Uber e Lyft renderanno noti i nomi dei driver licenziati per molestie sessuali

2 anni fa

Uber e Lyft – le due più grandi aziende di NCC al mondo – hanno annunciato un’importante alleanza per assicurarsi che chi è stato allontanato con la grave accusa di molestie sessuali non possa più lavorare come autista per il resto della sua vita.

Le due aziende annunceranno pubblicamente – attraverso un registro condiviso – l’identità delle persone licenziate per gravi casi di molestie e abusi sessuali. L’idea alla base del database condiviso è che una persona licenziata per questi motivi non possa decidere di passare ad un’altra azienda, sfruttando l’assenza di comunicazione tra le principali piattaforme.

La lista nera includerà i driver accusati di comportamenti violenti di vario grado, non soltanto di molestie. In passato le due aziende sono state accusate in più occasioni di non effettuare controlli a sufficienza per evitare che persone potenzialmente pericolose entrassero a far parte del loro network di autisti. Sia Uber che Lyft sono finite – loro malgrado – protagoniste della cronaca per colpa di casi di abusi, anche molto gravi.

Dovresti sentirti al sicuro a prescindere dalla piattaforma di ridesharing che hai scelto. Garantire la tua sicurezza è un compito più grande dei nostri sforzi individuali. Il nuovo programma Sharing Safety dimostra il valore della collaborazione con esperti, attivisti e altre enti per fare la differenza. Incoraggiamo le altre aziende ad unirsi a noi.

ha detto Tony West, VP di Uber.

 

 

I taxi tradizionali ora si prenotano con l'app di Uber: la multinazionale si allea con Radiotaxi 3570
I taxi tradizionali ora si prenotano con l'app di Uber: la multinazionale si allea con Radiotaxi 3570
Uber Files: la talpa che ha svelato i segreti della multinazionale ha un volto e un nome
Uber Files: la talpa che ha svelato i segreti della multinazionale ha un volto e un nome
Uber Files: gli inquietanti segreti dell'azienda che ha dichiarato guerra ai taxi
Uber Files: gli inquietanti segreti dell'azienda che ha dichiarato guerra ai taxi
I tassisti romani hanno fatto la pace con Uber: a Roma compariranno sull'app del colosso americano
I tassisti romani hanno fatto la pace con Uber: a Roma compariranno sull'app del colosso americano
Uber Italia condannata dal Garante privacy, maxi sanzione da oltre 4 milioni di euro
Uber Italia condannata dal Garante privacy, maxi sanzione da oltre 4 milioni di euro
Il nuovo robottino per le consegne di Uber Eats
Il nuovo robottino per le consegne di Uber Eats
Uber fuori dai giochi a Bruxelles, l'ennesima battaglia persa in Europa
Uber fuori dai giochi a Bruxelles, l'ennesima battaglia persa in Europa