Skyborg, i caccia senza pilota saranno il nuovo asso nella manica dell’aviazione USA

904
9 mesi fa

Progetto Skyborg: l’aviazione militare americana vuole costruire una flotta di caccia senza pilota. Idealmente dovranno sostituire l’F-16. L’obiettivo è di mandarli in missione entro il 2023.

Il programma si chiama Skyborg, ombrello che dovrebbe raggruppare caccia —per dimensioni e ruolo— diversi, accomunati dalla medesima piattaforma tecnologica. Ad esempio, all’interno del programma rientreranno sia caccia in grado di viaggiare a velocità subsonica, che quelli in grado di superare la velocità supersonica.

Questi UAV avanzati saranno in grado di partecipare attivamente negli scontri in cielo e avranno equipaggiamento letale. Secondo Popular Mechanics, l’aviazione vuole creare una flotta di veicoli senza pilota versatili, in grado di essere equipaggiati con bombe guidate, ma anche missili difensivi e missili aria-aria.

L’altro dato interessante, spiega sempre il magazine, è che gli USA considerano il programma Skyborg l’erede naturale non solo degli MQ-9 Reaper, ma anche dell’F-16 — che a differenza dei primi sono caccia con personale umano a tutti gli effetti.

Le aziende che ambiscono ad aggiudicarsi l’incarico sono diverse, e troviamo ovviamente alcuni dei contractor più blasonati della Difesa a stelle e strisce, come Boeing con il suo Loyal Wingman UAV.

 

 

Un altro possibile candidato è l’XQ-58 Valkyrie della Kratos Defense:

 

 

Il ruolo della tecnologia Skyborg è stato descritto con diverse accezioni. In passato si era pensato che l’intelligenza artificiale sarebbe stata messa a supporto dei piloti, in modo simile —parole dell’aviazione— a come R2D2 aiuta Luke Skywalker sul suo X-Wing.

 

 

Oltre a questo, anche la possibilità di avere veri e propri droni da combattimento in grado di fare da scorta ai caccia e ai bombardieri con personale umano. È proprio questo utilizzo ad aver ricevuto la precedenza, a discapito del primo.

I vantaggi dell’uso di UAV così sofisticati —ma dai costi relativamente contenuti— sono molteplici. Si va dall’ovvia possibilità di usarli per missioni suicide, ad esempio utilizzandoli per colpire bersagli altamente difesi, a quella più interessante di poter fare a meno della dipendenza dalle basi aeree.

I caccia senza pilota potranno venire accompagnati in area usando dei razzi, in modo simile a quanto si fa con gli Shuttle. Una volta preso quota, l’aereo sarà in grado di accendere i motori e procedere in modalità autonoma. Quando il caccia ha poi finito il suo compito, tornerà a terra utilizzando dei paracaduti, senza bisogno di una pista, per poi venire recuperato in un secondo momento.

 

 

La DARPA vuole costruire l'Helicarrier della Marvel
La DARPA vuole costruire l'Helicarrier della Marvel
USA, i jet militari F-35 sono "Ferrari" da tenere in garage
USA, i jet militari F-35 sono "Ferrari" da tenere in garage
Droni, in tempo di pandemia il mercato ne risente parecchio
Droni, in tempo di pandemia il mercato ne risente parecchio
Air One: il primo eliporto interamente dedicato alle auto volanti (VTOL) sarà in Regno Unito
Air One: il primo eliporto interamente dedicato alle auto volanti (VTOL) sarà in Regno Unito
DJI, nuova garanzia se il drone "vola via"
DJI, nuova garanzia se il drone "vola via"
DJI è la nuova Huawei: in USA nella blacklist commerciale per ragioni umanitarie
DJI è la nuova Huawei: in USA nella blacklist commerciale per ragioni umanitarie
U. S. Space Force: il logo ufficiale sa di già visto
U. S. Space Force: il logo ufficiale sa di già visto