Huawei sta per distribuire il suo sistema operativo, HarmonyOS

38
2 mesi fa

Huawei si prepara a dispiegare la sua ultima arma: HarmonyOS, il nuovo sistema operativo proprietario nato per sopperire all’assenza dell’Android di Google. La release è fissata per aprile.

Huawei ha annunciato l’inizio del roll-out di HarmonyOS, il suo nuovo sistema operativo mobile nato in risposta all’impossibilità di continuare ad usare i servizi di Google.

I download di HarnomyOS partiranno ad aprile, mentre il nuovo smartphone pieghevole Mate X2 sarà il primo smartphone della compagnia a montare HarmonyOS di default. Huawei ha già spiegato che il sistema operativo non è un’esclusiva degli utenti cinesi e potrà essere scaricato anche in occidente.

«HarmonyOS è il secondo tassello vitale della strategia per assicurare la sopravvivenza di Huawei nel business degli smartphone», ha commentato Nicole Peng, analista di Canalys. L’altro, ricorda la CNBC, è il ripristino della supplychain dei chip.

Le sanzioni degli Stati Uniti hanno messo in ginocchio Huawei, che è rapidamente passata dall’essere il produttore N.1 di smartphone al mondo al quinto posto della classifica, con un crollo delle vendite del 40%, stando all’ultimo report di Gartner. L’obbligo di vendere i device senza i servizi di Google e, quindi, con una versione spuria di Android è stato determinante nella perdita della leadership sul mercato.

HarmonyOS non sarà solo un sistema operativo mobile, ma un ecosistema più ampio e trasversale incaricato di animare tutta l’offerta di prodotti Huawei, inclusi i televisori e i futuri servizi di infotainment sulle auto di nuova generazione.

Come ha già dimostrato la storia recente, creare un terzo polo tra l’iOS di Apple e l’Android di Google è una sfida tutto fuorché semplice. Anzi, il dubbio è che i giochi siano già fatti e non ci sia spazio per un nuovo contendente. Huawei, ad ogni modo, ha un vantaggio che Microsoft non aveva: può contare sul nazionalismo cinese e quindi sul sostegno di un mercato domestico estremamente vasto. Non è un caso che in passato si sia discusso della possibilità che alcuni altri brand cinesi potrebbero decidere di montare HarmonyOS sui loro smartphone, dando il ben servito a Google.

Basterà il mercato cinese? Probabilmente no. La sfida più importante, per Huawei, è quella di convincere le aziende occidentali a portare le loro app sul nuovo sistema operativo. Non sarà né semplice né scontato.

 

 

Huawei, il ban degli USA potrebbe far bene alla Cina
Huawei, il ban degli USA potrebbe far bene alla Cina
Huawei, gli USA stanno vincendo la guerra contro il colosso cinese
Huawei, gli USA stanno vincendo la guerra contro il colosso cinese
Huawei apre a Roma il Cyber Security Transparency Centre
Huawei apre a Roma il Cyber Security Transparency Centre
Huawei vuole produrre anche auto elettriche
Huawei vuole produrre anche auto elettriche
Il futuro di Huawei: allevamenti di maiali e miniere di carbone
Il futuro di Huawei: allevamenti di maiali e miniere di carbone
Huawei e l'Unesco discutono il futuro digitale in Europa
Huawei e l'Unesco discutono il futuro digitale in Europa
Bot Twitter avviano campagna diffamatoria contro il Belgio per il ban del 5G
Bot Twitter avviano campagna diffamatoria contro il Belgio per il ban del 5G