Google, dark mode per l’autenticazione a due fattori su Android

2 mesi fa

La dark mode ha ormai raggiunto tutti i servizi dell’ecosistema Google, ad eccezione di qualche piccolo elemento come il prompt di autenticazione a due fattori. Almeno fino ad oggi.

Google sta infatti lanciando un aggiornamento per il suo sistema di autenticazione a due fattori su Android, che aggiunge quindi il supporto alla modalità scura oltre ad un aspetto grafico in stile Material Design.

Si tratta effettivamente di un aggiornamento “cosmetico” molto piccolo se raffrontato ad Android nella sua interezza. Ma resta comunque una chicca degna di nota: è decisamente piacevole che, mentre si sta utilizzando Android in modalità scura, anche tutte le feature collaterali, come appunto l’autenticazione a due fattori, siano coerenti graficamente e cromaticamente.

Il nuovo update introduce inoltre un altro paio di modifiche estetiche interessanti, tra cui il font Google Sans per l’interfaccia utente e icone colorate di rosso e verde sui pulsanti di accesso.

Il nuovo aggiornamento è in fase di roll out (un po’ lenta a dire il vero) per tutti gli utenti Android. 9to5Google segnala che è disponibile sugli account personali Google ma non sugli account Google Workspace.

 

Waymo, in Arizona è partita la guerra contro le IA
Waymo, in Arizona è partita la guerra contro le IA
Google: per alcuni dipendenti è già tempo di tornare in ufficio
Google: per alcuni dipendenti è già tempo di tornare in ufficio
Google dice di no alle gag da Pesce d'Aprile
Google dice di no alle gag da Pesce d'Aprile
Gli smartphone sono sempre più affetti da spyware
Gli smartphone sono sempre più affetti da spyware
Google ha stretto un accordo con il Corriere della Sera e altre 76 pubblicazioni
Google ha stretto un accordo con il Corriere della Sera e altre 76 pubblicazioni
Google: il 64.82% delle ricerche termina senza un click verso un altro sito
Google: il 64.82% delle ricerche termina senza un click verso un altro sito
Facebook e Google fanno lobby negli USA: "no ad una legge sull'editoria come quella australiana"
Facebook e Google fanno lobby negli USA: "no ad una legge sull'editoria come quella australiana"