Malattia di Lyme, speranza da un nuovo farmaco

3
222
6 Aprile 2020

Lyme

Una recente ricerca presenta un nuovo farmaco nella lotta contro la malattia di Lyme cronica, la malattia trasmessa dal morso delle zecche.

Chi ha l’abitudine di camminare nei boschi e sui sentieri sa che è buona abitudine, una volta tornati a casa, controllare di non avere raccolto ospiti indesiderati: le zecche.

Questi aracnidi sono sempre più comuni nei nostri prati e nei cespugli, oltre ad essere fastidiosi possono, in alcuni casi rivelarsi anche pericolosi.

In media una zecca su 100 può trasmettere la malattia di Lyme, un’infezione dovuta alla Borrelia burgdorferi, un batterio che infesta le zecche, le quali possono trasmetterlo all’uomo e agli animali.

La malattia di Lyme, detta anche borrelliosi, deve il suo nome al villaggio di Lyme dove fu scoperta negli anni ’70, ma sta diventando sempre più frequente anche in Italia, soprattutto in Trentino, nel Carso e in Liguria.

Se la malattia non viene trattata prontamente, può portare a problemi cardiaci potenzialmente letali e problemi neurologici cronici.

I sintomi persistenti comuni di Lyme includono affaticamento, dolori articolari, dolori muscolari, intorpidimento, formicolio, bruciore e alterazioni dell’umore, della memoria o della chiarezza mentale.

Il trattamento standard della malattia di Lyme è antibiotici per via orale, in genere doxiciclina, nelle prime fasi della malattia; ma per motivi che non sono chiari, gli antibiotici non funzionano fino al 20% delle persone con malattia trasmessa da zecche.

Una possibilità è che i batteri tolleranti ai farmaci causino i sintomi persistenti.

Questo studio su un nuovo farmaco, pubblicato online su Scientific Reports, è stato condotto da un team guidato da Jayakumar Rajadas, PhD, assistente professore di medicina e direttore dei Biomateriali di Stanford e Advanced Drug Delivery Laboratory, insieme ad un altro ricercatore del suo gruppo Venkata Raveendra Pothineni, PhD.

Il team si è concentrato sull’azlocillina come candidato farmacologico promettente attraverso l’uso di screening farmacologici ad alto rendimento.

Questo processo comporta l’acquisizione di “librerie” di migliaia di composti chimici e farmaci noti, quindi la miscelazione dei batteri Lyme con ciascuno in minuscoli pozzetti per vedere quali sono i migliori nell’uccidere gli organismi.

I migliori candidati ai farmaci sono stati ritestati in piatti di cultura più ampia, quindi i più sicuri sono stati testati in vivo su topi.

Secondo il recente studio, l’azlocillina mostra risultati promettenti perché sembra essere in grado di uccidere le due forme morfologiche dei batteri di Lyme: le forme a spirale attivamente replicanti e le forme semi-dormienti a corpo tondo.

L’azlocillina sembra anche uccidere molto efficacemente le forme persistenti tolleranti ai farmaci.

Queste forme persistenti si presentano in alcuni casi quando i batteri sono attaccati da agenti biochimici o antibiotici poco efficaci.

Dopo che la minaccia è passata, i batteri possono riemergere per causare malattie attive. Molti ricercatori ritengono che l’incapacità della doxiciclina di eliminare le forme persistenti possa spiegare i sintomi in corso di alcuni malati di Lyme.

Sebbene l’azlocillina sia un farmaco approvato dalla FDA, sono necessarie ulteriori ricerche prima di essere usato per trattare i pazienti con Lyme.

Rajadas e Pothineni hanno brevettato il composto per il trattamento della malattia di Lyme e stanno lavorando con una società per sviluppare una forma orale del farmaco. I ricercatori hanno in programma di condurre una sperimentazione clinica.

Abbiamo selezionato potenziali farmaci per sei anni.

Abbiamo selezionato quasi 8.000 composti chimici.

Abbiamo testato 50 molecole in vitro.

Le molecole più efficaci e sicure sono state testate su modelli animali. Lungo la strada, ho ho incontrato molte persone che soffrivano di questa orribile malattia persistente. Il nostro obiettivo principale è trovare il miglior composto per curare i pazienti e fermare questa malattia

dice il dottor Pothineni.

 

Qui lo studio completo:

 

 

Aree Tematiche
Medicina Scienze
Tag
lunedì 6 aprile 2020 - 10:09
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd