Android: oltre 100.000 utenti hanno installato un malware che ruba le password

8 mesi fa

Come di recente comunicato da alcuni ricercatori, Google ha avuto modo di rimuovere un’applicazione dal Play Store che era stata scaricata oltre 100.000 volte e che risultava a dir poco letale, in quanto si trattava di un malware in grado di rubare le password degli utenti.

Questo ha preso il nome di Facestealer per via del fatto che prendeva nello specifico le credenziali degli account Facebook, e che ha quindi agito su molti utenti prima di venire trovato e rimosso in via ufficiale dalla piattaforma per via delle proprie funzionalità negative.

Il software agiva lasciando che gli utenti effettuassero normalmente il login su Facebook attraverso una pagina che sembrava identica a quella vera, un classico tipo di hacking molto semplice da effettuare, ma che in realtà non riportava al social network e rubava le password degli utenti, inviandole a un server registrato in Russia.

Venivano in questo modo di rubati moltissimi account, nonché informazioni personali che ovviamente non andrebbero mai toccate, anche se per fortuna il problema è stato risolto, e di sicuro il team di Facebook avrà modo di aiutare tutti gli utenti che hanno riscontrato il problema.

 

 

Twitter, falla nella sicurezza sull'app Android
Twitter, falla nella sicurezza sull'app Android
XHelper, finalmente abbiamo capito il segreto di questo malware "immortale"
XHelper, finalmente abbiamo capito il segreto di questo malware "immortale"
Caccia ai bug: Google ha pagato oltre 21 milioni di euro in 10 anni
Caccia ai bug: Google ha pagato oltre 21 milioni di euro in 10 anni
SBrick.js: Robotica semplificata grazie a LEGO, SBrick e Web Bluetooth
SBrick.js: Robotica semplificata grazie a LEGO, SBrick e Web Bluetooth
CyanogenMod 14.1, in arrivo la ROM su Android Nougat 7.1
CyanogenMod 14.1, in arrivo la ROM su Android Nougat 7.1
QuadRooter, scoperta una nuova vulnerabilità Android
QuadRooter, scoperta una nuova vulnerabilità Android
WhyMCA Hack Reality a Bologna il 18 febbraio
WhyMCA Hack Reality a Bologna il 18 febbraio