Earth Day 2020: NASA la celebra con meravigliosi poster scaricabili

22
1 anno fa

Quando l’astronauta dell’Apollo 8 William Anders scattò l’immagine “Earthrise”, catturò l’immaginazione delle persone sulla Terra e aiutò a ispirare il primo Earth Day, il 22 aprile 1970.

Nell’immagine che divenne subito iconica “Earthrise“, in italiano, il sorgere della Terra, si osserva il nostro pianeta, come un mondo lontano che sorge nel cielo notturno ricordandoci la fragilità di casa nostra.

Con la famosa frase:

Siamo venuti a esplorare la Luna e la cosa più importante che abbiamo scoperto è la Terra

l’astronauta dell’Apollo 8Anders ha riassunto lo spettacolo sorprendente.

In onore della Giornata della Terra, il Jet Propulsion Laboratory della NASA ha creato poster scaricabili che celebrano questo straordinario pianeta.

I poster artistici offerti dalla NASA per l’Earth Day sono intitolati: “Earth Phases” e “Layers on Earth Science”

 

Earth Phases

L’umanità ha trascorso millenni a studiare la Luna e a descriverne le fasi, ma spesso le persone non si rendono conto che anche la Terra ha delle fasi.

A differenza della Luna, che ha il suo “lato oscuro” e di cui vediamo sempre la stessa faccia, il nostro pianeta girando su stesso non mostra alla luna sempre la stessa parte. Quindi se qualcuno sulla Luna osservasse la Terra vedrebbe la sua superficie cambiare ogni giorno, così come la sua fase.

Il poster rappresenta come sarebbero viste dalla Luna le fasi della Terra.

Tra le immagini c’è anche quella di come apparirà la Terra effettivamente domani, 22 aprile 2020 vista dalla Luna.

 

 

 

 

Layers on Earth Science

Abitiamo un pianeta vivo e dinamico. Tutti i sistemi antropici e non in continua evoluzione si intrecciano e influenzano tutta la vita sulla Terra, così come il pianeta stesso.

Per comprendere questi cambiamenti naturali e causati dall’uomo, la ricerca della NASA Earth Science utilizza osservazioni globali uniche grazie alla visione privilegiata dallo spazio.

La missione Sentinel-6 / Jason-CS – uno sforzo congiunto USA-Europa – utilizzerà due satelliti identici per studiare come sta cambiando il clima del pianeta. I satelliti, il primo dei quali verrà lanciato nel novembre 2020, misureranno l’innalzamento del livello del mare, nonché la temperatura e l’umidità dell’atmosfera terrestre.

Intitolato “Livelli”, questo poster condivide i complessi strati di scienze della Terra studiati dalla NASA.

 

 

 

 

SpaceX: youtuber si avvicina alla base di lancio, in barba alla sicurezza
SpaceX: youtuber si avvicina alla base di lancio, in barba alla sicurezza
SolarWinds, gli hacker stranieri hanno colpito persino la NASA
SolarWinds, gli hacker stranieri hanno colpito persino la NASA
Accordo Italia-Nasa: nel 2024 andremo sulla Luna
Accordo Italia-Nasa: nel 2024 andremo sulla Luna
Chris Cassidy e lo specchietto perduto nello spazio
Chris Cassidy e lo specchietto perduto nello spazio
Mary Jackson: la NASA intitola il quartier generale alla prima ingegnera afroamericana che lavorò per l'agenzia
Mary Jackson: la NASA intitola il quartier generale alla prima ingegnera afroamericana che lavorò per l'agenzia
Crew Dragon: possibile rientro anticipato per gli astronauti della Nasa
Crew Dragon: possibile rientro anticipato per gli astronauti della Nasa
Luca Parmitano, AstroSub per la missione NEEMO
Luca Parmitano, AstroSub per la missione NEEMO