Un altro giro: il film premio Oscar arriva al cinema a maggio

5 mesi fa

Un altro giro: il film premio Oscar arriva al cinema

Arriverà solo al cinema a maggio Un altro giro, film diretto da Thomas Vinterberg con protagonista Mads Mikkelsen e vincitore del premio Oscar come miglior film internazionale.

La storia vede protagonisti quattro insegnanti, che insoddisfatti della loro vita decidono mi mettere in pratica una teoria secondo la quale una costante presenza di alcol nel sangue porterebbe grandi benefici.

Il film dopo essere stato presentato alla Festa del cinema di Roma e ad aver trionfato anche ai agli European Film Awards e al BFI London Film Festival, arriverà finalmente sul grande schermo grazie a Medusa Film e Movie Inspired, che hanno anche lanciato l’hastag #SoloAlCinema.

Riguardo l’arrivo di Un altro giro al cinema Giampaolo Letta, Vice Presiedente e AD Medusa Film, ha dichiarato:

Medusa Film è orgogliosa di distribuire “Un altro giro”, vincitore dell’Oscar per il Miglior Film Internazionale. Da sempre attenti ai film d’autore con potenzialità di catturare un vasto pubblico, siamo convinti che questa meravigliosa e intensa storia di amicizia, grazie alla leggerezza che è riuscito a trasmettere il regista Thomas Vinterberg e alla grande interpretazione di Mads Mikkelsen e degli altri attori, conquisterà il pubblico italiano.

Queste invece le parole di Stefano Jacono, CEO e Founder di Movies Inspired:

Il cinema di Thomas Vinterberg è sempre stato un punto di riferimento per me. Poter distribuire in Italia la sua ultima emozionante opera rappresenta un disegno coerente per la crescita di Movies Inspired. Ricorderemo le giornate alla Festa del Cinema Roma, per l’anteprima mondiale ufficiale, come indimenticabili. Siamo felici per Thomas Vinterberg, per Mads Mikkelsen e tutto il meraviglioso cast, per la Zentropa e per la Trust Nordisk, che meritano questo prestigioso premio.

 

In attesa di poter vedere il film premio Oscar sul grande schermo, di cui Leonardo DiCaprio realizzerà il remake americano, è stato rilasciato un nuovo poster.

Un altro giro: il film premio Oscar arriva al cinema a maggio

 

Di seguito la sinossi ufficiale:

Esiste una teoria per cui saremmo dovuti nascere con una piccola quantità di alcol nel sangue, poiché un leggero inebriamento apre al mondo le nostre menti, diminuendo i nostri problemi e aumentando la nostra creatività. Incoraggiati da questa teoria, Martin e tre amici, tutti esausti docenti di scuola superiore, iniziano un esperimento per mantenere costante per tutta la giornata il livello di alcol nel sangue. Se Churchill aveva vinto la Seconda Guerra Mondiale stordito dall’alcol, che effetto potrebbero avere poche gocce su di loro e sui loro studenti?I primi risultati sono positivi, così il piccolo progetto degli insegnanti si trasforma in una vera ricerca accademica. I risultati di entrambe le loro classi continuano a migliorare e il gruppo si sente di nuovo vivo! Un bicchierino dopo l’altro, alcuni partecipanti continuano a riscontrare miglioramenti mentre altri perdono il controllo. Diventa sempre più chiaro che, sebbene l’alcol abbia prodotto grandi risultati nella storia dell’umanità, l’audacia di certi gesti comporta delle conseguenze.

 

  • Comunicato stampa
Un altro giro, la recensione: bere e riscoprire la vita
Un altro giro, la recensione: bere e riscoprire la vita
The Father, la recensione: all this business about the flat
The Father, la recensione: all this business about the flat
Un altro giro: il film con Mads Mikkelsen al cinema dal 20 maggio
Un altro giro: il film con Mads Mikkelsen al cinema dal 20 maggio
Minari, la recensione: semi coreani in terra americana
Minari, la recensione: semi coreani in terra americana
Un altro giro: Leonardo DiCaprio per il remake del film Oscar
Un altro giro: Leonardo DiCaprio per il remake del film Oscar
Oscar 2021: Dove guardare i film vincitori
Oscar 2021: Dove guardare i film vincitori
Oscar 2021: la cerimonia dal vivo, ecco tutte le novità in una lettera di David Rubin
Oscar 2021: la cerimonia dal vivo, ecco tutte le novità in una lettera di David Rubin