La longevità è nel nostro DNA

La longevità è nel nostro DNA

3
25 Marzo

dna

Possiamo prevedere la durata della nostra vita leggendo le informazioni scritte nel DNA?

Lungamente si è provato a comprendere se le informazioni racchiuse all’interno del DNA possano determinare se una persona sia portata a sviluppare una malattia o a resistere e non ammalarsi.

Il DNA contiene le informazioni che rendono tutte le cellule che compongono i nostri corpi e consentono loro di funzionare.

Parte del DNA è composta da geni, di cui vengono prodotte proteine ​​che partecipano praticamente a tutti i processi all’interno delle nostre cellule e organi.

Mentre le variazioni del codice genetico determinano tratti biologici, come il colore degli occhi, il gruppo sanguigno e il rischio di malattie, spesso è un gruppo di numerose variazioni con piccoli effetti che influenzano un tratto fenotipico.

Sfruttando un’enorme quantità di dati genetici e clinici in tutto il mondo e  grazie a una svolta metodologica, è ora possibile identificare le persone altamente a rischio per determinate malattie utilizzando informazioni genetiche.

Mentre una stratificazione del rischio basata sull’informazione genetica potrebbe essere una potenziale strategia per migliorare la salute della popolazione, una grande sfida sta nel fatto che l’informazione racchiusa in una sequenza di DNA non può essere modificata anche se questa informazione sia responsabile di noto aumento del rischio di una particolare malattia.

In un nuovo studio, i ricercatori dell’Università di Osaka hanno scoperto che le persone che hanno una suscettibilità genetica a determinati tratti, come l’ipertensione o l’obesità, di solito hanno una vita più breve.

Il DNA contiene molte informazioni, la maggior parte delle quali di significato sconosciuto per noi. L’obiettivo del nostro studio era capire come possiamo utilizzare le informazioni genetiche per scoprire i fattori di rischio per importanti risultati sulla salute che possiamo influenzare direttamente come operatori sanitari.

afferma l’autore corrispondente dello studio Yukinori Okada

Per raggiungere il loro obiettivo, i ricercatori hanno analizzato le informazioni genetiche e cliniche di 700.000 persone provenienti da biobanche nel Regno Unito, in Finlandia e in Giappone.

Da questi dati, i ricercatori hanno calcolato punteggi di rischio poligenici, che sono una stima della suscettibilità genetica a un tratto biologico, come un rischio di malattia, per scoprire quale fattore di rischio influenzi causalmente la durata della vita.

Le biobanche sono una risorsa incredibile. Collaborando con grandi biobanche nel Regno Unito, in Finlandia e in Giappone, non solo abbiamo avuto accesso a grandi quantità di dati, ma anche a popolazioni geneticamente diverse, entrambe necessarie per trarre conclusioni clinicamente significative

afferma l’autore principale dello studio Saori Sakaue.

I ricercatori hanno scoperto che l’ipertensione e l’obesità sono i due fattori di rischio più forti che hanno ridotto la durata della vita dell’attuale generazione. È interessante notare che, mentre i ricercatori hanno studiato l’ipertensione arteriosa ha ridotto la durata della vita in tutte le popolazioni, l’obesità ha significativamente ridotto la durata della vita in soggetti con origini europee, suggerendo che la popolazione giapponese era in qualche modo protetta dagli effetti dannosi che l’obesità ha sulla durata della vita.

Questi sono risultati sorprendenti che mostrano come la genetica può essere utilizzata per prevedere i rischi per la salute. I nostri risultati potrebbero offrire un approccio per utilizzare le informazioni genetiche per cercare fattori di rischio per la salute con l’obiettivo di fornire cambiamenti nello stile di vita e trattamenti medici mirati. In definitiva, questi approcci dovrebbero migliorare la salute della popolazione generale

 

 

Qui l’articolo completo:

 

Ilanio

Ilanio

Science Newsbot
Aree Tematiche
Medicina Scienze
Tag
mercoledì 25 marzo 2020 - 10:50
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd