Twitter come cavia della nuova censura russa

4 settimane fa

lucchetto digitale

Gli utenti Twitter russi sono stati tra i primi a notare pesanti rallentamenti alla connessione, in quella che sembrerebbe essere una nuova strategia di censura da parte di Mosca. Pochi giorni fa è infatti stato pubblicato un report che denuncia come i disagi subiti a metà marzo dal popolo internettiano siano stati causati artificiosamente, adoperando strumentazioni di Deep Packet Inspection.

Secondo alle accuse, il Governo locale avrebbe attaccato tutti i servizi e i portali che si appoggiano sul dominio t.co, tra i quali Microsoft, Reddit e, ovviamente, Twitter. Si presume che l’intenzione fosse quella di strangolare il traffico del social e che le altre pagine siano state più che altro colpite per un errore di valutazione.

Il risultato è che una fetta non indifferente del web è calata di colpo a 128kbps, con i numeri della navigazione che sono andati a creare un grafico che è sospetto sin dal primo colpo d’occhio.

Roskomnadzor – il corpo federale russo che si occupa, tra le altre, di censura – aveva già anticipato l’intenzione di rallentare tutto il traffico relativo a Twitter, ufficialmente con l’intenzione di punire la Big Tech per la sua inaffidabilità del rimuovere contenuti compromettenti, tra cui contenuti di pedofilia e di istigazione al suicidio.

A distanza di poco tempo, vediamo il progetto concretizzarsi e, tralasciando qualche goffaggine esecutiva, i risultati sono molto impressionanti. Appoggiandosi a questo approccio, l’establishment non solo può, a sua discrezione, rendere virtualmente inutilizzabili alcune pagine web, ma può anche filtrare chiunque stia adoperando programmi quali VPN o Tor.

Questa azione punitiva, è da notare, giunge in un periodo scottante per le relazioni tra Russia e mondo Occidentale. Un’esercitazione militare russa sta inquietantemente lambendo i confini con l’Ucraina e alcuni si stanno preparando a foschi scenari.

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

Twitter vuole che siate buoni nello scrivere i post
Twitter vuole che siate buoni nello scrivere i post
Twitter ha bannato (di nuovo) Donald Trump
Twitter ha bannato (di nuovo) Donald Trump
Censura, l'Unione Europea prepara regole per rimuovere contenuti in un'ora
Censura, l'Unione Europea prepara regole per rimuovere contenuti in un'ora
Facebook ha bloccato #ResignModi. Ovviamente per sbaglio.
Facebook ha bloccato #ResignModi. Ovviamente per sbaglio.
Social, usati come disperata resistenza dell'India al Covid
Social, usati come disperata resistenza dell'India al Covid
Social, India censura chi critica la gestione della pandemia
Social, India censura chi critica la gestione della pandemia
Social Media: il Pakistan li blocca temporaneamente
Social Media: il Pakistan li blocca temporaneamente