American Horror Story: Tate Langdon viene considerato troppo controverso

2 anni fa

American Horror Story

American Horror Story: Murder House ha descritto Tate Langdon come un assassino riscattabile. Ecco perché quella trama viene ritenuta troppo controversa oggi.

Tate Langdon potrebbe essere stato il primo antieroe di American Horror Story, ma la sua storia è considerata fin troppo controversa ora. Sono passati quasi 10 anni da quando è andato in onda American Horror Story: Murder House e da allora molto è cambiato nella società. AHS tende a spingersi oltre i limiti con i suoi argomenti, ma la trama che riguarda il personaggio di Tate tratta di un tema che non sarebbe accettabile oggi.

Murder House tratta della storia di Ben, Vivien e Violet Harmon mentre si trasferiscono in una nuova casa per un nuovo inizio. Non sanno che la casa è piena fino all’orlo di spiriti vendicativi. Uno di quei fantasmi è Tate Langdon (Evan Peters), l’adolescente angosciato che ha vissuto alla porta accanto durante la sua vita precedente. Dopo aver incontrato Tate, Violet si innamora di lui e i due iniziano una relazione romantica.

La storia d’amore di Tate e Violet vuole essere meravigliosamente tragica. Tuttavia, la serie alla fine rivela che l’aspetto emotivo di Tate è più profondo della tipica angoscia adolescenziale. Quando era vivo, ha portato una pistola a scuola e ha aperto il fuoco sui suoi compagni di classe, uccidendone alcuni. Ma Violet lo ama comunque. Con il progredire della stagione, Violet scopre di più sul passato di Tate. Alla fine gli dice che lo ama, ma non può perdonarlo per il suo passato.

Le sparatorie sono una paura comune, specialmente tra gli americani, quindi è stato un tema che spesso è stato esplorato all’interno di una serie horror. Rappresentarle rispettosamente in film e serie tv è spesso impegnativo, ma possibile. Tuttavia, pochissimi hanno ottenuto il giusto equilibrio.

Murder House ha fatto molto di più che rappresentare una sparatoria a scuola: ha trasformato l’assassino in un tragico eroe. Rivelare il suo passato è stato un grande colpo di scena in Murder House. Durante la maggior parte della stagione, Tate non ha idea di essere morto. Sicuramente non ricorda di aver aperto il fuoco nella sua scuola. Questo è il primo di molti elementi che oggi non sarebbero più accettabili – facendo questo ha rimosso Tate dalla tragedia, togliendogli così parte della sua colpa. Tuttavia, sarebbe ancora possibile includere questa trama se lo spettacolo avesse scelto di dipingere Tate come un cattivo, o anche uno che, nella morte, ha trovato ragioni per espiare veramente le sue orribili azioni mentre era vivo.

 

Dahmer – Mostro ha superato il miliardo di ore viste su Netflix
Dahmer – Mostro ha superato il miliardo di ore viste su Netflix
Dahmer – Mostro: Evan Peters parla della difficoltà di interpretare Jeffrey Dahmer
Dahmer – Mostro: Evan Peters parla della difficoltà di interpretare Jeffrey Dahmer
DAHMER - Mostro: La storia di Jeffrey Dahmer, trailer della serie Netflix
DAHMER - Mostro: La storia di Jeffrey Dahmer, trailer della serie Netflix
WandaVision: la presenza di Evan Peters era stata tenuta segreta a Simon Kinberg
WandaVision: la presenza di Evan Peters era stata tenuta segreta a Simon Kinberg
Monster: Evan Peters sarà Jeffrey Dahmer nella serie Netflix
Monster: Evan Peters sarà Jeffrey Dahmer nella serie Netflix
Evan Peters interpreterà Jeffrey Dahmer nella serie Netflix
Evan Peters interpreterà Jeffrey Dahmer nella serie Netflix
Evan Peters: "Per ora sono in pausa, ma vorrei lavorare nel nuovo Deadpool!"
Evan Peters: "Per ora sono in pausa, ma vorrei lavorare nel nuovo Deadpool!"