iPhone: le app chiederanno i permessi per accedere ai dati utente

3 mesi fa

La nuova beta di iOS 14 di iPhone inserirà l’obbligo agli sviluppatori di chiedere l’accesso ai dati privati dell’utente, senza darli in concessione di default.

Complice la consapevolezza del pubblico che di anno in anno aumenta e migliora, la privacy in rete diventa sempre più uno degli argomenti scottanti del decennio. Abbiamo visto continue migliorie su questo fronte, e la più recente sembra venire da iPhone con il suo iOS 14, o meglio, la sua beta.

Dal prossimo aggiornamento infatti, Apple metterà in atto l’App Tracking Transparency, che obbligherà tutti gli sviluppatori a chiedere – almeno la prima volta – l’accesso ai dati utente attraverso una richiesta. Prima di tutto ciò, il metodo utilizzato era automatico: una volta fatto l’accesso all’applicazione, essa avrebbe avuto accesso ai dati inseriti sullo smartphone. Ovviamente c’è sempre stato un modo per evitare di dare queste informazioni (disattivandole dalle impostazioni), semplicemente adesso il processo sarà inverso e non darà per scontati tali dati.

 

 

L’annuncio di questa nuova feature coincide con il Data Privacy Day: la funzione era già in programma da tempo e sarebbe dovuta essere presente fin da subito su iOS 14, ma per dare il tempo agli sviluppatori di adattarsi è stata rimandata. Ora sembra che l’ufficialità arriverà questa primavera, obbligando tutti gli sviluppatori a mettersi in regola, pena la sospensione o rimozione del software.

Ricordiamo come l’utilizzo di questi dati sia una delle fonti di maggior guadagno per l’acquisto, soprattutto online. Attraverso queste informazioni, gli store online possono consigliare in base ad interessi, ricerche recenti e informazioni geografiche, i migliori prodotti concordanti con l’interesse dell’utente. Se prima magari queste cose sarebbero state fatte “sotto il naso” dell’utente, ora invece il proprietario dell’iPhone dovrà espressamente e attivamente accettare la richiesta d’accesso da parte dell’applicativo, a prescindere se esso sia proprietario dell’azienda di Cupertino o terze parti.

 

 

 

iOS, l'aggiornamento 14.4.2 è da scaricare quanto prima
iOS, l'aggiornamento 14.4.2 è da scaricare quanto prima
Apple cede alle richieste della Russia, sui nuovi iPhone le app da installare le sceglie il Governo
Apple cede alle richieste della Russia, sui nuovi iPhone le app da installare le sceglie il Governo
Gli iPhone del futuro potrebbero avere batterie più grandi
Gli iPhone del futuro potrebbero avere batterie più grandi
iPhone 12 Mini: vendite ancora deludenti, il futuro della linea è a rischio
iPhone 12 Mini: vendite ancora deludenti, il futuro della linea è a rischio
L'iPhone pieghevole sarebbe pronto a debuttare nel 2023
L'iPhone pieghevole sarebbe pronto a debuttare nel 2023
Il nuovo iPhone avrà lo schermo sempre acceso (rumor)
Il nuovo iPhone avrà lo schermo sempre acceso (rumor)
Comprare uno smartphone Android al D1 è un pessimo investimento, il confronto con gli iPhone
Comprare uno smartphone Android al D1 è un pessimo investimento, il confronto con gli iPhone