Robin Williams: la vedova Susan Williams vuole far luce su molti malintesi

24
2 anni fa

robin williams

Susan Schneider Williams ha visto suo marito, Robin Williams, soffrire di demenza a corpi di Lewy, una malattia non diagnosticata prima che si suicidasse nel 2014. Un nuovo docu-film, Robin’s Wish, cercherà di fare luce sulla sua storia e mettere a tacere le supposizioni sulla sua morte.

 

Dopo la morte di Robin Williams nell’agosto 2014, all’età di 63 anni, molto è stato detto sulle cause di quel gesto. C’è stata una prevedibile speculazione sul motivo per cui una star di Hollywood estremamente amata e apparentemente sana avrebbe posto fine alla propria vita. Alcune affermazioni  riguardavano una presunta depressione o l’aver ceduto a vecchie dipendenze.

Altri hanno parlato, di Williams come di un genio di comicità (Mork & Mindy, Mrs Doubtfire, Piume di Struzzo, Aladdin); un brillante attore drammatico (L’attimo fuggente, Risvegli, Good Will Hunting, One Hour Photo). Una cosa su cui tutti erano d’accordo era che aveva una mente straordinaria. I comici hanno parlato di come nessuno pensasse più velocemente sul palco di Williams; quelli che hanno fatto film con lui hanno detto che non ha mai fatto la stessa ripresa due volte, diventando ogni volta più divertente.

Nel documentario della HBO del 2018 di Marina Zenovich su Williams, Come Inside My Mind, ascoltiamo una vecchia intervista in cui gli viene chiesto se ha delle paure. Williams risponde:

Credo di aver paura che la mia coscienza diventi, non solo noiosa, ma inaccessibile.

Fu solo dopo la sua morte che i medici furono in grado di vedere che le peggiori paure di Williams si erano avverate: l’autopsia suggerì che avesse sofferto di una grave demenza a corpi di Lewy (LBD).

Non sapevo nemmeno cosa fosse la demenza a corpi di Lewy. Ma non fui sorpresa. Il fatto che qualcosa si fosse infiltrato in ogni parte del cervello di mio marito? Era perfettamente sensato. Ha dichiarato Susan Schneider Williams dopo aver parlato con i medici.

La LDB forma ammassi anomali di proteine ​​che si raccolgono nelle cellule cerebrali e si ritiene che siano responsabili del 10-15% dei casi di demenza. Le persone con LBD tendono a sperimentare, tra le altre cose, ansia, perdita di memoria, allucinazioni e insonnia, e questi sintomi sono generalmente accompagnati o seguiti dai sintomi del Parkinson. Da quando ha ricevuto quella diagnosi, Schneider Williams ha come missione di correggere i malintesi sulla morte del marito, educare gli altri su questa malattia cerebrale ancora relativamente poco conosciuta e scoprire cosa ha sopportato suo marito mentre soffriva di LBD.

 

 

 

Gilbert Gottfried: morto l'attore di Piccola Peste e voce originale di Iago in Aladdin
Gilbert Gottfried: morto l'attore di Piccola Peste e voce originale di Iago in Aladdin
Tony Hawk: il trailer del documentario HBO sul popolare skater
Tony Hawk: il trailer del documentario HBO sul popolare skater
Will Hunting - Genio ribelle: il film non si sarebbe mai fatto senza l'aiuto di Kevin Smith
Will Hunting - Genio ribelle: il film non si sarebbe mai fatto senza l'aiuto di Kevin Smith
Robin Williams: il video del finto biopic è diventato virale
Robin Williams: il video del finto biopic è diventato virale
L'Attimo Fuggente e perché amiamo tanto il professor Keating di Robin Williams
L'Attimo Fuggente e perché amiamo tanto il professor Keating di Robin Williams
Robin Williams: l'interprete di Rufio in Hook lo ricorda con una foto ed un messaggio commovente
Robin Williams: l'interprete di Rufio in Hook lo ricorda con una foto ed un messaggio commovente
I giorni dell'abbandono: Natalie Portman protagonista del film
I giorni dell'abbandono: Natalie Portman protagonista del film

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.