Army of the Dead ormai è molto vicino al suo debutto su Netflix ma nonostante abbia una valutazione R, Zack Snyder ha dovuto tagliare una scena considerata troppo cruda dallo streamer.

Il Sunday Times ha chiesto al regista se qualche idea per il suo film avesse superato il limite e se fosse stata tagliata, ecco cosa ha risposto Zack Snyder:

Avevamo una sequenza in cui apparivano dei nudi frontali di alcuni zombi e uno di questi aveva un pene con un morso. Abbiamo pensato che fosse un po’ troppo per lo streamer.

Netflix infatti non avrebbe gradito molto la sequenza. Il mese scorso però abbiamo rivelato che il team degli effetti visivi del film ha creato una tigre zombi di nome Valentine utilizzando una vera tigre proveniente dal santuario di Carole Baskin. Il team ha trascorso una settimana nel santuario per studiare una tigre in modo che Valentine si comportasse nel modo più realistico possibile nel film.

Il film come abbiamo già accennato segue un gruppo di mercenari che tramano una rapina in un casinò di Las Vegas durante un’epidemia di zombi. Dave Bautista è a capo di un cast che vedrà anche Theo Rossi, Tig Notaro, Garret Dillahunt, Raúl Castillo, Omari Hardwick, Hiroyuki Sanada, Matthias Schweighöfer, Ella Purnell e Ana de la Reguera. Ecco cosa ha detto il regista sulla natura del film:

George Romero disse che tutto era un commento sociale. E noi ci siamo sentiti obbligati a farlo con questo film. I film di zombi sono un ottimo proposito per parlare di noi come persone. Il nostro è un film di mostri in cui il vero mostro sono le persone. È un film sociale più che un film di scienza: la scienza è piuttosto incerta!

 

Army of the Dead debutterà il 21 maggio su Netflix.

 

Potrebbe interessare: