di lunga data. Luminari come Steven Spielberg, Peter Jackson e Neill Blomkamp di District 9 sono stati tutti coinvolti nel tentativo di creare un film basato sulle gesta esplosive di Masterchief per ben due decenni, ma senza successo.

Anche questa serie TV ad alto budget – presumibilmente costa più di 200 milioni di dollari – con Pablo Schreiber nei panni dell’eroe-soldato geneticamente modificato del Comando spaziale delle Nazioni Unite (UNSC) ha avuto i suoi ostacoli, rimanendo bloccata per due anni a causa del Covid.

La creazione di una nuova storia delle origini per il soldato SPARTAN-II John-117/Master Chief interpretato da Pablo Schreiber (American Gods) è solo l’inizio di ciò che viene costruito nell’adattamento della Paramount. Non è facile giudicare una serie di questa portata solo dai primi due episodi.

Ma sulla base delle puntate iniziali, Halo sembra una solida introduzione a un nuovo franchise di fantascienza, a patto che voi non siate dei fan sfegatati del franchise dei videogiochi.

Di seguito il trailer pubblicato su YouTube:

“La migliore arma dell’umanità”

Halo la recensione

Anche in questo trailer abbiamo una canzone che anticipa un tema della serie ma andiamo per gradi con la nostra recensione di Halo. La serie inizia nel 2552 su una colonia dell’orlo esterno chiamata Madrigal. Descritto come un “pianeta di estrazione livello 4”, è anche un avamposto insurrezionalista.

Stanchi del governo burocratico-militare, gli insurrezionalisti sono esseri umani che sono stati in guerra con l’UNMC (United Nations Marine Corp), una divisione del governo della Terra Unita, per un po’ di tempo. Seguiamo Kwan Ha Boo (Yerin Ha), la figlia di un leader dell’avamposto che sfugge alla monotonia del complesso esplorando con gli amici i territori circostanti, e sarà la prima a testimoniare ciò che equivale a un’invasione.

Quan torna freneticamente per riferire che non l’UNMC, ma una forza mortale sconosciuta si sta dirigendo verso di loro. Gli invasori sono The Covenant, un’alleanza militare decisa a estinguere gli umani. Come le loro controparti di videogiochi, i soldati Covenant sono malvagi.

Anche con l’arrivo dei soldati SPARTAN-II potenziati, sradicare i combattenti Covenant richiede un po’ di lavoro. Ovviamente, gli SPARTAN distruggono gli invasori,

ma le conseguenze legano inesorabilmente Kwan a John (alias Master Chief), conferendo alla serie un’atmosfera alla The Mandalorian e segnando un passaggio netto rispetto alla tradizione dei videogiochi.

La Reliquia

Halo la recensione

Continuiamo la recensione di Halo dicendo che quando incontriamo per la prima volta John nella serie, è robotico e distaccato come la sua controparte dei videogiochi. Un semplice burattino dell’UNMC e della sua diretta collaboratrice/creatrice, la scienziata Dr. Catherine Halsey (Natascha McElhone), ma il destino di John cambia rapidamente dopo essere entrato in contatto con una reliquia dei Covenant.

In qualche modo legandosi al manufatto, interrompe per un momento la sua connessione cognitiva. Quando torna, non solo mette in dubbio la missione, ma la sua stessa esistenza.

I primi due episodi sono come incastrati tra le aspettative dei fan di lunga data di Halo e i fan di fantascienza nuovi del franchise. Nel tentativo di fare appello a entrambe le parti, ci ritroviamo con due episodi completamente diversi.

Il primo episodio sembra creato per i fan dei videogiochi: inclusi HUD e armi di gioco familiari. E ci viene presentato il retroscena e la litania dei personaggi così rapidamente che coloro che non hanno familiarità con la tradizione di Halo potrebbero sentirsi un po’ spaesati.

Il secondo episodio rallenta un po’ mentre la costruzione del mondo si divide tra il viaggio di Kwan e John per incontrare Soren-066 di Bokeem Woodbine, un ex SPARTANO che ha lasciato il programma. Nel frattempo, Halsey gioca a scacchi politici con i capi dell’UNMC per finanziare il suo programma AI Cortana. Per non parlare della guerra in corso sia con gli Insurrezionisti che con i Covenant, che si sta intensificando.

Se sembra che la serie non sia troppo interessata a ciò che pensano i fan dei videogiochi, è in base alla progettazione. Destinata a essere un arco narrativo indipendente, coloro che hanno familiarità con i fumetti e l’universo esteso di Halo, tuttavia, riconosceranno alcuni aspetti della trama e dei personaggi.

Ad esempio, Soren-066 è presente nel romanzo Halo: Evolutions e la trama del primo episodio ricorda il fumetto Halo: Collateral Damage. Inoltre, lo stesso problema non solo presenta John che si toglie l’elmo, ma esprime liberamente la sua opinione, entrambe cose che si verificano nella serie. Il cast diversificato della serie è la sua punta di diamante ed è anche molto più indicativo di iterazioni più recenti rispetto a 20 anni fa, quando i giochi furono pubblicati per la prima volta.

Per la maggior parte, la serie utilizza bene il suo budget di 10 milioni di dollari ad episodio. Tuttavia, gli alieni Covenant sembrano mancare di uno strato di consistenza e il movimento degli SPARTANI sembra più artificioso.

Considerazioni finali

Halo la recensione

Concludiamo la recensione di Halo con delle ultime considerazioni. Prima di tutto, chiunque abbia deciso di scegliere Schreiber, l’attore caratterista veterano di serie come Orange is the New Black (nel ruolo della guardia carceraria ambigua Pornstache) e American Gods, come eroe d’azione, merita una medaglia. Alto 196 cm e ora “allestito” come un carro armato, fa proprio il tipo di figura imponente e statuaria richiesta per una macchina da battaglia umana apparentemente inarrestabile.

Sfortunatamente, gli sceneggiatori non gli stanno dando molto aiuto all’inizio della serie – Schreiber non ha molto da dire, e principalmente sembra solo disorientato dal fatto che sia stato costretto a smettere improvvisamente di far saltare in aria mostruosi alieni e di scoprire invece il suo bambino interiore. Questo nonostante la serie gli abbia dato ampie opportunità di togliersi il casco, cosa che accade raramente nel gioco.

Gli ovvi parallelismi, come abbiamo accennato in precedenza, sono con The Mandalorian, un’altra storia su un guerriero apparentemente invincibile che intraprende un percorso per diventare “un vero eroe”. Se questo è il piano a lungo termine, né la serie né Schreiber l’hanno ancora fatto trapelare. Tuttavia, la Paramount ha già commissionato la seconda stagione, quindi qualcuno pensa chiaramente di avere un successo tra le mani.

Halo la recensione

Ovviamente, la serie potrebbe facilmente finire per essere estremamente popolare, grazie a quella base di fan incorporata, ma non è del tutto scontato perché anche come  verrà gestita la narrazione nel complesso avrà il suo peso.

I primi due episodi di HALO sono un solido inizio per la serie di fantascienza. Paramount (in Italia vi ricordiamo è in onda su Sky e NOW) ha molta concorrenza con Disney+, Netflix e Apple TV+ nel reparto sci-fi ma se i fan dei videogiochi riescono a mantenere una mente aperta e la serie può attirare abbastanza attenzione dai fan di fantascienza meno familiari con il canone, Halo ha il potenziale per essere la serie di punta in questo senso.

 

Halo è disponibile per la visione su Sky e NOW con un nuovo episodio ogni settimana.

 

 

84
Halo
Recensione di Laura Della Corte

Come concludere la recensione di Halo senza fare torto ai fan di lunga data? Semplice, avendo visto solo i primi episodi è impossibile non rimanere estasiati dalla potenza grafica di questa serie ma non solo. Le scelte narrative per adesso non consentono di fare prognostici a lungo termine ma dalle premesse la serie potrebbe regalare delle sorprese.

ME GUSTA
  • La grafica è portentosa.
  • Chi non è un fan di lunga data la apprezzerà molto come serie sci-fi.
  • Il cast e l'interprete principale sono stati scelti in modo molto ponderato e hanno una buona sintonia.
  • Le scene d'azioni fanno venire la pelle d'oca.
  • È ambientato in un canone diverso rispetto ai videogiochi
  • Il valore della produzione è fuori scala.
FAIL
  • I fan di lunga data del videogioco avranno da ridire ma è ancora troppo presto per vedere dove andrà a parare la serie.
  • È ambientato in un canone diverso rispetto ai videogiochi
  • Molti dettagli possono andare persi per coloro che non conoscono bene il franchise.
Devil May Cry, la recensione: un nuovo Inferno per Dante
Devil May Cry, la recensione: un nuovo Inferno per Dante
The Gilded Age, la recensione: un opulento scontro tra il vecchio e il nuovo
The Gilded Age, la recensione: un opulento scontro tra il vecchio e il nuovo
Yellowjackets, la recensione: un Ensemble eccellente
Yellowjackets, la recensione: un Ensemble eccellente
Succession 3, la recensione: i am better than you
Succession 3, la recensione: i am better than you
Friends: The Reunion, la recensione dello speciale che gioca sulla forza dei ricordi
Friends: The Reunion, la recensione dello speciale che gioca sulla forza dei ricordi
ANNA, la recensione dell'incredibile e meravigliosa serie TV di Niccolò Ammaniti
ANNA, la recensione dell'incredibile e meravigliosa serie TV di Niccolò Ammaniti
ANNA, la recensione dell'incredibile e meravigliosa serie TV di Niccolò Ammaniti
ANNA, la recensione dell'incredibile e meravigliosa serie TV di Niccolò Ammaniti