SolarWinds: Amazon sa qualcosa, ma proprio non vuole dirlo

9 mesi fa

capitol hill washington

Gli esperti di cybersicurezza ingaggiati dal tribunale ne sono sicuri: Amazon sa qualcosa che non sta dicendo sul caso SolarWinds.

Il portentoso attacco hacker che ha colpito gli Stati Uniti è in questi giorni al centro di un’indagine del Senato, ma i politici stanno sbattendo contro uno scoglio che non avevano calcolato, l’azienda di Jeff Bezos.

Non c’è motivo di credere che Amazon sia stata colpita dall’infiltrazione digitale, tuttavia è risaputo che la Big Tech abbia alcune informazioni particolari sulla faccenda, informazioni che ha precedentemente condiviso con l’Intelligence, ma che ora non ha alcuna intenzione di rendere pubbliche davanti a un’udienza.

Mark Warner, presidente Dem della commissione d’indagine, e Marco Rubio, vicepresidente Repubblicano, si sono molto, molto irritati quando la ditta digitale non si è presentata a presentare la propria testimonianza e alcuni politici iniziano a chiedere di ravvivare la partecipazione dell’azienda a colpi di imposizioni legali.

Il fatto è che si ipotizza che i servizi cloud di Amazon, pur non essendo stati afflitti direttamente dagli hacker di SolarWinds, siano stati adoperati per ospitare e consegnare i file che sono serviti a trasmettere capillarmente l’infezione.

Stando agli indagatori, la Big Tech potrebbe essere in possesso di stralci utili a determinare chi sia stato a eseguire l’attacco: informazioni sui sistemi di pagamento adoperati dagli hacker, indizi sul loro traffico dati, dettagli sul come abbiano interagito con la Rete.

Il Senato è assetato di qualsiasi delucidazione si possa raccogliere, anche perché l’attacco è stato portato avanti all’interno dei confini USA, cosa che ha permesso ai cybercriminali di approfittare di alcune fragilità sistemiche a cui il governo vorrà sicuramente porre rimedio, a costo di limare ulteriormente la privacy dei propri cittadini.

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

 

SolarWinds, gli USA puniscono la Russia con sanzioni
SolarWinds, gli USA puniscono la Russia con sanzioni
Facebook, hacker cinesi tracciavano gli uiguri via malware
Facebook, hacker cinesi tracciavano gli uiguri via malware
SolarWinds, stagista messo alla berlina per una password sciocca
SolarWinds, stagista messo alla berlina per una password sciocca
Parler, per il tribunale USA Amazon non ha motivo di ripristinarlo
Parler, per il tribunale USA Amazon non ha motivo di ripristinarlo
Amazon scende in campo contro i prodotti legati a QAnon
Amazon scende in campo contro i prodotti legati a QAnon
Amazon rimuove l'hosting di Parler, social dell'ultradestra USA
Amazon rimuove l'hosting di Parler, social dell'ultradestra USA
Gli hacker russi stanno cercando di intromettersi nelle elezioni USA
Gli hacker russi stanno cercando di intromettersi nelle elezioni USA