Landscapers, la recensione: Olivia Colman e David Thewlis magistrali

29
4 mesi fa

7 minuti

Landscapers la recensione

Inizieremo la recensione di Landscapers forse con un’ovvietà: a volte la realtà supera di gran lunga la fantasia. Nel 2013 è stata fatta una scoperta scioccante nel cortile di un appartamento anonimo a Mansfield, in Inghilterra. È stato lì che le autorità hanno trovato i corpi dei genitori di Susan Edwards e hanno appreso che la casalinga e suo marito gli avevano sparato, seppellendoli nel cortile di casa e poi nascondendo la loro morte per anni.

Mentre la coppia stava prosciugando i propri risparmi, ha persino finto che i genitori di Susan fossero ancora vivi, inviando biglietti di Natale e dicendo alle persone che la coppia scomparsa era solo in vacanza.

Come hanno fatto due persone normalissime a commettere un atto così orribile? Landscapers cercherà di rispondere a questa domanda. O forse suggerisce solo che non dovreste chiedervelo, perché la risposta non è così semplice.

È un’opera più sperimentale rispetto a un vero dramma criminale tradizionale, incentrato su due linee fenomenali in un progetto che quasi decostruisce il concetto stesso di narrativa tanto quanto funge da spiegazione per gli assassini. È improbabile che voi vi sentiate come se capiste Susan e Chris Edwards dopo aver visto Landscapers, ma forse solo perché è impossibile farlo davvero. Di seguito il trailer YouTube:

Un crimine quasi perfetto

Landscapers la recensione

Continuiamo la recensione di Landscapers puntualizzando che lo scrittore Ed Sinclair e il regista Will Sharpe (The Electrical Life of Louis Wain) assemblano questo progetto come quasi una serie di esperimenti riguardanti il movente e l’indagine. Dopotutto, non sappiamo molto degli Edwards, anche se sono diventati oggetto di titoli di numerosi giornali nel Regno Unito dopo che i corpi sono stati scoperti e il processo è diventato un evento pubblico.

I meravigliosi Olivia Colman e David Thewlis interpretano la coppia, una coppia che si è legata all’amore per i film, in particolare il lavoro di Gerard Depardieu, e hanno brillantemente radicato il loro essere una coppia in una banale normalità.

Chris e Susan erano il tipo di persone che non avrebbero mai creato problemi con i loro vicini. Eppure c’erano chiaramente cose oscure che stavano accadendo a casa Edwards.

Susan ha menzionato problemi di abuso da parte di suo padre fin dalla giovane età. E secondo quanto riferito, la coppia si è sentita tradita finanziariamente. Non è molto per una miniserie di quattro ore. E così Sinclair e Sharpe giocano con la struttura per riempirla, in particolare nel terzo e migliore episodio, in cui un interrogatorio rompe il quarto muro e diventa quasi un commento su questo tipo di serie esistenti in primo luogo.

Colman e Thewlis viaggiano con gli investigatori da un set all’altro, rivelando l’equipaggiamento dietro le quinte, analizzando quello che è successo mentre gli investigatori si avvicinano alla verità.

È una sequenza avvincente che sovrappone l’artificio del cinema alla rivisitazione della storia che accade quando finalmente emerge una confessione. Nell’episodio finale, Sinclair e Sharpe impiegano un’altra struttura intelligente mentre Chris e Susan immaginano le loro vite come personaggi in uno dei western che amavano.

Il tipo di eroe che Susan ha visto in Chris, qualcuno che potrebbe salvarla da una vita miserabile, ottiene sempre almeno la vittoria morale in quei film.

Il ritratto del dramma degli Edwards

Landscapers la recensione

Ci avviciniamo alla conclusione della recensione di Landscapers dicendo che la mini serie può essere considerata come un pezzo d’arte performativa. Colman, che è semplicemente una delle migliori attrici in circolazione, infonde a Susan una combinazione di vulnerabilità e giusta indignazione. Non ha fatto niente di male. Chris non ha fatto niente di male. I suoi genitori erano i cattivi in questo film, ovviamente.

È una performance intelligente e aggraziata. Ed è eguagliata da Thewlis, che avrebbe potuto trasformare Chris in un idiota maldestro, ma l’attore si concentra intelligentemente sulla sua dinamica con Colman.

È difficile dire che è solo una storia d’amore, ma Thewlis le dà una trama emotiva che altri attori avrebbero perso.

Tutto ciò rende il caso di Susan e Christopher Edwards – una bibliotecaria e un contabile di Dagenham, condannati nel 2014 per aver ucciso i genitori di lei, e averne seppellito i loro corpi nel giardino sul retro nascondendone la morte per 15 anni – ancora più complesso.

Landscapers la recensione

Una verità oscura

Landscapers la recensione

Concludiamo la recensione di Landscapers con i seguenti punti fermi: Colman offre una delle migliori interpretazioni della sua carriera (in una carriera piena di interpretazioni brillanti) nei panni di Susan nel dramma in quattro parti e la serie è scritta in modo squisito, tenero e comico da Sinclair.

Sarebbe stato quasi impossibile sabotare questo progetto, indipendentemente da chi fosse stato scelto per interpretare Chris, ma abbiamo David Thewlis, ed è una combinazione ineguagliabile.

Immaginate che due dei più grandi attori della loro generazione stiano ancora meglio insieme di quanto non lo siano separatamente.

È impossibile sapere dai notiziari, che trattano di fatti asciutti e filtrati dalla polizia, quanto sia vero il ritratto del dramma degli Edwards. Ma la visione offerta da Sinclair, Colman e Thewlis è quella di una coppia devota, i cui bisogni e capacità si sono uniti senza soluzione di continuità per diventare un tutto indivisibile, ed è straziante e assolutamente convincente.

Landscapers la recensione

Incontriamo per la prima volta la coppia che vive una vita apparentemente idilliaca in Francia. Diventa gradualmente chiaro che hanno dovuto lasciare l’Inghilterra per un motivo e, sebbene Susan stia ancora comprando i cimeli di Hollywood di cui è ossessionata, sono quasi senza soldi.

Il francese di Chris non è abbastanza buono per trovare lavoro e, alla fine, chiama la sua matrigna, Tabitha, per spiegare che hanno “fatto qualcosa di piuttosto sciocco” e hanno bisogno di contanti. “Non posso deludere Susan. È molto fragile”.

Confessa di aver seppellito i suoceri in giardino e Tabitha chiama la polizia. La coppia torna nel Regno Unito, coccolandosi mentre il treno si muove nella notte, per affrontare la galera, sebbene la loro vita fantastica sia così forte (soprattutto per Susan) che sembrano concepirla come nient’altro che una colonna sonora del terzo rullo della loro avventura.

Le scene si spostano dentro e fuori la realtà, con i set a volte decostruiti e nuovi fondali costruiti intorno a loro, o il colore che si sta esaurendo, così scivoliamo in una storia d’amore degli anni ’40 mentre la coppia si aggrappa l’una all’altra mentre una rete di polizia molto moderna si chiude intorno a loro.

La regia di Will Sharpe non è mai ingannevole o invadente, ma trasmette vividamente il potere delle vite interiori della coppia e la rinuncia alla comprensione della verità.

L’episodio di apertura è diviso tra scene di Susan e Chris in Francia, delicatamente cupe e profondamente commoventi anche se il segreto che condividono diventa sempre più chiaro, e scene ambientate tra la polizia in Inghilterra che sta scoprendo la portata degli inganni di Edwards.

All’inizio, il contrasto stride, con alcune delle interpretazioni degli ufficiali che sono più “pallide” rispetto al lavoro in filigrana svolto da Colman e Thewlis. Ma le cose iniziano a cambiare nel secondo tempo, forse dal momento in cui l’ufficiale principale Emma (una superba Kate O’Flynn) riflette su cosa significhi veramente essere “fragili”. “Significa che sei al comando… In pratica sei il rompiscatole.”

Landscapers è una meditazione su quante versioni della realtà possono esserci all’interno di una serie di eventi, sull’impossibilità dell’oggettività. La polizia segue proiettili, traiettorie e denaro mancante per arrivare a una verità. Susan percorre la storia, l’emozione, l’immaginazione e l’autoconservazione per arrivare alla sua. Chris ha la sua storia e qualsiasi altra cosa la sua cieca devozione a Susan gli permette di vedere. Dove finiranno per arrivare gli spettatori dipende da loro.

Anche al di là delle possibilità evocate, si percepiscono ulteriori entroterra, incognite e inconoscibilità. È una serie ricca, generosa, intelligente, multi-strutturata, interpretata in modo impeccabile da tutti gli attori principali, ma i meriti per Colman, Thewlis e la sceneggiatura devono sicuramente essere assegnati.

 

Landscapers è disponibile per la visione su Sky e NOW.

 

 

92
Landscapers
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di Landscapers con un senso di meraviglia di fronte a un prodotto unico nel suo genere e con delle interpretazioni da brividi. Una storia che non si ferma a guardare le vicende da fuori ma le attraversa in un modo sublime.

ME GUSTA
  • La regia di Will Sharpe non è mai ingannevole o invadente, ma trasmette vividamente il potere delle vite interiori della coppia.
  • Olivia Colman e David Thewlis semplicemente straordinari.
  • Thewlis offre una profondità interpretativa che altri attori avrebbero perso.
  • Una meditazione potente sull'impossibilità dell'oggettività.
FAIL
  • Si vorrebbe che la narrazione si dilatasse ancora ma in quattro ore raggiunge già il suo compito.
Euphoria 2, la recensione: trovare chiuse le porte del paradiso
Euphoria 2, la recensione: trovare chiuse le porte del paradiso
Succession 3, la recensione: i am better than you
Succession 3, la recensione: i am better than you
The White Lotus, la recensione della serie HBO
The White Lotus, la recensione della serie HBO
Scene da un matrimonio, la recensione: slides from a modern dark house
Scene da un matrimonio, la recensione: slides from a modern dark house
Scene da un matrimonio, la recensione: slides from a modern dark house
Scene da un matrimonio, la recensione: slides from a modern dark house