Twitter, in futuro si potrà annullare l’invio dei tweet?

2 anni fa

Ad oggi, infatti, qualora si postasse un tweet contenente un errore o per qualsiasi altro motivo si volesse modificare quanto scritto, l’unica possibilità data dal social network è la cancellazione del messaggio. Insomma, niente mezze misure. Ma forse non per molto.

Secondo quanto scoperto dalla ricercatrice Jane Manchung Wong starebbe per arrivare proprio una funzione che consentirebbe agli utenti di annullare l’invio di un tweet. Anche in questo caso, però, c’è un limite: è possibile interrompere la pubblicazione entro massimo sei secondi.

Stando al report della Wong, in seguito all’invio di un tweet apparirà un nuovo bottone dinamico (undo) che mostra lo stato della pubblicazione e che si riempie dando all’utente il tempo per decidere se intervenire, in caso di ripensamenti dell’ultimo secondo, oppure no.

Insomma, i limiti di Twitter restano tali: i 280 caratteri e l’impossibilità di modificare un tweet, una volta pubblicato (lo stesso CEO Jack Dorsey ha confermato che il tasto modifica non arriverà mai). E da un certo punto di vista sono proprio queste caratteristiche a rendere unico il social dei cinguettii.

 

Musk torna su Twitter: ci riprova con la proposta iniziale
Musk torna su Twitter: ci riprova con la proposta iniziale
Un investitore di Twitter fa causa a Elon Musk per l'acquisizione
Un investitore di Twitter fa causa a Elon Musk per l'acquisizione
Twitter: l'acquisizione salterà? Il CEO si prepara "a ogni scenario"
Twitter: l'acquisizione salterà? Il CEO si prepara "a ogni scenario"
Twitter: Elon Musk potrebbe momentaneamente diventare il CEO
Twitter: Elon Musk potrebbe momentaneamente diventare il CEO
Elon Musk ha comprato Twitter: è ufficiale
Elon Musk ha comprato Twitter: è ufficiale
Twitter rifiuterà l'offerta di Elon Musk? L'imprenditore ha "un piano B"
Twitter rifiuterà l'offerta di Elon Musk? L'imprenditore ha "un piano B"
Twitter: nuove politiche sui contenuti privati, è ora richiesto il consenso esplicito
Twitter: nuove politiche sui contenuti privati, è ora richiesto il consenso esplicito