Yellowjackets, la recensione: un Ensemble eccellente

40
2 settimane fa

7 minuti

yellowjackets la recensione

Iniziamo la recensione di Yellowjackets dicendo che è una serie ibrida unica, in parte dramma familiare, in parte storia di sopravvivenza, in parte film horror, in parte film di formazione. Questo tipo di mix di generi spesso può portare a una narrazione e personaggi incoerenti, ma qui accade il contrario con la serie di Ashley Lyle e Bart Nickerson, che diventa sempre più ricca ad ogni episodio.

Da una parte possiamo ritenerci dei grandi sostenitori degli episodi settimanali: serie come Mare of Easttown e The White Lotus non sarebbero stati fenomeni culturali se fossero stati lanciati su un servizio di streaming e fossero stati dimenticati una settimana dopo.

Tuttavia, c’è qualcosa di incredibilmente eccellente nella nuova serie disponibile su Sky, in quanto la scrittura qui continua a costruire su se stessa, crescendo in potenza man mano che conosciamo questi personaggi sempre meglio, creando uno dei migliori ensemble della stagione.

Il metronomo di questa serie ticchetta tra lo sviluppo del personaggio da un lato e colpi di scena/rivelazioni dall’altro con un ritmo così fantastico che diventa ipnotizzante. Anche al suo estremo (e diventa piuttosto estremo), tiene tutto insieme.

Potete chiamarlo un incrocio tra Il Signore delle Mosche e Erica. Oppure le Spice Girls incontrano Donner Party, oppure gli orribili anni del liceo raccontati in una foresta macchiata di sangue. Il thriller psicologico ricco di suspense di Showtime Yellowjackets è molte cose, inclusa delle migliori serie drammatiche. Trailer YouTube in arrivo:

The Invitation

yellowjackets la recensione

Continuiamo la recensione di Yellowjackets dicendo che il titolo della serie si riferisce al nome di una delle migliori squadre di calcio femminile del liceo del paese nel 1996. La premiere, sapientemente diretta da Karyn Kusama ( intitolata The Invitation), introduce agli spettatori le giocatrici Yellowjackets mentre la scena si sposta avanti e indietro nel tempo tra la loro adolescenza e oggi. Nelle scene davvero inquietanti della premiere, una ragazza attraversa un paesaggio innevato prima di cadere in una fossa di spuntoni. Diventa chiaro che la ragazza nella neve è una delle giocatrici di calcio e le figure avvolte che l’hanno uccisa? I suoi compagni di squadra.

Sulla strada per una competizione nazionale, le Yellowjackets hanno avuto un terribile incidente aereo. Bloccate in mezzo al nulla, hanno lottato per sopravvivere e i leader/seguaci si sono formati in stile Il Signore delle Mosche. Dopo quel flashback su come sarebbero andate male le cose nella natura selvaggia, Yellowjackets si alterna principalmente tra le settimane successive all’incidente e una serie di eventi che si svolgono 25 anni dopo, minacciando di esporre la verità. Alcune delle ragazze sono tornate a casa, ma hanno ricevuto cartoline sui segreti che hanno mantenuto su come esattamente sono sopravvissute alla loro prova. Qualcuno le sta ricattando? Come mai? E cosa sanno esattamente?

Uno dei punti di forza della scrittura è il modo in cui gli scrittori e gli attori disegnano distintamente i personaggi, sia da adolescenti che da adulti.

Se c’è un vantaggio, è probabilmente Melanie Lynskey/Sophie Nélisse nei panni di Shauna Sheridan, che sembra la ragazza tranquilla della squadra ma nasconde un grande segreto nell’incidente (è discutibile che qualche segreto di troppo venga nascosto nell’incidente in un certo senso sembra prestabilito ma il lavoro del personaggio è abbastanza forte da perdonare la manipolazione).

Nei panni della Shauna adulta, la sempre affidabile Lynskey cattura perfettamente una sorta di trauma sconsiderato, il modo in cui i sopravvissuti all’inimmaginabile spesso corrono rischi maggiori e guardano il mondo in modo un po’ diverso, e Nélisse fa abilmente eco alla Shauna adulta senza mai sentirsi come se stesse impersonando Lynskey. La sua migliore amica Jackie (Ella Purnell) non è mai tornata a casa e, beh, Shana sa alcune cose sul perché che non potrà mai confessare.

Se il trauma di Shana si è trasformato in incoscienza, quella di Natalie è diventata una rabbia incandescente. Interpretata appassionatamente da Juliette Lewis da adulta (e Sophie Thatcher, anche lei bravissima, da adolescente), Natalie è pronta a chiudere alcuni dei circuiti su ciò che è successo un quarto di secolo fa. Si riconnette con Misty (Christina Ricci/Sammi Hanratty), la ragazza che sembrava la più innocua sull’aereo ma che potrebbe essere in realtà una sociopatica, allora e soprattutto adesso. Cristina Ricci inchioda il tipo di sorriso inquietante che nasconde una patologia profonda.

Infine, c’è la veramente travagliata Taissa (Tawny Cypress/Jasmin Savoy Brown), che sembra avere tutto – una moglie, un figlio e persino una campagna per il Senato dello Stato – ma è profondamente ossessionata da quello che le è successo, anche se ha dedicato gran parte della sua vita cercando di seppellirlo.

Horror a combustione lenta

yellowjackets la recensione

Ci avviciniamo alla conclusione della recensione di Yellowjackets e vi confermiamo un un affascinante equilibrio tonale presente nella serie in quanto gli avvenimenti nella natura selvaggia risuonano proprio come un incidente d’auto al rallentatore. A causa di ciò che è stato rivelato nella premiere, sappiamo che le cose andranno molto male. Quindi vedere le ragazze parlare di salvataggio, cercare cibo e persino avere momenti di felicità ha l’aria di un film horror a combustione lenta.

Allo stesso tempo, la scrittura sviluppa in profondità i personaggi ai giorni nostri, recitando anche come un dramma tradizionale come quando Shauna incontra un uomo che la tenta con una potenziale infedeltà o Taissa che lotta con tutta se stessa per crescere suo figlio.

La scrittura in modo molto intelligente non traccia linee dirette dagli anni dell’adolescenza a quelli degli adulti – c’è una versione molto peggiore di questa serie che lo fa in modo molto schietto – eppure arriviamo a vedere i personaggi come un tutt’uno. Sono cambiate ma i loro tratti sono rimasti gli stessi e sono solo accentuati dalla situazione assurda che hanno vissuto.

La natura coesa di Yellowjackets non esisterebbe senza un ensemble davvero eccezionale, e ciò che si può ammirare di più nella serie è quanto fa vedere che non c’è un solo anello debole e molti elementi di spicco – ogni volta che vi soffermate a pensare a un artista come Lynskey, Lewis o la Thatcher, rimarrete colpiti da un’altra attrice.

È anche una serie malvagiamente divertente, sia letteralmente (come quando una ragazza si lamenta che un compagno di squadra morto non potrà più sentire Wonderwall) e nelle scelte di produzione, impossibile non ridere a crepapelle quando hanno messo Mountain Song di Jane’s Addiction su un flashback dell’aereo che si schianta contro, beh, una montagna.

yellowjackets la recensione

I drammi adolescenziali riguardano in genere quegli anni in cui si scopre chi si è. Yellowjackets è una serie in cui quella fase della vita si svolge nelle condizioni più estreme che si possano immaginare. Che tipo di adulti emergono da quel calderone? Alcuni critici si potranno lamentare delle ovvie influenze da Lord of the Flies a LOST, e la serie non ha mai la sensazione di voler evitare quei riferimenti, ma ha trovato il modo in cui modella i suoi numerosi generi in qualcosa di risonante e originale. Kusama prepara sapientemente il palcoscenico con la prima feroce e poi ogni episodio successivo si basa su di essa senza dare per scontato nulla e anzi alimentando la combustione in cui ci trasporta. È semplicemente divertente guardare Yellowjackets prendere il volo, e non vedrete l’ora di sapere dove atterrerà.

 

Yellowjackets è disponibile per la visone su Sky e NOW.

 

 

84
Yellowjackets
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di Yellowjackets con la certezza di avere di fronte una serie che usa un mix di elementi in maniera sapiente e mai casuale portando la narrazione a essere un vero e proprio viaggio nella vita dei personaggi. Da non perdere.

ME GUSTA
  • Fotografia, narrazione e colonna sonora sono perfettamente accordate.
  • Il mix di generi presente nella serie che spazia dal dramma all'horror è sapientemente costruito.
  • Le performance delle attrici sono impressionanti.
FAIL
  • A volte la durata delle puntate può essere impegnativa ma è funzionale alla storia.
Succession 3, la recensione: i am better than you
Succession 3, la recensione: i am better than you
Friends: The Reunion, la recensione dello speciale che gioca sulla forza dei ricordi
Friends: The Reunion, la recensione dello speciale che gioca sulla forza dei ricordi
ANNA, la recensione dell'incredibile e meravigliosa serie TV di Niccolò Ammaniti
ANNA, la recensione dell'incredibile e meravigliosa serie TV di Niccolò Ammaniti
ANNA, la recensione dell'incredibile e meravigliosa serie TV di Niccolò Ammaniti
ANNA, la recensione dell'incredibile e meravigliosa serie TV di Niccolò Ammaniti