Aggretsuko 4, la recensione della quarta stagione: amore vs lavoro

57
6 mesi fa

8 minuti

aggretsuko la recensione della quarta stagione

Iniziamo la recensione di Aggretsuko 4 raccontandovi come il nostro panda rosso antropomorfo preferito sia tornato in un’altra stagione piena di introspezione. L’amata serie animata giapponese ha avuto molto successo per le sue prime tre stagioni su Netflix, e continuerà ad averlo con la quarta che ha debuttato il 16 dicembre 2021.

Aggretsuko è stato creato da Rarecho e presenta le voci originali di Kaolip, Komegumi Koiwasaki, Maki Tsuruta, Sohta Arai e molti altri. La serie è basata su un gruppo di animali antropomorfi che lavorano in una società commerciale sregolata.

La serie ha ricevuto molti consensi per la sua rappresentazione satirica della cultura del lavoro giapponese e questa stagione ne offre una visone ancora più chiara.

Nella terza stagione, i fan di Aggretsuko hanno visto Retsuko raggiungere la fama con il suo talento per il canto death metal come parte della band OTM Girls. Tuttavia, alla fine della stagione, dopo che un fan tossico aveva aggredito Retsuko, si è chiusa fuori dal quel mondo per molto tempo. Alla fine, Haida l’ha trascinata fuori dalla casa di sua madre e ha promesso di tenerla al sicuro.

La scorsa stagione aveva visto anche Retsuko rifiutare i sentimenti di Haida e i due semplicemente tornare al loro posto di lavoro come amici. Con la recensione della quarta stagione di Aggretsuko ci concentreremo in gran parte sulla dinamica amorosa tra Retsuko e Haida e su come questa abbia influenzato una nuova anima della serie. Di seguito il trailer YouTube in lingua originale:

Il conflitto interiore

aggretsuko la recensione della quarta stagione

Continuiamo con la recensione di Aggretsuko 4 dicendo che per la prima volta la rabbia della protagonista passa in secondo piano per mostrare nuovi lati  del suo carattere. Haida gioca a fare il principe senza macchia e senza paura e la accompagna a casa ogni notte per garantire la sua sicurezza, ma non trova mai il coraggio di chiederle di uscire.

La ragione? Non pensa di essere abbastanza per lei. È solo un altro volto nella folla. Più Retsuko cerca di capire perché si comporta in modo strano con lei, più ne è delusa.

Nel frattempo, il posto di lavoro subisce alcune (molte) trasformazioni. Con l’amministratore delegato in ospedale, Himuro viene nominato suo sostituto. Il nuovo CEO teso e arrogante licenzia diversi dipendenti e licenzia anche il direttore Ton dopo che Retsuko e Fenneko lo hanno accidentalmente messo fuori gioco con alcuni commenti poco lusinghieri.

La quarta stagione di Aggretsuko vede l’ascesa e la discesa di Haida mentre suscita sospetti essendo in combutta con Himuro, l’unica persona che sembra apprezzarlo.

Haida potrebbe non essere riuscito a confessare i suoi sentimenti per Retsuko, ma ha ottenuto molto sul posto di lavoro sotto il nuovo regime di Himuro. Tuttavia, i suoi successi hanno avuto un costo: la sua dignità. Mentre Retsuko e le sue amiche iniziano a sospettare di Haida che cerca di nascondere i libri per Himuro, escogitano un piano generale per coglierlo in flagrante.

Obbedire ai propri sentimenti

aggretsuko la recensione della quarta stagione

C’è una considerazione molto importante da fare con la nostra recensione di Aggretsuko 4: anche se all’inizio sembra aver perso il suo mordente e un effetto voluto per mostrare una maggiore profondità dei personaggi.

Ogni stagione di Aggretsuko affronta un nuovo sviluppo nella vita di Retsuko, ma nella quarta stagione le luci della ribalta sono condivise anche da Haida, il cui arco narrativo è altrettanto interessante.

Con soli 10 episodi, ciascuno della durata di 16-27 minuti, la quarta stagione di Aggretsuko è facilmente degna di essere binge-worthy.

Aggretsuko, abbreviazione di Aggressive Retsuko, è una serie ONA originale di Netflix (abbreviazione di Original Net Animation). Si basa sul personaggio del gigante del merchandising Sanrio, Retsuko the Red Panda. Sanrio è noto per i suoi personaggi carini e adatti alle famiglie, come Hello Kitty e Jewelpet.

Aggretsuko, per chi non lo conoscesse, è scritta e diretta da Rareko, che fornisce anche la voce Metal di Retsuko nella versione originale giapponese della serie. Aggretsuko ha lo stile artistico di una serie carina, ma si basa sulla vita di quelle stesse creature che attraversano le estenuanti realtà dell’equilibrio tra lavoro e vita privata in Giappone, un paese noto per alcune delle norme culturali più dure sul posto di lavoro.

È riuscita a catturare il cuore di molti semplicemente facendo alcune cose diverse dal resto del branco, inclusa la musica heavy metal come parte integrante.

Il quadro d’insieme

aggretsuko la recensione della quarta stagione

Arriviamo alla conclusione della recensione di Aggretsuko dicendo che un altro aspetto del contrasto che Retsuko presenta così pesantemente è la sua protagonista. È una Panda rossa generalmente mite che va d’accordo con quasi tutti ed è dolce e gentile come chiunque altro fino a quando non va al karaoke e inizia a sputare alcune urla metal che sicuramente vi faranno rizzare i peli sul corpo con il loro potere puro. Il suo viaggio attraverso la vita e per imparare dai suoi errori è la parte migliore di Aggretsuko, nessuno escluso.

Tutto questo è il motivo per cui la quarta stagione di Aggretsuko è stata quella con meno grinta della serie finora. Per dirla in termini più semplici, entro la fine della quarta stagione, Retsuko è proprio nello stesso punto di quando inizia la stagione. Non ha imparato nulla nel corso di questa stagione e sembrava essere attivamente regredita nella sua fiducia e nel suo giudizio.

Quel che è peggio è che questa stagione era tanto su Haida quanto su di lei, e Haida è stato ritratto anche peggio di lei.

Haida ha concluso la terza stagione di Aggretsuko come una persona più sicura e matura che è stata abbastanza coraggiosa da tirare Retsuko fuori dalla sua trance spaventata e confessare i suoi sentimenti verso di lei. Immaginate le scene in cui la quarta stagione inizia con Haida ancora peggio di prima, prendendo decisioni ancora peggiori rispetto a quando ha scelto Retsuko su Inui. Non è nemmeno migliorato in questa stagione. Prende attivamente decisioni sempre peggiori man mano che la stagione avanza, al punto che viene voglia di urlargli contro attraverso lo schermo.

La trama della quarta stagione di Aggretsuko è semplicistica, il che ha fatto sembrare la stagione ancora più un arco di riempimento. C’è un nuovo CEO spietato e pragmatico nell’azienda di Retsuko, che mette l’intera azienda contro di lui e prende alcune decisioni che non piacciono a nessuno. Sebbene la sua interpretazione fosse estremamente realistica ed esattamente come funziona il mondo a volte, non era molto divertente da guardare.

Anche i personaggi secondari sono stati tutti attenuati questa volta per qualche motivo, forse per concentrare maggiormente l’attenzione della serie sulla dinamica Retsuko-Haida, che non era molto coinvolgente all’inizio. Hanno comunque avuto dei bei momenti e Ton è sorprendentemente cresciuto fino a diventare un personaggio rispettato e adorato da molti. Fenneko, Washimi, Tadano e Anai sono stati tutti fantastici nei loro ruoli, anche se questa volta sembrava che la loro partecipazione fosse molto molto limitata.

Nel complesso, la quarta stagione di Aggretsuko è stata un’enorme regressione rispetto alla migliore stagione della serie finora, la terza stagione. Non c’era nulla di tangibile da notare sui progressi dei personaggi, e tranne un cambiamento, tutti i personaggi della serie sono esattamente dove erano quando la terza stagione è terminata. La trama era standard e poco intuitiva, e i personaggi anche peggio.

Lo stile artistico di Aggretsuko è molto semplice e pulito, e ha mantenuto quel look per la sua ultima uscita. L’animazione sembrava fantastica anche se la tavolozza dei colori era molto più scura questa volta, il che aveva senso per motivi di trama, ma per il resto non era necessario.

L’ultima parte è stato il migliore momento della serie, mostrando la rabbia interna di Retsuko meglio di quanto la serie abbia mai fatto.

La musica, tuttavia, è una storia diversa. Sembra quasi che Aggretsuko abbia utilizzato le stesse cinque tracce durante l’intera serie, a partire dalla Stagione 1 fino all’attuale Stagione 4. Non c’è stato un cambiamento nella colonna sonora dall’inizio dello spettacolo, a parte le canzoni inserite in mezzo per rompere la monotonia.

Il doppiaggio, tuttavia, era comunque fantastico. Un disclaimer: questa recensione parlerà delle voci inglesi e giapponesi. Erica Mendez ha ancora una volta inchiodato la sua interpretazione della dolce e riservata Retsuko, ed è stata in grado di ritrarre perfettamente la tumultuosa psiche di Retsuko. Le voci di Haida, Washimi e soprattutto Fenneko erano fantastiche come lo sono sempre state, anche se ascoltare un po’ più di Hyodo di SungWon Cho sarebbe stato fantastico.

 

La quarta stagione di Aggretsuko è disponibile per la visone su Netflix.

 

79
Aggretsuko
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo dicendo che la quarta stagione di Aggretsuko sarà forse una piccola delusione degli appassionati ma potrà ancora mostrare un lato diverso della sua formula a una parte di pubblico nuova. Da vedere con le aspettative a freno.

ME GUSTA
  • Interessante il rapporto luogo di lavoro e vita privata.
  • I personaggi secondari sono colonne portanti della serie.
  • L'animazione è sempre molto piacevole per il suo stile particolare.
FAIL
  • Il rapporto amoroso perde di grinta all'inizio.
  • Nuovi lati di una serie devono ancora trovare il giusto modo di inserirsi.