WWE nei guai: le superstar della federazione al centro di diverse accuse di molestie sessuali

10 mesi fa

Il mondo della WWE, la più importante federazione di pro-wrestling, è stato stravolto da una tempesta: diverse superstar sono state accusate di molestie sessuali e comportamenti inappropriati.

Le accuse di comportamenti inappropriati —che in alcuni casi configurerebbero il reato di stupro— hanno colpito alcuni nomi di primo piano dell’ala britannica (ma non solo) della federazione. La WWE è intervenuta con un comunicato, ed ha già annunciato il licenziamento di una superstar.

La WWE ha una politica di tolleranza zero per le accuse di violenza domestica, abusi sui minori e violenze sessuali. In caso di un arresto per questi reati, ogni atleta della WWE viene immediatamente sospeso. Davanti ad una condanna per questi reati, il contratto di ogni atleta della WWE viene immediatamente rescisso. Ad ogni modo, se prove incontrovertibili vengono presentate alla federazione [pur in assenza di azioni legali ndr] la WWE si riserva comunque il diritto di sanzionare, sospendere e rilasciare l’atleta.

si legge nel comunicato mandato al tabloid Metro.

 

 

Ma andiamo con ordine. Al centro della prima accusa è l’atleta Matt Riddle. Matt è debuttato a Smackdown solamente la scorsa settimana, dopo aver fatto parte del roster di NXT per diversi anni.

Le accuse gli sono state rivolte da una donna che lotta nel circuito indipendente, e sono emerse dopo la nascita del movimento #SpeaksOut. Riddle si è difeso attraverso i suoi legali, che parlano di “persecuzione” sostenendo che la ragazza che lo avrebbe accusato starebbe “stalkerando” lui e la sua famiglia da almeno due anni.

 

 

 

Ma Riddle non è l’unico atleta oggetto di accuse particolarmente gravi, sono emerse voci anche sull’atleta Ligero e Jordan Devlin, che è stato accusato da una donna con cui ha avuto a lungo una relazione.

Sono tutti atleti attivi nel circuito britannico della WWE. NXT UK è il programma della federazione dedicato allo sviluppo e all’individuazione di nuovi talenti europei. Come per la controparte americana, alcune superstar finiscono poi per entrare nei roster dei programmi principali della WWE. La maggior parte degli attuali campioni della WWE vengono dalla versione americana di NXT.

 

 

Per il momento la federazione ha preso seri provvedimenti contro una sola superstar:  Gentleman Jack Gallagher, ossia quello che probabilmente è uno dei volti più riconosciuti e apprezzati del circuito WWE inglese. Gallagher ha militato anche nel programma 205 Live, lo show interamente dedicato ai pesi piuma della WWE e in onda esclusivamente sul WWE Network.

Gallagher è accusato di aver esercitato violenza su una ragazza, dopo che questa aveva ripetutamente negato le sue avance. La WWE nel suo caso ha scelto di terminare immediatamente il contratto. La federazione di Vince McMahon si è limitata a rilasciare un comunicato laconico, monco della classica frase “We wish him the best in his future endeavors” che viene normalmente inserita in OGNI comunicato di rilascio di una superstar.

 

 

#MeToo: Pietro Castellitto contro l’ipocrisia del movimento
#MeToo: Pietro Castellitto contro l’ipocrisia del movimento
Uber e Lyft renderanno noti i nomi dei driver licenziati per molestie sessuali
Uber e Lyft renderanno noti i nomi dei driver licenziati per molestie sessuali
Il WWE Network si trasferisce su Peacock: cosa cambia per i fan europei?
Il WWE Network si trasferisce su Peacock: cosa cambia per i fan europei?
Triple H sfida Elon Musk a un match di wrestling su Marte
Triple H sfida Elon Musk a un match di wrestling su Marte
Facebook, bot che imitano gli umani per contrastare i comportamenti scorretti
Facebook, bot che imitano gli umani per contrastare i comportamenti scorretti
La WWE debutta in chiaro su DMAX con telecronaca italiana, dopo il divorzio con SKY
La WWE debutta in chiaro su DMAX con telecronaca italiana, dopo il divorzio con SKY
Lady Oscar: in arrivo il live action al maschile su Netflix, si chiamerà Sir Oscar
Lady Oscar: in arrivo il live action al maschile su Netflix, si chiamerà Sir Oscar