OSIRIS-REx: Touch And Go avvenuto con successo

16
2 anni fa

OSIRIS-REx

Dopo oltre un decennio di pianificazione la missione Asteroid Sample Return Mission di OSIRIS-REx ha posato il suo braccio sull’asteroide Bennu.

Si chiama TAG, Touch And Go, ed è la manovra con cui la navicella spaziale OSIRIS-REx ha prelevato i campioni di polvere e detriti che arriveranno sulla Terra. Questi campioni permetteranno agli scienziati di studiare e indagare sul sistema solare primordiale.

 

 

La navicella spaziale OSIRIS-REx (Origins, Spectral Interpretation, Resource Identification, Security, Regolith Explorer) della NASA ha allungato il suo braccio robotico martedì e per la prima volta per l’agenzia ha toccato un asteroide per raccogliere polvere e ciottoli dalla superficie.

 

Dal sito della NASA si legge: Alle 13:50 EDT, OSIRIS-REx ha lanciato i suoi propulsori per uscire dall’orbita attorno a Bennu. Ha esteso la spalla, quindi il gomito, quindi il polso del suo braccio di campionamento di 3,35 metri, noto come meccanismo di acquisizione dei campioni Touch-and-Go (TAGSAM), e transitato attraverso Bennu mentre scendeva per circa mezzo miglio ( 805 metri) verso la superficie. Dopo una discesa di quattro ore, a un’altitudine di circa 410 piedi (125 metri), la navicella ha eseguito l’incendio “Checkpoint”, la prima di due manovre per consentirle di colpire con precisione il sito di raccolta del campione, noto come “Nightingale”. Dieci minuti dopo, la navicella ha sparato con i suoi propulsori per la seconda combustione “Matchpoint” per rallentare la sua discesa e corrispondere alla rotazione dell’asteroide al momento del contatto. Ha poi continuato una costa insidiosa di 11 minuti oltre un masso delle dimensioni di un edificio a due piani, soprannominato “Mount Doom”, per atterrare in un punto chiaro in un cratere nell’emisfero settentrionale di Bennu. Grande quanto un piccolo parcheggio, il sito di Nightingale è uno dei pochi punti relativamente chiari su questa roccia spaziale inaspettatamente ricoperta di massi.

 

La consegna dei campioni sulla Terra avverrà nel 2023.

 

Ne avevamo parlato anche qui:

 

L’importanza di raccogliere i campioni proprio da questo asteroide è che questo, conosciuto  come Bennu, è molto antico e si trova attualmente a più di 321 milioni di chilometri dalla Terra.

Bennu rappresenta quindi un reperto del sistema solare primordiale mentre prendeva forma miliardi di anni fa.

Dopo più di dieci anni di pianificazione finalmente è stato possibile eseguire questa manovra di raccolta dei campioni.

 

 

L’accensione del gas TAGSAM e l’allontanamento da Bennu sono risultati importanti, ma Il lavoro non è ancora terminato e occorre verificare la quantità di campione raccolta dal veicolo spaziale.

 

Questa è stata un’impresa incredibile – e oggi abbiamo fatto progredire sia la scienza che l’ingegneria e le nostre prospettive di future missioni per studiare questi misteriosi narratori antichi del sistema solare. Un pezzo di roccia primordiale che ha testimoniato l’intera storia del nostro sistema solare potrebbe ora essere pronto a tornare a casa per generazioni di scoperte scientifiche, e non vediamo l’ora di vedere cosa verrà dopo

ha detto Thomas Zurbuchen amministratore associato della Direzione della missione scientifica della NASA.

 

 

Ex leader della NASA sostiene che gli USA debbano puntare su SpaceX
Ex leader della NASA sostiene che gli USA debbano puntare su SpaceX
Perseverance: le sue prime tracce lasciate sul suolo marziano
Perseverance: le sue prime tracce lasciate sul suolo marziano
X-57 Maxwell, l'aereo completamente elettrico della NASA si avvicina al primo volo
X-57 Maxwell, l'aereo completamente elettrico della NASA si avvicina al primo volo
Perseverance: il ritratto di famiglia sulla carrozzeria
Perseverance: il ritratto di famiglia sulla carrozzeria
La NASA pubblica su SoundCloud i suoni registrati dalla missione su Marte
La NASA pubblica su SoundCloud i suoni registrati dalla missione su Marte
Perseverance: touch down confirmed!
Perseverance: touch down confirmed!
NASA 2021: i programmi dell'agenzia di quest'anno
NASA 2021: i programmi dell'agenzia di quest'anno

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.