The Book of Boba Fett, la recensione del primo episodio

77
3 settimane fa

8 minuti

The Book of Boba Fett la recensione del primo episodio

Iniziamo la recensione del primo episodio di The Book of Boba Fett dicendo che il ritorno di Boba è stato uno dei più attesi. Piuttosto che aprirsi con un episodio pieno di cameo da tutta la galassia o introdurre un MacGuffin delle dimensioni di Baby Yoda, la premiere ambienta la scena senza offrire nulla di inaspettato.

Jon Favreau e il regista Robert Rodriguez sanno esattamente perché gli spettatori sono qui – per vedere uno dei personaggi più iconici del cinema – e non deviare da quell’obiettivo. Questo, di per sé, è un piacere per i fan che non vedevano l’ora di saperne di più su questo personaggio sin dal suo debutto nello Star Wars Holiday Special del 1978. Per chiunque altro cerchi di più, potreste avere difficoltà a trovare i sentimenti genuini di trepidazione provati in passato.

Gran parte del primo episodio viene usata per colmare le lacune nel retroscena di Boba, spiegando come è arrivato dove lo troviamo oggi.

Ma dove eravamo? Il finale di The Mandalorian dell’anno scorso ha lasciato molti fili in sospeso – con Bo-Katan che metteva gli occhi sulla spada oscura, voci sul grande ammiraglio Thrawn che turbinavano e Baby Yoda che veniva portato alla scuola Jedi di Luke Skywalker. Mentre la storia di Mando continuerà nella terza stagione e quella di Ahsoka si ramificherà nel suo spin-off, Boba Fett è stata quella che ha ottenuto il via libera per creare la prossima grande serie stand-alone di Star Wars: un “western” polveroso di gangster con l’obiettivo di raddrizzare i torti del cacciatore di taglie più cool della galassia.

L’ultima volta che abbiamo visto Boba (Temuera Morrison) aveva appena ucciso il signore del crimine locale (ed ex lacchè di Jabba The Hutt) Bib Fortuna per impadronirsi del trono della malavita di Tatooine insieme a Fennec Shand (Ming-Na Wen). È probabile che le conseguenze di quella presa di potere daranno forma al resto della nuova serie di sette episodi, ma prima di arrivarci, è tempo di una breve lezione di storia. Di seguito il trailer YouTube della serie:

Un ritorno dalla “morte”

The Book of Boba Fett la recensione del primo episodio

Continuiamo la recensione del primo episodio di The Book of Boba Fett con un piccolo ripasso. Prima di The Mandalorian e prima della trilogia dei primi anni 2000 di George Lucas, Boba Fett era poco conosciuto. Era spesso il personaggio di sfondo preferito da tutti in L’impero colpisce ancora, Boba aveva un fantastico jetpack, ha battuto Han Solo e sembrava un vero tosto – ma la sua unica vera scena d’azione in Il ritorno dello Jedi lo ha visto morire quasi comicamente senza tante cerimonie.

Il regista Robert Rodriquez ha “riportato in vita” Boba nel Capitolo 14: La tragedia di The Mandalorian, quindi è giusto riprendere il suo retroscena qui per mostrarci cosa è realmente accaduto nel mezzo. Mentre riposa in una capsula nel suo nuovo palazzo dei gangster, Boba sogna i “bei” vecchi tempi.

Finito “accidentalmente” nella bocca di un Sarlacc, Boba si è ritrovato a essere lentamente digerito nello stomaco di questa sorta di calamaro gigante della sabbia. Facendosi largo nelle viscere del mostro, riesce a prendere un po’ d’aria dall’elmo di uno stormtrooper prima di usare il lanciafiamme per farsi strada. Esausto (e parzialmente digerito), Boba perde la sua armatura a causa di una banda di Jawa prima di essere messo fuori combattimento e trascinato via dai Tusken Raiders.

Non ci sono dialoghi nei primi 10 minuti di The Book Of Boba Fett, e Rodriquez fa sembrare tutto molto simile a un western italiano anni ’70. Tornando alla grande fuga di Boba, durante la storia viene mostrato mentre riprende lentamente le forze prima di guadagnarsi il rispetto dei suoi rapitori in una grande lotta con un mostro nascosto sotto la sabbia.

Riscrivere la storia della stupida morte di Boba è un grosso problema per i fan di Star Wars, ma questo retroscena ci dà anche un’importante visione di dove si trova ora che è responsabile del suo impero criminale.

Tornato nel suo nuovo palazzo, Boba ascolta i tributi della gente del posto desiderosa di rendere omaggio al nuovo “Daimyo” – accettando gratuitamente regali da alcuni e stando saggiamente al gioco con altri (il sindaco locale sarà chiaramente un problema …). Lontano dallo spietato cacciatore di taglie che abbiamo visto in passato, Boba ora si occupa di prendere decisioni manageriali intelligenti – scegliendo di risparmiare due guardie gamorreane.

In un’imboscata a Mos Espa dopo un incontro leggermente sospetto con la proprietaria di un bar locale Garsa Fwip (Jennifer Beals), Boba e Fennec combattono contro una banda di “ninja” con l’aiuto delle guardie e trascinano uno scagnozzo a palazzo per interrogarlo.

Sono stati inviati dal sindaco? Da Fwip? Mos Espa sembra essere pieno di loschi personaggi che vogliono il trono di Boba, quindi è probabile che l’elenco dei colpevoli sia piuttosto lungo.

In parte in stile Soprano, in parte epico western, il primo episodio di The of Boba Fett ha già migliorato Il ritorno dello Jedi e ha restituito a Star Wars il suo miglior cacciatore di taglie. Non è affatto un brutto inizio.

Il nuovo signore del crimine di Tattooine

The Book of Boba Fett la recensione del primo episodio

Continuiamo la recensione del primo episodio di The Book of Boba Fett dicendo che nei primi quattro minuti vediamo i flashback del tempo di Boba su Kamino, la morte di suo padre Jango e, naturalmente, la domanda a lungo discussa dei fan: come ha fatto Boba Fett a sfuggire al Sarlacc?

A quanto pare, come abbiamo già accennato, lo fa abbastanza facilmente grazie al suo caratteristico lanciafiamme, ma avrà molti più problemi da una banda di Jawa che gli rubano l’armatura e in seguito dopo essere stato catturato da alcuni Tusken Raiders: davvero un brutto giorno per Boba Fett.

Il primo episodio si basa molto su questi flashback, vissuti da Boba come un sogno mentre sonnecchia in una vasca di bacta. Riempiono abbastanza facilmente le lacune tra la sua ultima apparizione nel film (Il ritorno dello Jedi) e il suo ritorno l’anno scorso in The Mandalorian, anche se a un certo punto gli spettatori potrebbero iniziare a chiedersi: racconteranno davvero qualcosa di nuovo?

Fortunatamente, alla fine torniamo nel presente in cui Boba sta lottando per prendere il controllo come il nuovo signore del crimine di Tattooine. Sorprendentemente, è qui che Boba Fett rivela la sua vena di… commedia? Che è uno sviluppo leggermente insolito per una serie basata sul personaggio terziario di Star Wars più taciturno e tosto di tutti i tempi, ma funziona. Morrison interpreta il vecchio Boba come un uomo pragmatico e leggermente ironico che cerca di introdurre un metodo di controllo criminale meno violento.

Jabba regnava con timore; Intendo governare con rispetto, dice, in quello che potrebbe essere una sorta di slogan per la serie.

Alcuni degli stravaganti alieni che vengono a salutarlo sono insolenti; in seguito, viene attaccato per strada in un’entusiasmante seppur breve sequenza d’azione che mostra le iconiche guardie di Jabba the Hutt (alias i Gamorreani) sotto una nuova e più formidabile luce. Sono solo le azioni di Fennec Shand che suggeriscono un futuro più luminoso, con i suoi istinti più spietati e la sua propensione per le arti marziali impressionanti.

La mistica del personaggio

The Book of Boba Fett la recensione del primo episodio

Arriviamo alla conclusione della recensione del primo episodio di The Book of Boba Fett dicendo che il nuovo ethos di Boba è un’interessante rielaborazione di un personaggio che, non dimentichiamolo, era un cattivo della trilogia originale di Star Wars, che lavorava per l’Impero e sembrava avere una vendetta personale da compiere nei confronti di Han Solo. Questo Boba, al contrario, è un burbero eroe d’azione che viaggia nello spazio in grado di combattere mostri leggendari e riluttante a infliggere violenza a coloro che non lo meritano.

In altri flashback, è questa abilità di combattimento che alla fine gli fa guadagnare il rispetto dei Tusken Raiders. Nel complesso questo è un primo episodio solido, leggermente insignificante e che si appoggia un po’ troppo al passato, in una serie che probabilmente lo sta facendo con il suo intero concetto. Niente nei flashback mi ha particolarmente sorpreso: chi avrebbe mai pensato che Boba potesse sfuggire al Sarlacc sparandogli? Cosa è successo veramente in questo episodio di apertura? Boba è il nuovo capo e non tutti sono d’accordo ma soprattutto non sembra più chi ricordavamo.

Questo è un primo episodio piuttosto imperfetto, ma forse doveva esserlo per far andare avanti la serie.

Il primo episodio di The Book of Boba Fett ha fatto esattamente quello che doveva fare (il famoso compitino), anche se in modo estremamente vago e deludente. È stato un episodio breve, e l’unico punto culminante è stato il lavoro del grande Ludwig Goransson. Presente durante l’intero episodio, donava un’atmosfera primordiale che si è sentita per tutta la breve durata. Sembrava simile al suo precedente lavoro per Star Wars, ma abbastanza diverso da stare in piedi da solo.

Per ora, continueremo a vedere attentamente The Book of Boba Fett. Si spera che abbia ancora molti segreti da rivelare.

 

I nuovi episodi di The Book of Boba Fett debutteranno su Disney Plus ogni mercoledì.

 

 

73
The Book of Boba Fett
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione del primo episodio di The Book of Boba Fett ammettendo che non ha portato grossi colpi di scena sullo schermo se non quello di presentare un Boba diverso da come lo ricordavamo. I punti fermi della serie rimangono Ludwig Goransson e il personaggio di Fennec Shand. Da vedere anche solo per l'attesa.

ME GUSTA
  • Il talento di Ludwig Goransson.
  • Fennec Shand rimane coerente al suo personaggio.
FAIL
  • Boba Fett non è coerente con il personaggio che conoscevamo.
  • La narrazione risulta a tratti lenta e priva di grinta.
The Book of Boba Fett, la recensione del terzo episodio: le strade di Mos Espa
The Book of Boba Fett, la recensione del terzo episodio: le strade di Mos Espa
The Book of Boba Fett, la recensione del secondo episodio
The Book of Boba Fett, la recensione del secondo episodio
Star Wars: Visions, la recensione della serie antologica in salsa anime
Star Wars: Visions, la recensione della serie antologica in salsa anime
Star Wars: The Bad Batch 1×05 Furia – Commento e Curiosità con Roby Rani
Star Wars: The Bad Batch 1×05 Furia – Commento e Curiosità con Roby Rani
Star Wars: The Bad Batch, la recensione della 1x05
Star Wars: The Bad Batch, la recensione della 1x05
Star Wars: The Bad Batch, la recensione della 1x04
Star Wars: The Bad Batch, la recensione della 1x04
Star Wars: The Bad Batch, la recensione del primo episodio
Star Wars: The Bad Batch, la recensione del primo episodio