Seaspiracy: la denuncia della distruzione dell’industria della pesca

29
2 mesi fa

Seaspiracy

 

Creato dai produttori dietro il pluripremiato documentario del 2014 Cowspiracy, a cui è stato attribuito il merito di elevare enormemente la consapevolezza del legame tra cambiamento climatico e agricoltura animale, Seaspiracy, di prossima uscita, dovrebbe offrire la stessa esperienza aprendo gli occhi sull’industria della pesca globale.

Il documentario andrà in onda a livello globale il 24 marzo su Netflix, il produttore esecutivo Kip Andersen descrive l’argomento del film come il pezzo mancante più importante del puzzle ambientale, aggiungendo che chiunque abbia a cuore l’oceano e il proprio futuro deve guardare questo film.

Il regista Ali Tabrizi afferma che durante la realizzazione del film, il team è stato colto di sorpresa, avendo precedentemente sottovalutato l’enormità di ciò che stavano per scoprire.

Sono sempre stato affascinato dall’oceano. Ma questa visione romantica che ho sempre avuto dell’oceano è cambiata completamente. Sono stato costretto a confrontarmi con un lato della storia che non ho mai conosciuto. Ha osservato Tabrizi nel trailer ufficiale del film.

 

In un messaggio scritto, il team di Seaspiracy ha dichiarato: Questo film trasformerà radicalmente il modo in cui pensiamo e agiamo sulla conservazione dell’oceano per sempre. È ora che concentriamo le nostre preoccupazioni ecologiche ed etiche sui nostri mari e sui suoi abitanti. Questa è una nuova era per il modo in cui trattiamo l’habitat più importante della terra.

L’attivista marittimo di lunga data Gary Stokes, il fondatore della ONG OceansAsia Gche è presente nel film, ha detto che è felice di aver realizzato il documentario. Fotografo professionista e istruttore subacqueo, Stokes ha ricoperto in precedenza il ruolo di Direttore di Sea Shepherd Asia durante il quale è diventato un abile investigatore e ha lavorato per esporre l’industria delle pinne di squalo.

 

Se Seaspiracy avrà un impatto tanto quanto Cowspiracy, allora è destinato a cambiare i cuori e le menti su ciò che l’umanità sta facendo ai nostri oceani, soprattutto a causa dell’aumento dei tassi di consumo insostenibile di frutti di mare che sta sostenendo l’industria della pesca.

Mentre i recenti riflettori sono caduti sulle enormi emissioni attribuibili all’allevamento, meno attenzione è stata prestata alle atrocità ambientali legate alla pesca, con le operazioni di pesca commerciale responsabili di quasi il 50% dei rifiuti di plastica oceanici, la perdita di specie non mirate come i delfini e le tartarughe marine nelle catture accessorie, e la minaccia reale di spazzare via tutti i nostri stock ittici oceanici entro il 2048.

 

 

 

Unsolved Mysteries ha contribuito a risolvere un caso?
Unsolved Mysteries ha contribuito a risolvere un caso?
Friends: la censura delle braccia nude su un giornale turco
Friends: la censura delle braccia nude su un giornale turco
Studio Ghibli: il parco a tema svela il primo sguardo al castello di Howl
Studio Ghibli: il parco a tema svela il primo sguardo al castello di Howl
Spencer: la prima foto di Kristen Stewart nei panni della principessa Diana
Spencer: la prima foto di Kristen Stewart nei panni della principessa Diana
David Lynch: un eccentrico maestro del surrealismo cinematografico
David Lynch: un eccentrico maestro del surrealismo cinematografico
Netflix sfonda il tetto dei 200 milioni di abbonati, ma la strada del 2021 è in salita
Netflix sfonda il tetto dei 200 milioni di abbonati, ma la strada del 2021 è in salita
TVer, la televisione giapponese diventa smart
TVer, la televisione giapponese diventa smart