John Belushi: il nuovo film del veterano del documentario R.J. Cutler

33
5 mesi fa

john belushi

Dopo che Wired di Bob Woodward si è concentrato troppo sulla morte dell’attore John Belushi, questo nuovo documentario guarda con affetto alla vita della star. Ma il suo genio meriterebbe di più.

Nei suoi brevi sei anni sulla scena nazionale, nessun attore è stato più popolare di John Belushi. Al culmine della sua fama, alla fine degli anni ’70, eclissò persino Steve Martin e Robin Williams recitando nel programma del Saturday Night Live e in quella che era la commedia cinematografica con il maggior incasso di sempre, Animal House. La sua band, i Blues Brothers, aveva l’album al primo posto delle classifiche.

Eppure, i folli successi della sua vita sono stati in parte oscurati dalla sua morte improvvisa, per un overdose all’età di 33 anni nel 1982. Due anni dopo, Bob Woodward ha pubblicato un libro su Belushi , Wired, un best seller stranamente clinico e freddo incentrato sugli ultimi giorni dissoluti della star. Sembra una serie di episodi di Behind the Music trascritti da un contabile. Quel libro controverso incombe ancora sull’eredità di Belushi, anche se ci sono stati diversi tentativi di completare la sua storia, incluso un libro di memorie della sua vedova. Un nuovo film del veterano del documentario R.J. Cutler è il primo ritratto che umanizza vividamente Belushi pur rimanendo fedele alla sua storia.

La chiave del film, Belushi (debuttato domenica su Showtime), sono le sue fonti primarie. Nei documentari, possono fare la differenza per raccontare la storia di una vita. Cutler dedica attenzione a foto private, video d’infanzia, vecchie interviste, ma soprattutto, le lettere di Belushi, presentando una figura molto più introspettiva e sensibile dell’icona della confraternita di Animal House, il suo personaggio più famoso. In mezzo a un eccesso di documentari-commedia servili, il film di Cutler si distingue come equilibrato e illuminante.

In televisione, Belushi sembrava essere un Everyman, come lo ha descritto una volta Steven Spielberg, che lo ha scelto in 1941. Ma Belushi era anche motivato e ambizioso, il tipo di ragazzo che teneva in tasca le sue buone recensioni, attento alla credibilità artistica.

Belushi era una star della televisione che ha detto che non gli piaceva la televisione. Lorne Michaels inizialmente non voleva assumerlo. C’è una scena inquietante nel documentario in cui la salute di Belushi era peggiorata così tanto che un medico dice a Michaels che se il comico si fosse esibito nello show quella settimana, le sue possibilità di sopravvivenza sarebbero state del 50%.

Gli ultimi film di Belushi, lo mostrano mentre cerca di continuare a lavorare a dispetto  della sua reputazione, interpretando dei ruoli convenzionali. Entrambi i film sono stati piccoli fallimenti, artisticamente e commercialmente, ma ambiziosi e interessanti.

Per lo più, fanno pensare a ciò che Eddie Murphy, ha detto a Playboy quando gli è stato chiesto cosa pensasse dopo aver sentito che Belushi era morto: Che spreco.

 

 

The Man Who Fell to Earth: Rob Delaney nella serie tv con Chiwetel Ejiofor
The Man Who Fell to Earth: Rob Delaney nella serie tv con Chiwetel Ejiofor
The First Lady: Regina Taylor sarà la madre di Michelle Obama
The First Lady: Regina Taylor sarà la madre di Michelle Obama
David Duchovny realizzerà una serie TV sul suo ultimo romanzo
David Duchovny realizzerà una serie TV sul suo ultimo romanzo
The Man Who Fell to Earth: nuove aggiunte al cast del reboot
The Man Who Fell to Earth: nuove aggiunte al cast del reboot
Shaka: King of the Zulu Nation di Antoine Fuqua, Showtime ordina la serie tv
Shaka: King of the Zulu Nation di Antoine Fuqua, Showtime ordina la serie tv
The First Lady: Dakota Fanning sarà Susan Ford nella serie TV
The First Lady: Dakota Fanning sarà Susan Ford nella serie TV
SNL ripropone il processo di Trump con i Minions e Jar-Jar Binks
SNL ripropone il processo di Trump con i Minions e Jar-Jar Binks