Oliver Stone e Viggo Mortensen al Festival Lumière di Lione

4
11 Ottobre

Oliver Stone, Viggo Mortensen

Oliver Stone e Viggo Mortensen al Festival Lumière di Lione insieme all’attore Mads Mikkelsen presentano i loro film selezionati a Cannes.

Ouf! in francese: il sospiro di sollievo è stata la prima parola ad apparire nella clip inaugurale della cerimonia di apertura del Festival Lumière di Lione con Oliver Stone e dove Viggo Mortensen e l’attore Mads Mikkelsen presentano i loro film selezionati a Cannes.

La Cerimonia è iniziata sabato sera quando la città era in massima allerta in mezzo alla pandemia di coronavirus. Sebbene il numero di presenze sia limitato, i cinema rimangono aperti in Francia e il festival potrà andare avanti come previsto.

Guidato da Thierry Frémaux, che è anche a capo del Festival di Cannes, è uno dei principali eventi cinematografici classici del mondo, che celebra sia il cinema storico che le opere più contemporanee. Tra questi, il pubblico potrà scoprire non meno di 23 anteprime originariamente pensate per essere proiettate a Cannes prima che il festival fosse cancellato in seguito al blocco globale.

La cerimonia di apertura di quest’anno, che normalmente si svolge davanti al tutto esaurito di oltre 5.000 persone nella sala concerti Tony Garnier, è stata una vicenda sommessa, quasi intima, senza il solito luccichio e sfarzo.

Parlando a una folla di mille – in linea con il regolamento – Frémaux ha detto loro che questo era l’anno che avevano programmato per celebrare il 125 ° anniversario del Cinematograph, inventato a Lione dai fratelli Lumière.

Ma non avremmo potuto scegliere un anno peggiore … anche la guerra non ha chiuso i cinema. Né i ristoranti e i bar, del resto! Ha ricordato al pubblico che i cinema hanno riaperto in Francia il 20 giugno ma sono rimasti chiusi in altri luoghi. Di questi tempi si sente molto parlare della morte del cinema, ma non ci crediamo. Ha detto Frémaux.

Facendo eco a Frémaux, sul grande schermo alle sue spalle è stata proiettata una clip di un’intervista a Jean-Pierre Dardenne, che quest’anno riceve il Premio Lumière insieme a suo fratello Luc: Senza lo sguardo degli altri, il cinema non esiste, ha detto il regista belga.

Alla cerimonia ha partecipato un’affluenza stellare di celebrità, che si sono limitate a togliere le mascherine per consentire ai fotografi di scattare qualche scatto, prima di prendere posto. Tra questi, Oliver Stone mostrerà una versione recentemente restaurata di Born on the Fourth of July e presenterà il suo libro di memorie Chasing the Light a Lione.

Erano presenti anche l’attore diventato regista Viggo Mortensen, il regista danese Thomas Vinterberg (Festen) e l’attore Mads Mikkelsen. Presentano, rispettivamente, i loro film selezionati a Cannes, Falling e Drunk, per i quali Mikkelsen ha scelto il miglior attore al Festival di San Sebastian il mese scorso.

Altri ospiti d’onore includono la regista italiana Alice Rohrwacher, il cui ultimo cortometraggio An Agricultural Prayer, un lavoro in collaborazione con l’artista francese JR che è stato descritto come un’omelia contadina, è stato proiettato durante la cerimonia di apertura.

 

Oliver Stone, Viggo Mortensen

 

Alla cerimonia hanno partecipato anche il regista francese Ladj Ly, il cui Les Misérables ha ricevuto numerosi premi tra cui il Premio della Giuria dello scorso anno a Cannes, Vincent Lindon, Lucas Belvaux, Emmanuelle Devos, Tony Gatlif e il cantautore e regista francese Abd al Malik.

Non c’è stato nessuno dei soliti discorsi quest’anno: gli unici due ospiti che Frémaux ha invitato sul palco a parlare sono stati Jacques e Stéphane Audiard, figlio e nipote del leggendario sceneggiatore e regista francese Michel Audiard, il cui centenario viene celebrato durante il festival Lumière.

Invitato sul palco anche il musicista e compositore britannico Steve Nieve ha suonato un tributo di pianoforte di 10 minuti a Ennio Morricone, che sarà ricordato al festival insieme a Tonie Marshall e Michel Piccoli. Frémaux ha anche fatto una menzione speciale dell’ex presidente dell’HFPA Lorenzo Soria, scomparso all’inizio di quest’anno.

In conclusione, Frémaux ha invitato i suoi venticinque ospiti a unirsi a lui sul palco per la tradizionale linea di apertura ufficiale del festival, che è stato chiesto loro di leggere ad alta voce, all’unisono e in francese – risultando in una gioiosa cacofonia che non manca mai di far ridere la folla. Sebbene limitata, è stata una folla calorosa ed entusiasta, che ha prontamente risposto alle chiamate di Frémaux per offrire un forte applauso durante la cerimonia in onore degli ospiti di quest’anno.

La cerimonia di apertura si è conclusa con la proiezione di un nuovo restauro di Gaumont del classico in bianco e nero di Georges Lautner Les Tontons Flingueurs (Crooks in Clover, 1963).

Il Lumière Festival di Lione si svolgerà dal 10 al 18 ottobre, con il World Classic Film Market, il MIFC, che si terrà dal 13 ottobre al 18 ottobre.

 

Aree Tematiche
Cinema Entertainment Musica News
Tag
domenica 11 Ottobre 2020 - 12:26
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd