Vespa velutina, quanto ci costa combatterla?

62
1 anno fa

4 minuti

vespa velutina

Dalla sua introduzione accidentale nel 2003 in Francia, la Vespa velutina si sta rapidamente diffondendo in Europa.

Sia gli esperti che i cittadini continuano a identificare il nuovo invasore che si sta diffondendo in tutto il vecchio continente negli ultimi decenni.

In un recente studio, gli scienziati francesi guidati dal Prof. Franck Courchamp presso l’Université Paris-Saclay e il CNRS, hanno cercato di valutare i primi costi di controllo stimati per questa invasione.

Supportati dal progetto INVACOST, i loro risultati sono pubblicati sulla rivista NeoBiota.

Dalla sua invasione in Francia nel 2003, quando fu introdotto per caso dalla Cina, il calabrone asiatico si è diffuso rapidamente, colonizzando gran parte della Francia ad un tasso approssimativo di 60-80 km all’anno e invadendo anche altri paesi europei: la Spagna nel 2010, Portogallo e Belgio nel 2011, Italia nel 2012, Germania nel 2014 e Regno Unito nel 2016.

Nel recente documento, pubblicato sulla rivista Evolutionary Systematics, il Dr. Martin Hussemann del CeNaK, Università di Amburgo, ha registrato la cattura più settentrionale di il calabrone asiatico ad Amburgo a settembre 2019.

Questi dati mostrano che il calabrone asiatico si sta diffondendo in tutta Europa sempre più velocemente ogni anno, anche nelle regioni climatiche meno favorevoli.

La rapida invasione della specie non è necessariamente causata dalla dispersione mediata dall’uomo, la specie può diffondersi rapidamente da sola.

All’interno della sua gamma nativa e invasiva, la Vespa velutina nigrithorax preda attivamente le api mellifere, causando così danni all’apicoltura.

A causa della sua predazione attiva sugli insetti selvatici, il calabrone asiatico ha anche un impatto negativo sugli ecosistemi in generale e contribuisce al declino globale dei servizi di impollinazione e della produzione di miele.

Inoltre, nidificando nelle aree urbane, il calabrone asiatico, che è ben noto per il suo comportamento aggressivo, è una potenziale minaccia per le attività umane.

Attualmente, il controllo dell’invasione è principalmente effettuato dalla distruzione del nido e dall’intrappolamento delle esche, ma nessuno di questi metodi è sufficiente per ottenere l’eradicazione completa.

Per procedere con l’ulteriore controllo dell’invasione, è necessario valutare i costi economici. Tali costi sono suddivisi in 3 categorie principali: (1) prevenzione dell’invasione, (2) lotta contro l’invasione e (3) danno causato dall’invasione.

Il costo per combattere l’invasione del calabrone asiatico è il costo della distruzione del nido.

Per identificare tali costi, il team di ricerca ha studiato le informazioni sulle aziende che forniscono i servizi nella distruzione del nido, estrapolato spazialmente il costo della distruzione del nido e modellato la potenziale distribuzione dell’invasione.

Come mostrano i calcoli, al momento, i costi annuali stimati per l’eradicazione sarebbero di € 11,9 milioni per la Francia, € 9,0 milioni per l’Italia e € 8,6 milioni per il Regno Unito.

Nel 2006, solo due anni dopo che il calabrone fu osservato per la prima volta in Francia, tre dipartimenti erano già stati invasi e il costo della distruzione del nido era stimato a € 408.000.

Da allora, i costi annuali stimati sono aumentati di ~ € 450.000 ogni anno, mentre il calabrone continua a diffondersi e invade nuovi dipartimenti.

Complessivamente, abbiamo stimato € 23 milioni come costo della distruzione del nido tra il 2006 e il 2015.

Se questa tendenza temporale può essere estrapolata per i prossimi anni (ovvero se il calabrone continua a diffondersi ad un ritmo simile ), prevediamo che il costo annuale della distruzione del nido raggiungerà un valore stimato di € 11,9 milioni (dato che tutte le aree idonee vengono invase) in soli 12 anni

spiega il Prof. Franck Courchamp.

In Giappone e Corea del Sud, dove la specie è già stata osservata, il costo annuo totale della distruzione del nido è stimato rispettivamente a 19,5 milioni di euro e 11,9 milioni di euro.

Finora, l’eradicazione dei nidi è il modo più efficace per combattere l’invasione, sebbene non sia sufficiente.

Di conseguenza, finora, solo il 30-40% dei nidi rilevati viene distrutto ogni anno in Francia.

Inoltre, piuttosto che il risultato di una strategia controllata, quei nidi distrutti sono solo quelli che sono stati determinati da un potenziale danno particolare alle attività umane o apistiche.

I ricercatori sottolineano che questo non è abbastanza.

In conclusione, gli scienziati chiedono misure e ricerche più attive, legate all’invasione di Vespa velutina nigrithorax.

A condizione che altri paesi, tra cui Stati Uniti, Australia, Turchia e Argentina sembrino idonei dal punto di vista climatico alle specie, sono anche in pericolo.

Il presente studio presenta solo le prime stime dei costi economici derivanti dal calabrone asiatico, ma sicuramente è necessario adottare ulteriori misure per gestire le specie invasive dannose, una delle maggiori minacce alla biodiversità e al funzionamento dell’ecosistema.

 

 

Qui lo studio completo:

Vi abbiamo parlato di calabroni qui.

Neanderthal: anche i nostri antenati seppellivano i loro morti
Neanderthal: anche i nostri antenati seppellivano i loro morti
Mappatura dello spazio-tempo in eventi immaginati: il ruolo dell'ippocampo
Mappatura dello spazio-tempo in eventi immaginati: il ruolo dell'ippocampo
Mappatura dello spazio-tempo in eventi immaginati: il ruolo dell'ippocampo
Mappatura dello spazio-tempo in eventi immaginati: il ruolo dell'ippocampo