Terremoti e tsunami: scoperto il loro collegamento con il ciclo dall’acqua

12
2 anni fa

 

Il ciclo dell’acqua della Terra profonda è collegato direttamente con la produttività magmatica e l’attività sismica: il collegamento con terremoti e tsunami è stato provato da un team di ricerca internazionale e lo studio è stato pubblicato su Nature.

Un team internazionale di scienziati, in un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature, fornisce le prime prove che collegano direttamente il ciclo dell’acqua della Terra con terremoti e tsunami.

L’acqua e alcuni composti volatili (ad es. CO2 e zolfo), che fanno parte di un ciclo che coinvolge anche la Terra profonda, svolgono un ruolo chiave nell’evoluzione del nostro pianeta: la formazione di continenti, l’inizio della vita, la concentrazione di risorse minerali e anche la distribuzione di vulcani e delle zone sismiche sono tutti processi modulati da loro.

Le zone di subduzione sono le più importanti del ciclo, ma non è mai stato completamente compreso come e quanta acqua venga trasportata in questo modo.

Le zone di subduzione, ossia quelle in cui le placche tettoniche convergono e una affonda sotto l’altra, sono le parti più importanti del ciclo in quanto ci sono grandi volumi di acqua che entrano ed escono, principalmente attraverso eruzioni vulcaniche. Eppure, come (e quanta) acqua venga trasportata tramite subduzione e il suo effetto sui pericoli naturali e sulla formazione delle risorse naturali non è mai stato completamente compreso.

Il principale autore dello studio, il Dr. George Cooper, Honorary Research Fellow presso la School of Earth Sciences dell’Università di Bristol, ha dichiarato:

L’acqua di mare entra nelle rocce attraverso crepe, difetti e legandosi ai minerali. Una volta raggiunta una zona di subduzione, la placca di affondamento si riscalda e viene schiacciata, provocando il rilascio graduale di parte o di tutta la sua acqua.

Nel momento in cui l’acqua viene rilasciata, abbassa il punto di fusione delle rocce circostanti e genera magma. Questo magma si sposta verso l’alto, portando infine a eruzioni nell’arco vulcanico sovrastante. Queste eruzioni sono potenzialmente esplosive a causa dei volatili contenuti nel fuso. Lo stesso processo può innescare terremoti e può influenzarne proprietà chiave come la magnitudo e quindi essere critico nella genesi di tsunami.

Esattamente dove e come vengono rilasciati i volatili e come modifichino la roccia rimane ancora un argomento da indagare.

 

 

Guerre dell'acqua: uno studio italiano aiuterà a prevederle
Guerre dell'acqua: uno studio italiano aiuterà a prevederle
Italia: i rischi naturali la rendono troppo fragile
Italia: i rischi naturali la rendono troppo fragile
Idrocoltura: fai da te è possibile con poca manutenzione
Idrocoltura: fai da te è possibile con poca manutenzione
Mondiali in Qatar: 10'000 litri d'acqua al giorno per ogni campo da calcio
Mondiali in Qatar: 10'000 litri d'acqua al giorno per ogni campo da calcio
Tsunami nel deserto causato da un terremoto di magnitudo 7,6
Tsunami nel deserto causato da un terremoto di magnitudo 7,6
Vigneto e cambiamenti climatici: l’aiuto del progetto Life Drive
Vigneto e cambiamenti climatici: l’aiuto del progetto Life Drive
Laghi d’acqua dolce, allarme evaporazione
Laghi d’acqua dolce, allarme evaporazione

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.