Quentin Tarantino giustifica la sua ossessione per i piedi

275
2 mesi fa

Quentin Tarantino piedi

Tutti gli appassionati di Quentin Tarantino conoscono uno degli elementi tipici dei lungometraggi del popolare regista: la sua ossessione per i piedi. Tarantino, intervistato di recente da GQ, ha parlato della questione e si è “giustificato” utilizzando delle buone argomentazioni.

Ecco le sue parole:

Non è una cosa che prendo troppo seriamente. Ci sono tanti piedi in molti film di grandi registi. E questo quindi è sintomo di una buona regia. Prima di me fu accusato di feticismo Luis Buñuel, ed anche Alfred Hitchcock e Sofia Coppola sono stati considerati dei feticisti nei loro film.

Insomma, Quentin Tarantino è in buona compagnia, la sua ossessione per i piedi nei lungometraggi non è un caso inedito. Il regista però, oltre  a questa curiosa ossessione, ha realizzato film cult il cui valore è stato riconosciuto anche dalla Festa del Cinema di Roma, che proprio quest’anno lo omaggerà con un premio alla carriera.

L’ultimo lavoro realizzato da Quentin Tarantino è C’era una volta a…Hollywood, che è diventato anche un romanzo,  pubblicato in Italia lo scorso luglio.

Potrebbe interessarti questo approfondimento dedicato al romanzo C’era una volta a…Hollywood, di Quentin Tarantino:

 

 

Quentin Tarantino: Miramax fa causa al regista per la messa all'asta degli NFT di Pulp Fiction
Quentin Tarantino: Miramax fa causa al regista per la messa all'asta degli NFT di Pulp Fiction
Quentin Tarantino spiega perché La Cosa è uno tra i pochi horror che lo spaventano
Quentin Tarantino spiega perché La Cosa è uno tra i pochi horror che lo spaventano
Quentin Tarantino spiega perché le persone dovrebbero ancora andare al cinema
Quentin Tarantino spiega perché le persone dovrebbero ancora andare al cinema
Pulp Fiction: Quentin Tarantino mette all'asta gli NFT di sette scene mai viste
Pulp Fiction: Quentin Tarantino mette all'asta gli NFT di sette scene mai viste
Kill Bill 3: Maya Hawke è disponibile a lavorare nel film sequel
Kill Bill 3: Maya Hawke è disponibile a lavorare nel film sequel
Quentin Tarantino, l'incontro con il popolare regista: "Il mio ultimo film in Italia? Sarebbe bello"
Quentin Tarantino, l'incontro con il popolare regista: "Il mio ultimo film in Italia? Sarebbe bello"
Star Trek: il film di Quentin Tarantino avrebbe avuto gangster e viaggi nel tempo
Star Trek: il film di Quentin Tarantino avrebbe avuto gangster e viaggi nel tempo