Sony brevetta un’IA in grado di alterare la difficoltà dei giochi in tempo reale

74
2 anni fa

Sony ha appena brevettato un’IA che è capace di stravolgere l’esperienza di gioco in base al talento ludico del singolo giocatore.

Anni fa, la difficoltà di un videogame era dettata dall’avidità dei gestori delle sale giochi, poi la cosa è stata determinata da alcuni elementi prefissati dai programmatori, elementi che sono divenuti man mano sempre più minuti e dettagliati. Ora, la ditta nipponica si prepara a rendere i suoi videogame ancora più reattivi, il tutto grazie a un progetto di machine learning in grado di calcolare nuove strategie in tempo reale.

Niente morti costanti per sbloccare la modalità “cane ninja”, niente impostazioni rubber band per cui gli automobilisti virtuali più in gamba sono costretti a rallentare per attendere il giocatore, qui si parla di impostazioni più raffinate e invisibili.

Alcuni pattern d’attacco o sequenze potrebbero stabilire i metodi/tattiche [adoperate della IA], […] così come variazioni di posizionamento all’interno del livello o nel contesto di combattimento in cui il giocatore tende a rimanere mentre combatte il boss/avversario,

recita il documento.

Insomma, il gioco interpreta e controbatte le strategie e le abitudini manifestate dai videogiocatori. Un tipo di atteggiamento adattivo che si era già intravisto in titoli quali Metal Gear Solid V e che dovrebbe ora rappresentare il futuro del gaming.

La IA proposta da Sony, almeno su carta, è in grado di capire come difendersi dalle manovre dell’utente, ma anche di raccogliere i dati complessivi dell’intero bacino di giocatori, così da stravolgere regolarmente l’esperienza di gioco e ampliare virtualmente all’infinito la rigiocabilità dei singoli titoli.

Il sistema brevettato è ovviamente in grado di determinare anche altri elementi, quali per esempio il bilanciamento di premi e trofei.

I premi possono includere, per esempio, un particolare trofeo, una particolare medaglia, una particolare somma di crediti videoludici, una particolare quantità di punti e/o una particolare quantità di crediti da spendere in uno store elettronico o di e-commerce,

ha scritto Sony, lasciandosi aperta anche la strada della monetizzazione dei contenuti.

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

PlayStation Partners Awards 2022 annunciato: ecco la data dell'evento
PlayStation Partners Awards 2022 annunciato: ecco la data dell'evento
PlayStation Stars disponibile da oggi anche in Italia: ecco le prime ricompense per gli iscritti
PlayStation Stars disponibile da oggi anche in Italia: ecco le prime ricompense per gli iscritti
PlayStation sarà a Lucca Comics & Games con la Casa dei Player
PlayStation sarà a Lucca Comics & Games con la Casa dei Player
PlayStation Stars: ottenere un gioco tripla A con i punti richiede una spesa di 1.750 dollari
PlayStation Stars: ottenere un gioco tripla A con i punti richiede una spesa di 1.750 dollari
PlayStation: spunta in rete un documento leak con giochi PS5 e PC non ancora annunciati
PlayStation: spunta in rete un documento leak con giochi PS5 e PC non ancora annunciati
Sony Nextorage: i primi SSD per computer debuttano al Tokyo Game Show
Sony Nextorage: i primi SSD per computer debuttano al Tokyo Game Show
PlayStation Stars: i collezionabili digitali non sono NFT, assicura Sony
PlayStation Stars: i collezionabili digitali non sono NFT, assicura Sony