I grandi vegetariani della barriera corallina guidano l’evoluzione dei pesci

2
2 Giugno

Un nuovo studio rivela che le diete dei pesci di barriera dettano la velocità di evoluzione delle diverse specie di pesci. La svolta aggiunge un altro pezzo all’affascinante puzzle evolutivo delle barriere coralline e dei pesci che vivono su di esse.

L’albero della vita contiene oltre 6.000 specie di pesci che vivono nelle barriere coralline di tutto il mondo. Dati ecologici e geografici – come la dieta e la gamma geografica – sono stati raccolti anche per la maggior parte di queste specie.

Gli autori sono stati sorpresi di scoprire che ciò che conta davvero nell’evoluzione dei pesci di barriera non è la geografia, ma quali pesci mangiano e quanto sono grandi.

Finora sapevamo che molti fattori avrebbero potuto influenzare il ritmo dell’evoluzione dei pesci di barriera, ma questi fattori non sono mai stati esaminati del tutto

ha dichiarato Alexandre Siqueira, autore principale dello studio del ARC Center of Excellence for Coral Reef Studies presso la James Cook University (Coral CoE presso JCU).

Costruendo un  “albero della vita” evolutivo per quasi tutti i pesci associati alle barriere coralline, siamo stati in grado di esaminare la variazione dei tassi di formazione delle specie e chiederci cosa lo spinge

ha affermato il co-autore Dr Cow Cowman, anche lui di Coral CoE presso JCU.

È stato scoperto che il modo più veloce per avere più specie e maggiore biodiversità sulla barriera è quello di essere grandi e vegetariani: gli erbivori, come pesci chirurgo e pesci pappagallo, sono la chiave della diversità ecologica delle barriere coralline di oggi.

Lo studio suggerisce che questi pesci hanno anche lasciato il posto alle attuali barriere coralline per evolversi e prosperare.

Nutrendosi delle alghe che competono con i coralli, i pesci erbivori potrebbero anche aver aiutato i coralli ad espandersi nel tempo

ha affermato Siqueira.

A sua volta, questa espansione nei coralli ha permesso la diversificazione di altri gruppi di pesci di barriera che dipendono da loro.

E questi pesci erbivori – grandi e piccoli – mantengono ancora oggi le barriere coralline.

Lo studio offre un nuovo modo di vedere la barriera corallina con un approccio funzionale, piuttosto che tassonomico.

Si sa molto poco sull’evoluzione funzionale delle scogliere: cosa fanno e come funzionano. In precedenza gli scienziati avevano esaminato solo quante barriere coralline c’erano e quali specie erano presenti.

In questo studio è stato importante comprendere le origini del ruolo funzionale che una specie di pesce svolge su una scogliera – non solo la specie stessa

ha affermato Cowman.

Le barriere coralline di oggi differiscono da come erano in passato.

Fu solo durante il Miocene, meno di 23 milioni di anni fa, che le specie ittiche erbivore svilupparono caratteristiche che consentirono loro di esplorare diverse aree della barriera corallina.

Per questo motivo, le barriere coralline di oggi sono altamente dinamiche e hanno un turnover veloce e gli erbivori sono l’elemento chiave che ha creato le moderne barriere coralline.

Comprendere come si sono costruite le barriere coralline durante la loro evoluzione significa che possiamo raggiungere una migliore comprensione dei processi fondamentali che le mantengono oggi in buono stato.

ha concluso Siqueira.

 

 

Aree Tematiche
Natura News Scienze
Tag
martedì 2 giugno 2020 - 15:47
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd